Esprimere noi stessi, Provvisoriamente

Esistono molte versioni del "Sogno americano". Tuttavia, la maggior parte di loro trova la sua pietra di paragone nella famosa seconda frase della Dichiarazione di indipendenza. Lì Jefferson ei suoi compagni rivoluzionari hanno affermato che "è evidente che tutti gli uomini sono creati uguali, che sono dotati dal loro Creatore di determinati diritti inalienabili, che tra questi ci sono la Vita, la Libertà e la ricerca della Felicità".

Quel grande documento afferma la possibilità umana. Libera, seppur retoricamente, le persone da alcuni dei loro tradizionali obblighi verso i superiori sociali. Li invita ad andare e a fare, e con tali azioni inventano la propria felicità. Si dice che la libertà dalle interferenze sia un diritto dato da Dio. Divinamente ispirati o no, gli individui dovrebbero sviluppare le proprie strategie di vita, e riuscire o meno a quei termini.

Guardando indietro – ora da una distanza di quasi duecentocinquanta anni – sappiamo che la teoria è stata realizzata imperfettamente. Molte persone si sono ritrovate escluse dallo status di "tutti gli uomini". E il progetto, e persino i significati, dell'uguaglianza rimangono incerti.

Inoltre, il grido di battaglia della libertà personale era sempre problematico. Fin dall'inizio, le comunità hanno ritenuto necessario limitare determinati tipi di comportamento individuale. Tuttavia, muovendo la nostra amata Dichiarazione dei diritti, nessuno di noi può gridare "fuoco" in un teatro affollato, riunirsi con intenti sfrenati o possedere esplosivi di ogni tipo. In altre parole, la maggior parte delle persone ragionevoli riconosce apertamente i diritti pubblici e privati, quando gli individui si inchinano davanti a idee di "bene comune" e "benessere generale", o semplicemente appoggiano le cortesie dovute ad altre persone. La responsabilità di questo tipo, come ho sostenuto in precedenti saggi, non è una parolaccia.

Offro i commenti di cui sopra solo come promemoria, che esiste una "seconda tradizione" del sogno americano che considera seriamente ciò che significa che le persone devono impegnarsi l'una con l'altra. Ma quella seconda tradizione, specialmente nel nostro ventunesimo secolo a tutto volume, è diventata culturalmente muta. Ad ogni svolta, o così sembra, siamo incoraggiati a cercare noi stessi, a perseguire i nostri interessi. Ci aspettiamo che troveremo i nostri lavori, le nostre case e i nostri coniugi. Ci sono medici, scuole e animali domestici da selezionare. Le affiliazioni religiose, un po 'come i club, dovrebbero esprimere le nostre convinzioni e interessi costanti, piuttosto che modellarli in modi che non desideriamo. Ognuno di noi dovrebbe votare – o forse persino candidarsi – qualunque sia la nostra comprensione dei problemi. In tribunale, ci si aspetta che ci difendiamo senza riserve; la nostra parte è l'unica che conta. Con tale logica, le persone di successo sono quelle che hanno le loro opinioni personali prevalenti.

Questo stile – di autoaffermazione impenitente – è incoraggiato soprattutto dalla nostra cultura aziendale e dai suoi agenti pubblicitari. L'americano idealizzato è colui che documenta la sua individualità attraverso una serie di decisioni d'acquisto in corso, anzi infinite. In questi atti, il denaro serve non solo come conduttore ma anche come simbolo di capacità e impegno. Avendo pagato per intero ci aspettiamo "liberi" per controllare il bene o il servizio in questione. Sia risolto che nessuno dovrebbe trovarsi obbligato oltre il momento della transazione stessa. Vogliamo essere proprietari o utenti del servizio che controllano le loro "cose". Lascia che gli altri si preoccupino per loro.

Questo saggio è incentrato su una valuta strettamente correlata: le affermazioni verbali che scambiamo l'una con l'altra. Animali sociali, la maggior parte di noi è loquace, almeno a volte. Ci piace "dire la nostra". Come parte del patto, abbiamo imparato ad ascoltare, anche se spesso questo è solo un momento di calma per preparare la nostra prossima affermazione. Ascoltando o no, pochi di noi amano "prendere ordini" o "sapere cosa fare". Invece vogliamo controllare i termini della conversazione o almeno svolgere un ruolo importante nella sua direzione.

Come il trading di denaro, quindi, i nostri scambi verbali riflettono le nostre scelte su cosa fare in situazioni e quindi sui nostri poteri di discriminazione. Quando parliamo rivendichiamo, o almeno spero di rivendicare, il centro della scena. Tuttavia, e come il denaro, queste osservazioni spesso "ci danno via" in modi che non intendiamo, perché rivelano le nostre mancanze e incongruenze e la nostra spacconeria.

I commenti quindi sono argomenti che raccogliamo e spendiamo. A volte ci costano, anche a caro prezzo. I commenti di alcune persone – una figura autorevole autorizzata o una persona cara – sono ritenuti più preziosi dei commenti ricevuti da coloro che detestiamo in discredito. I commenti ricevuti troppo spesso – forse dichiarazioni continue da parte di qualcuno a cui piacciono o addirittura ci amano – possono perdere valore. Come la valuta economica in un periodo di inflazione, sempre più è necessario ottenere sempre meno. Quindi le affermazioni acquisiscono e perdono il loro effetto. Tutto dipende da ciò che viene detto da chi a chi in quali condizioni e per quali ragioni. A volte, le persone accettano la valuta che offrono; a volte lo rifiutano.

Sebbene la maggior parte di noi si preoccupi del "contenuto" di ciò che diciamo, il sociologo Erving Goffman sosteneva che le nostre dichiarazioni e gesti di accompagnamento troppo spesso sono solo parti di una vasta gamma di "rituali di interazione" che costituiscono la maggior parte dei nostri rapporti con uno un altro. Fondamentalmente, queste conversazioni sono occasioni in cui rispettiamo – o manciamo di rispetto – gli altri. Quando salutiamo qualcuno piacevolmente e affermiamo ciò che stanno dicendo e facendo, stiamo effettivamente garantendo l'identità personale idealizzata che ci stanno presentando. Accettiamo che "sono coloro che affermano di essere". Stiamo proclamando, a volte in modo abbastanza pubblicamente, che sono persone legittime che meritano il nostro rispetto, e presumibilmente l'altro.

L'opposto, naturalmente, si verifica quando non li rispettiamo. Quando ignoriamo, stuzzichiamo e vergogniamo le persone, ci pettiniamo maliziosamente o le critichiamo direttamente, la nostra ambizione è davvero abbassare il loro status. Tali persone sono, o così i nostri commenti rendono chiaro, non proprio chi affermano di essere. Ci piace esporre le pretese di persone che non ci interessano. Ma potremmo farlo anche con i nostri amici. Ancora una volta, la nostra vera ricerca è riposizionarci contro di loro, per dimostrare che le nostre vie di vita sono superiori alle loro. Persino i nostri amici potrebbero mostrarsi sciocchi, incoerenti e sbagliati.

Criticare gli altri, tuttavia, è problematico. Dopotutto, se sono alla nostra presenza, di solito cercano di difendersi. A volte ciò significa giustificare ciò che stanno facendo. Ma un altro corso è attaccarci. Noi che stavamo semplicemente cercando di "correggerli" o "migliorare" il loro comportamento, ora siamo accusati di fare qualcosa di sbagliato. Questo nuovo livello di alterco – agli estremi, una brutta lotta – è qualcosa per cui la maggior parte di noi non è preparata. Per usare il gergo contemporaneo, "non vogliamo entrarci" con loro.

La situazione ideale sarebbe quindi quella in cui potremmo passare i nostri commenti critici senza dover affrontare i loro effetti collaterali. Questo è, dopo tutto, il modello reso affascinante dal nostro sistema economico, in cui acquistiamo e controlliamo l'uso delle cose senza doverci occupare dell'interferenza delle altre persone.

Una versione di questo è ormai familiare alla maggior parte di noi. Nelle situazioni faccia a faccia, è normale anteporre le proprie osservazioni critiche a "sto solo dicendo". Ciò significa, ovviamente, che chi parla non desidera discutere il problema con l'ascoltatore . È sufficiente che sia stata offerta un'opinione personale. Non ci sarà alcun sostegno da quella opinione. "È quello che è", per recitare un altro detto. Il commento è ovvio e dovrebbe essere permesso di stare in piedi da solo.

La contromossa, da parte del ricevente, è: "Qualunque cosa". Ciò significa che l'ascoltatore non ha intenzione di considerare profondamente ciò che è stato detto. E denota l'accordo sul fatto che ulteriori, o addirittura qualsiasi, dialogo su questo argomento saranno infruttuosi. Lascia che il critico dica la sua. È solo un mormorio psicologico, qualcosa da riconoscere in questi termini e immediatamente scartato.

Sarebbe sciocco sostenere che la maggior parte delle nostre conversazioni, anche le nostre discusse, sono di questo tipo. Ma sto sostenendo che ora abbiamo una retorica che ci permette di essere sprezzanti verso gli altri. "Lasciami dire la mia, anche se so che te ne ignorerai." "Qualsiasi cosa. Lo ignoro. "

Tale è un vocabolario di asserzione senza responsabilità – o risposta: dichiarazioni momentanee che brillano nel cielo notturno e non lasciano tracce.

Il nostro mondo Internet favorisce, perfino glorifica, questo modello. La rabbia psicologica – nei post dei social media, nelle risposte e nei tweet – è la rabbia. Ci sono "recensioni" da persone in gran parte anonime che hanno incontrato un pasto cattivo, un letto d'albergo, una lavatrice o un uomo a portata di mano. I film "cattivi" sono quelli che non ci piacciono. Siamo diventati – e siamo orgogliosi di questo – una nazione o valutatori e selezionatori. Concessionari di auto, tecnici via cavo e albergatori di alberghi vivono nella paura. Qualcosa di meno di un 8, o peggio, un'osservazione aspra, li metterà nei guai. Secondo questo credo, il cliente ha la gloria giusta, anche se quel cliente è mal equipaggiato per giudicare gli argomenti a portata di mano e gli è permesso di nascondersi in un tecno-mondo che invita a fare baldoria di cattivo umore.

Ci sentiamo a nostro agio respingendo le critiche – e talvolta, per essere onesti, lodi – perché sappiamo che non dovremo affrontare le conseguenze delle nostre osservazioni. Qualcun altro, ugualmente anonimo, può pubblicare i propri commenti che non sono d'accordo con il nostro. Potrebbero chiamarci un idiota. Ma non dovremo mai incontrarli di persona e, cosa più importante, possiamo abbandonare lo scambio in qualsiasi momento.

Tutto questo è anche meglio della rabbia della strada, dove ci gestiamo reciprocamente dalla sicurezza delle nostre auto e poi (idealmente) scappiamo. Elettronicamente, trasmettiamo il nostro malcontento; vediamo i nostri commenti in stampa davanti a un pubblico potenzialmente mondiale; passiamo ad un altro campo di auto-espressione.

L'autodichiarazione – resa sicura dall'anonimato della moltitudine – potrebbe essere una conseguenza dei documenti fondanti del nostro paese. Tutti noi adoriamo questo diritto. Ma disconnesso dalla responsabilità personale, il discorso espressivo conduce a una cultura pubblica che è irascibile, disorganizzante e aspra. Potremmo avere il diritto di dire "cosa ci passa per la testa" e, nel prossimo post o tweet, di cambiare radicalmente questo sentimento. Ma una società migliore è quella in cui le persone sono incoraggiate a riconoscere le ragioni più profonde dietro le loro stesse dichiarazioni e la misura in cui le opinioni di altre persone sono situate allo stesso modo. In tali circostanze, le conversazioni hanno la possibilità di diventare dialoghi che affrontano e riparano le lamentele. Una cultura di rendimenti mordi e fugaci verbali per le responsabilità di restare.

Riferimenti

Goffman, E. (1967). Rituale di interazione: saggi sul comportamento faccia a faccia . Garden City, NY: Anchor Doubleday.

Solutions Collecting From Web of "Esprimere noi stessi, Provvisoriamente"