Essere preoccupato per i ragazzi, in particolare Baby Boys

Spesso sentiamo che i ragazzi hanno bisogno di essere temprati per non essere femminucce. La tenacia dei genitori verso i bambini viene celebrata come "non rovinare il bambino". Sbagliato! Queste idee sono basate su un fraintendimento di come si sviluppano i bambini. Invece, i bambini fanno affidamento su cure teneri e reattive per crescere bene, con conseguente autocontrollo, abilità sociali e preoccupazione per gli altri.

Una revisione della ricerca empirica appena uscita da Allan N. Schore, intitolata "Tutti i nostri figli: la neurobiologia dello sviluppo e la neuroendocrinologia dei ragazzi a rischio".

Questa revisione approfondita mostra perché dovremmo essere preoccupati di come trattiamo i ragazzi nelle prime fasi della loro vita. Ecco alcuni punti salienti:

Perché l'esperienza della prima infanzia influenza i ragazzi molto più delle ragazze?

  • I ragazzi maturano più lentamente fisicamente, socialmente e linguisticamente.
  • I circuiti cerebrali che regolano lo stress maturano più lentamente nei ragazzi in fase prenatale, perinatale e postnatale.
  • I ragazzi sono colpiti in modo più negativo dallo stress ambientale precoce, dentro e fuori dall'utero, rispetto alle ragazze. Le ragazze hanno più meccanismi integrati che promuovono la resilienza contro lo stress.

Come sono colpiti i ragazzi più delle ragazze?

  • I ragazzi sono più vulnerabili allo stress materno e alla depressione nell'utero, traumi alla nascita (ad es. Separazione dalla madre) e caregiving non responsivo (caregiving che li lascia in difficoltà). Questi includono trauma di attaccamento e impatto significativo sullo sviluppo dell'emisfero cerebrale destro, che si sviluppa più rapidamente nella prima infanzia rispetto all'emisfero cerebrale sinistro. L'emisfero destro stabilisce normalmente circuiti cerebrali autoregolamentati legati all'autocontrollo e alla socialità.
  • I neonati normali a termine normale reagiscono in modo diverso alla valutazione del comportamento neonatale, mostrando livelli di cortisolo più elevati (un ormone mobilizzante che indica stress) in seguito rispetto alle ragazze.
  • A sei mesi, i ragazzi mostrano più frustrazione delle ragazze. A 12 mesi i ragazzi mostrano una maggiore reazione agli stimoli negativi.
  • Schore cita la ricerca di Tronick, che ha concluso che "Ragazzi. . . sono partner sociali più esigenti, hanno più difficoltà a regolare i loro stati affettivi e potrebbero aver bisogno di più sostegno da parte della madre per aiutarli a regolare gli affetti. Questa maggiore richiesta avrebbe conseguenze sul partner interattivo dei bambini maschi (pagina 4).

Cosa possiamo concludere dai dati?

I ragazzi sono più vulnerabili ai disturbi neuropsichiatrici che appaiono in via di sviluppo (le ragazze sono più vulnerabili ai disturbi che appaiono più tardi). Questi includono l'autismo, la schizofrenia ad esordio precoce, l'ADHD e disturbi della condotta. Questi sono aumentati negli ultimi decenni (è interessante notare che, dato che più bambini sono stati inseriti in strutture per l'infanzia, quasi tutti forniscono cure inadeguate ai bambini, National Institute of Child Health e Human Development, Early Child Care Research Network, 2003).

Schore afferma, "alla luce della maturazione del cervello più lento del bambino, la funzione di regolazione dell'attaccamento della madre sicura come regolatore affettivo sensibilmente reattivo e interattivo del suo cervello destro immaturo nel primo anno è essenziale per uno sviluppo socioemotionale maschile ottimale" (p. 14)

"In totale, le pagine precedenti di questo lavoro suggeriscono che le differenze tra i sessi nei modelli di cablaggio del cervello che spiegano le differenze di genere nelle funzioni sociali ed emotive sono stabilite all'inizio della vita; che la programmazione evolutiva di queste differenze è più che codificata geneticamente, ma modellata epigeneticamente dal primo ambiente sociale e fisico; e che il maschio adulto e il cervello femminile rappresentano una complementarità adattativa per una funzione umana ottimale. "(p 26)

Che aspetto hanno le cure inappropriate nei primi anni di vita?

"In netto contrasto con questo scenario di attaccamento che facilita la crescita, in un ambiente postnatale che inibisce la crescita, una sensibilità materna, una reattività e una regolazione non ottimali sono associate ad attaccamenti insicuri. Nel contesto relazionale più dannoso per la crescita e il maltrattamento di attaccamento (abuso e / o negligenza), il caregiver primario di un infante disorganizzato e disorientato induce stati traumatici di affetto negativo persistente nel bambino (AN Schore, 2001b, 2003b) . Di conseguenza, i processi allostatici disregolati producono un'usura eccessiva sul cervello in via di sviluppo, una grave parcellizzazione apoptotica dei circuiti di stress sottocorticali-corticali e conseguenze negative a lungo termine sulla salute (McEwen e Gianaros, 2011). Il trauma relazionale nei primi periodi critici dello sviluppo cerebrale imprime quindi una reattività fisiologica permanente dell'emisfero destro , altera la connettività corticolimbica nell'HPA e genera una suscettibilità ai successivi disordini della regolazione degli affetti espressa in un deficit nel far fronte ai futuri fattori di stress socioemotionale . In precedenza, ho descritto che i cervelli maschili a maturazione lenta sono particolarmente vulnerabili a questa tipologia di attaccamento più disregolata, che si esprime in gravi deficit nelle funzioni sociali ed emotive. "(P. 13)

Che aspetto ha l'assistenza appropriata nel cervello?

"In uno scenario di sviluppo ottimale, il meccanismo di attaccamento evolutivo, che matura durante un periodo di crescita del cervello destro, consente così ai fattori epigenetici nell'ambiente sociale di influire sui meccanismi genomici e ormonali sia a livello subcorticale che a livello cerebrale corticale . Entro la fine del primo anno e nel secondo, i centri più alti nell'orbita destra e le cortecce ventromediali iniziano a creare reciproche connessioni sinaptiche con i centri sottocorticali inferiori, compresi i sistemi di eccitazione nel mesencefalo e nel tronco cerebrale e l'asse HPA, permettendo così per strategie più complesse di regolazione degli affetti, specialmente durante i momenti di stress interpersonale . Detto questo, come ho notato nel 1994, la corteccia orbitofrontale destra, il sistema di controllo dell'attaccamento, matura funzionalmente secondo orari diversi nelle femmine e nei maschi, e quindi, la differenziazione e la crescita si stabilizzano prima nelle femmine rispetto ai maschi (AN Schore, 1994). In entrambi i casi, gli scenari di attaccamento ottimali consentono lo sviluppo di un sistema lateralizzato di attivazione efficiente e inibizione del feedback dell'asse HPA e di arousal autonomo, componenti essenziali per capacità di coping ottimali . "(P. 13)

NOTA: ecco un recente articolo che spiega l'allegato.

Implicazioni pratiche per genitori, professionisti e responsabili politici:

1. Renditi conto che i ragazzi hanno bisogno di più, non meno, di cure rispetto alle ragazze.

2. Rivedi tutte le pratiche di nascita in ospedale. L'Iniziativa Ospedale Baby-Friendly è un inizio ma non abbastanza. Secondo una recente revisione della ricerca, ci sono molti effetti epigenetici e altri in corso alla nascita.

La separazione di mamma e bambino alla nascita è dannosa per tutti i bambini, ma Schore sottolinea quanto più male fa ai ragazzi:

"Esporre il maschio appena nato. . . lo stress da separazione causa un forte aumento acuto del cortisolo e può quindi essere considerato come un grave fattore di stress "(Kunzler, Braun, & Bock, 2015, 862). La separazione ripetuta provoca un comportamento iperattivo e "cambia. . . percorsi prefrontali-limbici, cioè regioni che sono disfunzionali in una varietà di disturbi mentali "(pagina 862).

3. Fornire assistenza reattiva . Madri, padri e altri operatori sanitari dovrebbero evitare qualsiasi grave angoscia nel bambino – "perseveranti affetti negativi". Invece del duro trattamento normalizzato dei maschi ("renderli uomini") lasciandoli piangere come bambini e poi dicendo loro di non piangere come ragazzi, trattenendo affetto e altre pratiche per "indurirli", i ragazzi dovrebbero essere trattati in modo opposto: con tenerezza e rispetto per i loro bisogni di coccole e di gentilezza.

Si noti che i ragazzi pretermine sono meno in grado di interagire spontaneamente con i caregivers e quindi necessitano di cure particolarmente sensibili man mano che il loro sviluppo neurobiologico procede.

4. Fornire un congedo parentale retribuito . Per i genitori di fornire cure reattive, hanno bisogno di tempo, concentrazione ed energia. Ciò significa passare a un congedo materno e paterno retribuito per almeno un anno, il momento in cui i bambini sono più vulnerabili. La Svezia ha altre politiche favorevoli alla famiglia che rendono più facile per i genitori essere reattivi.

5. Un'altra cosa che non ho trattato è che gli effetti delle tossine ambientali sono causati da Schore. I ragazzi giovani sono più negativamente colpiti dalle tossine ambientali che disturbano anche lo sviluppo dell'emisfero destro del cervello (ad esempio, plastiche come BpA, bis-fenolo-A). Schore concorda con la proposta di Lamphear (2015) secondo cui "l'aumento delle disabilità dello sviluppo è associato alle tossine ambientali sul cervello in via di sviluppo". Questo suggerisce che dovremmo essere molto più cauti nel mettere sostanze chimiche tossiche nell'aria, nel suolo e nell'acqua. Questo è un argomento per un altro post sul blog.

Conclusione

Certo, non dovremmo preoccuparci solo dei ragazzi, ma agire per tutti i bambini. Dobbiamo fornire cure nutrienti a tutti i bambini. Tutti i bambini si aspettano e necessitano, per il corretto sviluppo, del nido evoluto, una base per la cura precoce che fornisca cure nutritive e riducenti lo stress che promuovano lo sviluppo ottimale del cervello. Il mio laboratorio studia il nido evoluto e lo trova correlato a tutti i risultati positivi dei bambini che abbiamo studiato.

Articolo successivo: Perché preoccuparsi di Undercared for Males? Morale incasinato!

NOTA: i lettori hanno sollevato domande sulla circoncisione. Il set di dati USA recensito dal Dr. Schore non includeva informazioni sulla circoncisione, quindi non c'è modo di sapere se alcuni dei risultati potrebbero essere dovuti al trauma della circoncisione, che è ancora diffuso negli Stati Uniti. Leggi di più sugli effetti psicologici della circoncisione qui.

Narrated powerpoint su Evolved Nest

Interviste sul nido evoluto

Creazione di esseri umani sostenibili con genitori consapevoli (Darcia Narvaez with Kindred Media) (circa 45 minuti, trascrizione anche lì)

Podcast ParentingConnections (Darcia Narvaez, meno di un'ora)

Primal Parenting (Darcia Narvaez at Born to Breastfeed) (meno di un'ora)

Genitori evoluti (Darcia Narvaez con Pinky McKay) (1 ora, solo audio)

Informazioni aggiuntive

Il sito web di Allan N. Schore

NOTA sulle ASSUNZIONI DI BASE:

Quando scrivo riguardo alla crescita dei bambini, presumo l'importanza del nido evoluto o della nicchia evolutiva evolutiva (EDN) per l'innalzamento dei neonati umani (che inizialmente è sorto oltre 30 milioni di anni fa con l'emergere dei mammiferi sociali ed è stato leggermente alterato tra i gruppi umani basato sulla ricerca antropologica).

L'EDN è la linea di base che uso per esaminare ciò che promuove la salute umana ottimale, il benessere e la morale compassionevole. La nicchia include almeno quanto segue: allattamento al seno iniziato da bambino per diversi anni, tocco quasi costante precoce, reattività al bisogno di evitare angosciare un bambino, compagnia giocosa con compagni di vita multietnica, assistenti sanitari multipli, sostegno sociale positivo e esperienze perinatali rilassanti .

Tutte le caratteristiche dell'EDN sono legate alla salute negli studi sui mammiferi e sull'uomo (per le recensioni, vedi Narvaez, Panksepp, Schore & Gleason, 2013; Narvaez, Valentino, Fuentes, McKenna e Gray, 2014; Narvaez, 2014). Quindi, si allontana dall'EDN i dati di riferimento sono rischiosi e devono essere supportati da dati longitudinali che durino tutta la vita, esaminando molteplici aspetti del benessere psicosociale e neurobiologico nei bambini e negli adulti. I miei commenti e post derivano da questi presupposti di base.

Il mio laboratorio di ricerca ha documentato l'importanza dell'EDN per il benessere dei bambini e lo sviluppo morale con più documenti in lavorazione (vedi il mio sito Web per scaricare i documenti):

Narvaez, D., Gleason, T., Wang, L., Brooks, J., Lefever, J., Cheng, A., e Centri per la prevenzione della negligenza infantile (2013). La nicchia evoluta dello sviluppo: effetti longitudinali delle pratiche di caregiving sullo sviluppo psicosociale della prima infanzia. Ricerca sulla prima infanzia trimestrale, 28 (4), 759-773. Doi: 10.1016 / j.ecresq.2013.07.003

Narvaez, D., Wang, L., Gleason, T., Cheng, A., Lefever, J., e Deng, L. (2013). La nicchia evolutiva evolutiva e gli esiti sociomorali nei bambini di tre anni cinesi. European Journal of Developmental Psychology, 10 (2), 106-127.

Abbiamo anche un recente aspetto cartaceo sugli effetti degli adulti:

Narvaez, D., Wang, L, & Cheng, A. (2016). Evoluzione della storia del posticino evolutivo: relazione con la psicopatologia e la moralità degli adulti. Applied Developmental Science, 4, 294-309. http://dx.doi.org/10.1080/10888691.2015.1128835

Vedi questi per le recensioni teoriche:

Narvaez, D., Gettler, L., Braungart-Rieker, J., Miller-Graff, L., e Hastings, P. (2016). La fioritura dei bambini piccoli: linee di base evolutive. In Narvaez, D., Braungart-Rieker, J., Miller, L., Gettler, L., & Harris, P. (Eds.), I contesti per la crescita del bambino in giovane età: Evoluzione, famiglia e società (pagine 3-27 ). New York, NY: Oxford University Press.

Narvaez, D., Hastings, P., Braungart-Rieker, J., Miller, L., & Gettler, L. (2016). Bambino in giovane età che fiorisce come obiettivo per la società. In Narvaez, D., Braungart-Rieker, J., Miller, L., Gettler, L., e Hastings, P. (Eds.), I contesti per la crescita del bambino in giovane età: Evoluzione, famiglia e società (pagine 347-359 ). New York, NY: Oxford University Press.

Vedi anche questi libri:

Evoluzione, esperienza precoce e sviluppo umano (Oxford University Press)

Paesaggi ancestrali nell'evoluzione umana (Oxford University Press)

Contesti per bambini piccoli Flourishing: Evolution, Family and Society (a cura di Braungart-Rieker, Miller-Graff, Gettler, Hastings; OUP, 2016)

Neurobiologia e sviluppo della moralità umana (WW Norton)

Solutions Collecting From Web of "Essere preoccupato per i ragazzi, in particolare Baby Boys"