Essere onesti con i bambini

Quando un genitore muore lasciando i bambini piccoli, c'è spesso uno sfogo di consigli su come aiutare questi bambini. Non mi sento a mio agio con alcuni dei consigli offerti anche se ben intenzionati. Penso che questo possa essere un'opportunità per richiamare l'attenzione su come definiamo il dolore; e in questa definizione potremmo essere in grado di trovare modi per educare, non solo la famiglia in lutto ma anche coloro che vogliono aiutare. Ho ricevuto una risposta al mio ultimo blog. Lo scrittore ha ricordato al lettore che la morte fa parte della vita e abbiamo bisogno di pensare al dolore come qualcosa che tutti noi viviamo. Sono assolutamente d'accordo. Il nostro impulso è proteggere i bambini, proteggerli dal dolore e forse dai fatti della morte. Tuttavia, forse il modo migliore per proteggere i bambini è coinvolgerli in modi che rispettino la loro età.

Ci arriviamo con alcune nozioni preconcette su quale sia il dolore. Nel mondo di oggi pensiamo a come aiutare i dolenti a superarlo il più rapidamente possibile, a trovare la chiusura, a superarla. Abbiamo molti "doveri" su ciò che i familiari dovrebbero sentire e fare. Ma come il defunto ti dirà che non ci sono cose da fare! In alcune delle lingue usate sentiamo parlare di recupero, come se essere in lutto fosse una malattia e con il trattamento adeguato saremo guariti. In questa visione l'attenzione principale è sui sentimenti. A mio avviso, questi sono obiettivi non realistici e spiegano solo una parte di ciò che sta accadendo. Questa non è una malattia e c'è molto di più in questa esperienza rispetto ai sentimenti difficili. Se avessi una definizione per il dolore, inizierei col notare che questa è un'esperienza universale che tutti noi viviamo. Ho pensato ad esso come a una transizione del ciclo di vita in cui affrontiamo sentimenti difficili e dolorosi, con nuove realtà e con un reale cambiamento nelle nostre vite. Dobbiamo guardarlo in un contesto familiare.

Dobbiamo chiedere cosa si perde, quando ad esempio un genitore muore. Un bambino perde una relazione premurosa che le conferisce un senso di spazio e sicurezza nel mondo. La vita è cambiata per sempre, e lui deve imparare a trattare non solo con strani nuovi sentimenti, ma con un mondo diverso da cui questo genitore è assente ma ancora molto presente. Mentre c'è un vuoto mentre affrontiamo il silenzio dalla tomba, non chiudiamo il defunto, in qualche modo fanno ancora parte della nostra vita. Possiamo concentrarci su come i bambini affrontano la presenza del defunto nelle loro vite, ma in realtà se non stiamo cercando la chiusura, tutti noi troviamo il defunto molto parte della nostra vita .. Parliamo con il defunto, noi sogniamo dei defunti, facciamo cose per onorare la loro memoria e le loro vite e questo ci aiuta a ricordare. Se parliamo di bambini, dobbiamo riconoscere che la comprensione dell'impatto della perdita sulle loro vite cambierà mano a mano che crescono e maturano e capiscono meglio chi è morto. Riconosceranno come hanno affrontato tutti i cambiamenti associati alla morte e come è cambiato anche questo. Anche la religione può avere un ruolo qui, ma lo lascio per un'altra volta.

Dalla mia ricerca sono arrivato a riconoscere che ci sono almeno tre cose di cui i bambini hanno bisogno per aiutarli a far fronte. Hanno bisogno di cure, hanno bisogno di una connessione e hanno bisogno di continuità. Hanno bisogno di sentirsi presi cura di loro, di essere amati e dei semplici bisogni di vivere che sono lì per loro. Hanno bisogno di sentirsi in contatto con chi li circonda, di essere coinvolti e rispettati come persone in lutto nel dramma familiare; hanno anche bisogno di trovare il modo di essere collegati al defunto mentre non vivono nel passato il passato è parte di ciò che sono e ha un posto nel loro futuro. Hanno anche bisogno di un senso nonostante questa perdita critica nelle loro vite, ci sarà una connessione tra il passato e il presente. Ci sarà un domani.

Non possiamo proteggere i bambini dalle realtà della condizione umana. Forse la migliore protezione è accompagnarli attraverso questa nuova difficile realtà

Solutions Collecting From Web of "Essere onesti con i bambini"