Essere o non essere-Charlie Hebdo?

Oggi tre milioni di persone hanno sfilato per le strade di Parigi per protestare contro l'omicidio di giornalisti sul quotidiano satirico Charlie Hebdo . Il grido dei manifestanti è diventato ormai familiare da questa parte dell'Atlantico e in tutta Europa: "Je suis Charlie Hebdo " (I am Charlie Hebdo ).

Per ogni giornalista o scrittore l'incidente di Charlie Hebdo presenta un momento di verità, specialmente per quelli di noi le cui idee possono sembrare offensive o addirittura pericolose per alcuni gruppi. Dobbiamo riflettere su ciò che rende le idee pericolose e se esistono limitazioni alla libertà di parola e di espressione. Se avessimo o meno saputo dell'esistenza di Charlie Hebdo prima di questa settimana (non l'avevo), l'incidente ci tocca tutti. Essere o non essere Charlie Hebdo, questa è la domanda che dobbiamo porci

L'editorialista del New York Times, David Brookes, ha deciso di non esserlo. "Io non sono Charlie Hebdo ", ha proclamato in un articolo tre giorni fa. Ed ecco il suo ragionamento. Nessuna università americana tollererebbe il giornalismo di tipo Charlie Hebdo . Se i loro fumetti satirici fossero stati pubblicati su qualsiasi campus universitario negli Stati Uniti, sarebbero immediatamente stati chiusi come "discorsi di odio". Pertanto, identificare e lodare i giornalisti morti come martiri è ipocrita da parte nostra e Brookes non può identificarsi con questo . Perché dovremmo celebrare e persino identificarci con un tipo di giornalismo che non sarebbe accolto sulle nostre coste. Perché davvero?

Di solito non sono d'accordo con le opinioni di David Brookes. Tuttavia, le sue argomentazioni valgono sempre la pena di essere riflesse. Secondo Brookes, siamo mortificati dal massacro di scrittori ed editori innocenti a Parigi; ma siamo ipocriti nel permettere loro di diventare simboli mondiali della libertà di parola. È ora di diventare meno ipocritici, esorta Brookes e smettere di rivendicare sulle nostre pagine di Facebook che siamo Charlie Hebdo .

Dovremmo essere più socialmente discriminanti e ammettere che la satira di tipo Charlie Hedbo non è "rispettabile" o di buon gusto dalla nostra parte sullo stagno. Charlie Hebdo dovrebbe essere relegato in un piccolo angolo del "tavolo degli adulti" ben lontano dal "tavolo dei bambini".

Anche se non dice esplicitamente questo e per tutti la sua elogio del livellamento sociale che gli satiri realizzano, Brookes sembra implicare che la satira sociale in generale, e Charlie Hebdo in particolare, costituiscano una forma "inferiore" di giornalismo e stile letterario. È una forma di giornalismo che non è completamente rispettabile o di buon gusto; ma come società dobbiamo tenere gli satirici in giro e persino ascoltarli "perché nel loro modo missilistico non guidato, a volte dicono cose che nessun altro sta dicendo".

Questo stile letterario ha una storia lunga e venerabile nella società occidentale, dal drammaturgo greco Aristofane a Jonathon Swift fino a Charles Dickens. Alla fine, Brookes fa un appello per "tolleranza legale", ma non per accettazione sociale, di Charlie Hebdo. Satira, crede che sia accettabile e persino prezioso per la società al suo posto.

Solutions Collecting From Web of "Essere o non essere-Charlie Hebdo?"