Essere un bizzarro americano l'11 settembre

Fonte: Mikka Luster / Flickr

In questo anniversario degli attacchi terroristici del 2001, voglio condividere perché mi considero uno strano americano.

Sono molto orgoglioso di essere un cittadino degli Stati Uniti. L'America è un faro di speranza per la democrazia e la libertà per milioni di persone in tutto il mondo. Le nostre università producono costantemente ricerche innovative; le nostre aziende guidano l'innovazione per l'economia globale; il nostro esercito aiuta a mantenere la pace in molti conflitti globali.

Tuttavia sono sempre stato a disagio a pensare a me stesso come "americano" quando vedo i politici fare discorsi con il messaggio "America, giusto o sbagliato", supportando qualunque cosa il governo accada di fare come la cosa giusta. Preferisco di gran lunga la presa del grande statista americano Carl Shurz: "Il mio paese, giusto o sbagliato; se è giusto, essere tenuto bene; e se sbagliato, per essere corretto. "

Fonte: SeanyD810 / Flickr

Il mio sentimento si è cristallizzato nel secondo anniversario dell'11 settembre 2003. Avevamo recentemente invaso l'Iraq sulla base delle dichiarazioni dell'amministrazione Bush secondo cui l'Iraq possedeva armi di distruzione di massa e che l'amministrazione di Saddam Hussein era legata agli attacchi dell'11 settembre. Nonostante una ricerca approfondita, il rapporto finale della CIA non ha trovato armi di distruzione di massa e in seguito le affermazioni sono state ritenute false.

La mancanza di tali armi di distruzione di massa era già abbastanza chiara per l'11 settembre 2003 e persino Bush non ammise alcun legame diretto tra Saddam e l'11 settembre. Eppure questo non gli ha impedito, nel suo discorso l'11 settembre 2003, di creare un'associazione tra l'11 settembre e la guerra in Iraq, quando ha affermato "stiamo combattendo quel nemico in Iraq e in Afghanistan oggi così che facciamo non incontrarlo di nuovo sulle nostre stesse strade, nelle nostre città ".

Ricordo di aver ascoltato quel discorso, e di essermi davvero spento quando usava l'etichetta "noi" – americani – come se comprendesse me. Non stavo combattendo il nemico e non volevo nessuna parte dell'etichetta di "noi" in una guerra che mi opponevo. Ricordo di aver fatto una passeggiata nel mio quartiere dopo il discorso e di aver visto tutte le bandiere per le strade, e di essermi sentita scoraggiare da tali manifestazioni patriottiche quando pensavo che il paese stava andando nella direzione sbagliata. Ricordo di aver ricordato come l'etichetta di "americano" si sentisse confinata, costringendomi a identificarmi con gli aspetti degli Stati Uniti di cui non ero contento.

Così ho deciso di passare un po 'di tempo a pensare a un modo per affrontare questa sensazione di disagio. Mi sono imbattuto in un approccio che si basa sulla strategia del reframing, un approccio basato sulla ricerca che comporta il cambiamento del nostro modo di pensare.

Nello specifico, ho provato a mettere il termine "strano" prima di "americano". Il termine "strano" ha avuto un impatto meraviglioso. In linea con il mio desiderio di identificare in generale l'etichetta "American", ma mi ha permesso di separarmi da qualsiasi aspetto dell'etichetta che non sostengo. Questo rappresenta un esempio specifico della più ampia strategia informata sulla ricerca di distanziarsi da una situazione di disagio per pensarci con calma e prendere buone decisioni su come procedere.

Una volta che ho iniziato a pensare a me stesso come a uno "strano americano", mi sono liberato dall'ansia di non identificarmi completamente con quell'etichetta. Riuscii a pensare con calma a quali aspetti dell'essere americano mi identificavo con quello che non avevo, e misi quest'ultimo alla mia identità.

Sulla base di questa esperienza, ho iniziato a mettere "strano" di fronte ad altre etichette che non si sentivano completamente a mio agio. Ad esempio, mentre amo mia madre molto, io e lei litighiamo di tanto in tanto, e mi ha fatto sentire veramente male in passato quando abbiamo avuto conflitti. Ora, penso a me stesso come un figlio strano quando combattiamo, il che mi rende molto più calmo e meno stressato.

Il termine "strano" mi ha anche permesso di cambiare i miei comportamenti in modi utili. Ad esempio, sono una persona gentile e gentile intuitivamente e mi sforzo di essere gentile con tutti. Tuttavia, essere in questo modo ha permesso ad altri di sfruttare la mia gentilezza e di farmi del male in passato. Pensare a me stesso come a un "bizzarro bravo ragazzo" mi permette di essere meno che carino quando l'occasione lo richiede, per quanto innaturale possa trovarlo. Etichettarmi come uno strano pedone mi ha permesso di fermarmi e annusare i fiori sul marciapiede nonostante avessi degli sguardi strani dagli altri.

Nel complesso, usare il termine "strano" prima che una qualsiasi categoria di identità mi aiutasse ad ottenere una maggiore libertà di azione, la qualità della vita di vivere intenzionalmente per raggiungere i miei obiettivi, liberandomi dalle restrizioni associate alle etichette di identità imposte dalla società. Mi ha permesso di scegliere e scegliere quali aspetti di queste etichette meglio rispondono alle mie esigenze e mi consente di sentirmi a mio agio nella mia pelle. Spero che qualcuno di voi possa risuonare nell'essere un "bizzarro" americano l'11 settembre e utilizzare questa strategia di gestione dell'identità a proprio vantaggio.

____________________________________________________________________

Bio: Dr. Gleb Tsipursky gestisce una no-profit che ti aiuta a raggiungere i tuoi obiettivi usando la scienza per costruire un mondo altruista e fiorente, Intentional Insights, creato tra gli altri libri, e contributi regolari a luoghi di rilievo; ed è un professore di cattedra a tempo determinato nello stato dell'Ohio. Prendi in considerazione l'iscrizione alla newsletter di Intentional Insights; volontariato; la donazione; comprare la merce Puoi supportarlo personalmente su Patreon. Mettiti in contatto con lui su gleb@intentionalinsights.org.

Solutions Collecting From Web of "Essere un bizzarro americano l'11 settembre"