Esplorare un nuovo tipo di comunità

I rapidi progressi tecnologici stanno spianando la strada a nuove idee sul futuro, comprese quelle delle comunità in cui viviamo. Ho avuto la possibilità di incontrare Amon Twyman, che fa parte di una di queste comunità che sta esaltando nuove direzioni per il miglioramento dell'umanità.

D. Amon, che cos'è lo stato zero?

A. Zero State (ZS) è una comunità nata dal movimento transumanista nel 2011. Oggi fa parte di un'ampia coalizione di gruppi e movimenti che chiamiamo WAVE, riferendosi a un'ondata di cambiamenti tecnologici e sociali radicali. L'idea base di ZS è creare reti di persone e risorse che potrebbero evolvere in uno stato virtuale distribuito. Al momento ci sono solo poche migliaia di ZSer (benché ben collegati a reti molto più grandi), ma in un ipotetico Zero State in completo ci sarebbero decine di milioni o più, tutti sostenuti l'un l'altro e facenti parte di una singola nazione, non importa dove vivono nel mondo. Il nostro motto è "cambiamento sociale positivo attraverso la tecnologia".

D. Come si collega il transumanesimo a ZS?

R. I nostri principi e idee fondamentali sono deliberatamente compatibili con il transumanesimo. Ciò avviene in modo naturale, poiché ZS nasce dal transumanesimo e i nostri "cittadini" più attivi tendono a identificarsi come transumanisti. Detto questo, è importante sottolineare che le persone non devono essere transumanisti per unirsi a ZS. Più in generale, ci consideriamo una comunità di "Social Futurist", il che significa che crediamo che le scoperte tecnologiche non avvengano in un vuoto sociale. Ci sono problemi sociali, economici e politici che non solo ostinatamente continuano ad esistere di fronte al tecno-ottimismo, ma che a volte sono fortemente esacerbati dai cambiamenti tecnologici. In breve, crediamo che la tecnologia dovrebbe essere applicata al miglioramento della condizione umana a livello sia fisiologico che sociale.

D. Come può ZS aiutare il mondo?

R. In primo luogo, siamo concentrati nell'aiutare i cittadini di ZS, o, più precisamente, aiutandoli ad aiutarci a vicenda. Un numero crescente di persone si trova in questi giorni bisognoso di aiuto di un tipo o dell'altro e vorremmo dimostrare che il sostegno reciproco è reso più possibile che mai grazie alla potenza di tecnologie all'avanguardia. Tendiamo a concentrarci sul mettere insieme persone e modi per accedere a tecnologie attuali come meshnets, criptovaluta, Realtà virtuale e Intelligenza Artificiale, mentre esploriamo idee come longevità, superintelligence e benessere, accelerando i cambiamenti e dirigiamo l'azione democratica per aggirare le politiche obsolete istituzioni. Oltre a lavorare per aiutare la nostra stessa gente, lavoriamo attivamente per sostenere la più ampia rete di gruppi che condividono la stessa mentalità e crediamo che la tecnologia applicata in modo compassionevole e intelligente abbia il potenziale per migliorare la vita di tutti nel mondo.

D. Come sei diventato il fondatore di ZS?

A. Il mio background è in una combinazione di ricerca psicologica (coscienza e processo decisionale, Intelligenza Artificiale) e arte digitale e dello spettacolo. Sebbene avessi letto la mia buona dose di fantascienza da bambino, decisi che ero un transumanista mentre studiavo all'università, dopo aver letto "Mind Children" di Hans Moravec. Col tempo, i miei vari interessi in arte, scienza, transumanesimo e questioni sociali / politiche contemporanee si sono uniti in una coerente visione del mondo e alla fine ho deciso di formare un'organizzazione per perseguire queste idee. Il risultato, Zero State, è stato pesantemente informato dalla mia esperienza come co-fondatore della Transhumanist Association britannica, che da allora si è evoluta in Humanity + UK. Ho iniziato a costruire WAVE, la più ampia rete ZS fa parte di, due anni dopo. Una volta avevamo avuto il tempo di renderci conto che stava emergendo un quadro più ampio; un gran numero di gruppi con idee simili che si formano per affrontare una vasta gamma di problemi specifici con una prospettiva comune. Questa visione comune è caratterizzata da conoscenze tecnologiche, avversione per i vecchi pensieri e limiti e una profonda consapevolezza dei problemi sociali.

A. Cosa riserva il futuro per ZS?

D. I gruppi di progetto affiliati a ZS continuano a lavorare sullo sviluppo di strumenti per i nostri membri. Molti di questi progetti sono collaborativi e molti hanno un sapore decisamente transumanista, come la sperimentazione della stimolazione diretta transcranica corrente (usando la carica elettrica per aiutare la concentrazione-lavoro svolto in collaborazione con Dirk Bruere e Andrew Vladimirov). Alcuni dei progetti sembrano più semplici del divertimento di una seria sperimentazione a prima vista, come gli ZSer che costruiscono ambienti di Minecraft in cui testare il loro software di intelligenza artificiale, ma questo è metà del punto; Per le persone a fare qualcosa di utile e divertirsi allo stesso tempo. I nostri sforzi più energici sono attualmente in corso in WAVE, espandendo il più ampio contesto in rete in cui opera ZS, facendo tutto il possibile per aiutare i gruppi con idee simili. Abbiamo stabilito connessioni con grandi reti, come The Zeitgeist Movement e una coalizione emergente di organizzazioni transumaniste online. Viviamo in tempi estremamente eccitanti, con un sacco di rapidi cambiamenti sia buoni che cattivi, e sembra che Zero State avrà presto la possibilità di aiutare le persone a vicendevolmente aiutarsi a vicenda in quel nuovo mondo coraggioso. Se credi nella promessa della tecnologia, l'importanza della giustizia sociale e il potere della costruzione della comunità, allora sentiti libero di saltare e unirti al divertimento!

Zoltan Istvan è un giornalista, filosofo e attivista pluripremiato. Puoi trovarlo su Twitter, Google+, Facebook e LinkedIn. Zoltan è anche l'autore del romanzo bestseller # 1 di Transhumanist Wager, pubblicato di recente . Disponibile in ebook o in brossura, il controverso romanzo è un'esperienza di lettura rivoluzionaria. Puoi verificarlo qui.

Solutions Collecting From Web of "Esplorare un nuovo tipo di comunità"