Essere lì: l'incontro annuale dell'American Psychiatric Association

Cosa fanno realmente i medici alla grande convention psichiatrica? I miei pazienti sono curiosi. Sempre più, così è il pubblico in generale.

È quel periodo dell'anno, l'incontro annuale della American Psychiatric Association. L'assunzione corrente è che questi affari sono spiacevoli, grosse bombe sponsorizzate da compagnie farmaceutiche, catene ospedaliere private e altri gruppi di interesse speciale. Questa prospettiva non è del tutto sbagliata – per anni, c'è stato un cast commerciale imbarazzante per la sala espositiva centrale – ma per la maggior parte, va contro l'esperienza.

Ho frequentato "APA" fedelmente per tre decenni, iniziando in residenza, quando avevo presentato uno studio sulla competenza per sostenere un processo. Quell'anno, a San Francisco, alcuni compagni di tirocinio e io invitammo la nostra insegnante di terapia familiare preferita a una cena dopo il ricevimento della residenza. Il pasto divenne una costante, il lunedì sera di ogni riunione. Col tempo, il nostro insegnante ha implorato. A quel punto, la cena fu un caldo biglietto. Ha attirato "giovani turchi" dalla psichiatria della sanità pubblica e dal governo federale. La folla invecchia. I numeri si sono ridotti. Quest'anno, torneremo a una piccola manciata.

Questo tipo di tradizione rende le riunioni intime. I partecipanti scambiano notizie di famiglia e pettegolezzi accademici. Ci aggiorniamo reciprocamente su scienza e scienza clinica. Nel complesso, i medici si dividono in gruppi di interesse. Gli scrittori tra di noi parlano di scrittura: David Hellerstein, Bob Klitzman, Anna Fels, Keith Ablow.

C'è una certa quantità di stelle. Ricordo il brivido, all'inizio della mia carriera, di incontrare Otto Kernberg, il grande teorico psicoanalitico. Non so a chi guardano i residenti nell'era farmacologica; per gran parte della mia carriera, i terapeuti sono stati gli eroi: Salvador Minuchin, Hyman Muslin, Aaron Beck, Jim Gustafson, il compianto Michael Basch e Leston Havens. Quando la convention si è tenuta a New Orleans, ho fatto una passeggiata memorabile con il mio vecchio insegnante, Robert Coles; stava visitando alcune delle ragazze, ora donne, di cui aveva scritto durante la lotta per l'integrazione scolastica. Un altro anno, mi presentò a Ethel Kennedy e parlammo di politica della salute mentale.

Gli autori vengono a parlare. Ho scritto sulla presentazione di Joyce Carol Oates, in connessione con il suo racconto breve (in seguito un romanzo), "Zombie", costruito attorno alla vergognosa storia della lobotomia. Il mio saggio ha scatenato una corrispondenza. Ho incontrato per la prima volta Judy Blume all'APA e Jamaica Kinkaid. Ho incrociato le strade con William Styron negli anni '60, ma abbiamo rinnovato la nostra conoscenza durante una riunione dell'APA e siamo rimasti vagamente in contatto. Un anno, ho avuto modo di scambiare due parole con Jorge Luis Borges. Mi sono aggrappato alla postura con cui sono arrivato negli anni settanta, ammirato e con gli occhi spalancati, fortunato ad esserci.

Nel corso del tempo, ho cercato la ricerca di farmaci e raccolto alcuni genetica e fisiologia, soprattutto quando stavo ricercando un libro. Ma i colloqui che ricordo riguardavano altri argomenti. Un seminario su Hubertus Tellenbach ha portato a un interesse per la psicologia fenomenologica tedesca, una prospettiva che compare di tanto in tanto nei miei libri, a volte in forma nascosta. Sono uno schifo per le sedute sulla filosofia europea e il suo rapporto con la teoria della psicoterapia o della diagnosi. Spesso rispolverare la storia della psichiatria. Parteciperò praticamente a qualsiasi sessione su approcci di coppia o di famiglia. Alcuni anni, entro un'ora mi stringo con droghe meravigliose. Sono troppo timido per prescrivere l'ormone della crescita umano e il DHEA. Quando stavo facendo reportage, ho scritto di Ethel Person che delineava il suo concetto di amore e Judd Marmor e Donald Klein discutevano i limiti etici in trattamento. Le mie presentazioni tendono a parlare di scrittura o di pratica, ma ho parlato dei dilemmi dell'intimità, della crisi di mezza età nel film, della natura del consiglio e del riduzionismo in psichiatria.

Tra lezioni e seminari, percorrerò la poster hall della "nuova ricerca" per vedere cosa c'è all'orizzonte, specialmente nel lavoro dei giovani colleghi. Navigo nei libri. Ho utilizzato le strutture dell'APA per registrare gli spot di servizio pubblico su argomenti di salute mentale. I comitati di lavoro dell'organizzazione si riuniscono durante la conferenza; un po 'del mio tempo passa all'attività di routine dei documenti di posizione e delle risoluzioni.

Per quanto riguarda l'eleganza, è vero che gli oratori della compagnia farmaceutica viaggiano in limousine. Prendo gli autobus della convenzione o vado a piedi. Tranne quando ho prestato servizio nel governo, nell'Amministrazione Carter, sono sempre andato da solo. Ho iniziato a condividere le stanze d'albergo con un compagno di residenza e in seguito non ho visto alcun motivo per cambiare le abitudini. Alcuni anni, ho fatto un giornalismo in loco per aiutarmi a pagare la mia strada, rimanendo fino alle ore piccole per archiviare storie. Per quanto riguarda la Big Pharma che si sta facendo strada nella coscienza dei medici, non sono mai tornato a casa da un incontro con un bottino in più di una tote bag e una penna.

Eccolo, lo squallore e il glamour: quartieri angusti, lunghe ore e, con fortuna, conoscenza rinnovata, perle cliniche, risultati di ricerche, teorie bizzarre e persino ispirazione letteraria.

Non mi aspetto di postare di nuovo fino al mio ritorno, verso la fine della settimana.

Solutions Collecting From Web of "Essere lì: l'incontro annuale dell'American Psychiatric Association"