Esplorando la voragine che separa le grandi scimmie dagli umani

Nel suo nuovo libro Ricerca di ciò che ci rende umani, nelle foreste pluviali, nei laboratori, nei santuari e negli zoo , il giornalista scientifico americano Jon Cohen suggerisce che potrebbe essere ora il momento di enfatizzare le differenze tra noi ei nostri cugini evoluzionari.

Scrive: "C'è qualcosa di fondamentalmente arretrato nella rubrica" ​​quasi umana "degli scimpanzé. Da tutto quello che posso dire, nessuno scimpanzé guarda un umano e si meraviglia: è da dove sono venuto? Né gli scimpanzé riflettono sulla possibilità che rappresentiamo dove stanno andando. Eppure gli umani di ogni cultura guardano gli scimpanzé e vedono tracce dei loro sé primitivi. "

Cohen racconta una serie di racconti tratti dai suoi viaggi in giro per il mondo, quando incontrava entrambi gli scimpanzé e i loro ricercatori. Il suo viaggio include laboratori di genetica di fama mondiale, foreste pluviali in Uganda, santuari dell'Iowa e enclavi sperimentali in Giappone. A volte, il libro si legge frustrantemente come una raccolta di articoli tangenzialmente correlati, in cui l'argomento di Cohen è spesso nascosto o perso; ma ciononostante ci sono molti spunti interessanti sul mondo della ricerca sulla scimmia.

Dopo aver studiato il campo dell'ape-lingua per il mio libro Just Another Ape? , Ero particolarmente interessato a ciò che Cohen aveva da dire sulla presunta capacità delle scimmie di acquisire un linguaggio umano. Durante uno dei suoi viaggi, Cohen ha incontrato due delle stelle del mondo delle scimmie: il bonobo Kanzi e la sua sorellastra, Panbanisha. Scrive: "Se hanno una lingua, non ne sono stato testimone. Se un umano di tre anni mostrava una scarsa risposta a ciò che dicevo, pensavo che il bambino avesse problemi di udito o che fosse psicologicamente menomato ".

Gli anni '60 e '70 furono il periodo di massimo splendore della ricerca in lingua, ma il campo implose negli anni '80 dopo che il ricercatore della Columbia University, Herbert Terrace, pubblicò i risultati dei suoi tentativi di insegnare allo scimpanzé Nim Chimpsky American Sign Language (ASL). Non solo Terrace ha concluso che Nim non era in grado di creare frasi; il suo team ha anche analizzato film di altre scimmie con ASL di alto profilo, tra cui Washoe lo scimpanzé e Koko il gorilla, e ha deciso che le scimmie avevano una capacità "severamente limitata" di apprendere più di "simboli isolati". Non c'era alcuna prova che fossero in grado di creare frasi.

Il campo divenne il bersaglio delle barzellette, sottolinea Cohen, citando il linguista Noam Chomsky: "È probabile che una scimmia dimostrerà di avere un'abilità linguistica in quanto vi è un'isola da qualche parte con una specie di uccelli incapaci di volare in attesa che gli umani insegnino loro volare.'

Al centro di ricerca sui primati Wolfgang Köhler di Lipsia, in Germania, Cohen è stato visitato dal suo direttore Josep Call. Call e il suo team hanno condotto ricerche comparative su bambini umani di due anni e scimpanzé adulti e oranghi, e hanno scoperto che i bambini umani superano significativamente le scimmie antropomorfe nei compiti di cognizione sociale anche in questa giovane età. Questo dimostra che gli umani non sono solo sociali, dice Call, ma "ultra social". È la nostra unica capacità di connetterci con altre menti che ci ha permesso di avanzare attraverso la trasmissione culturale cumulativa.

Tornato negli Stati Uniti, Cohen ha parlato con David Premack, l'uomo che ha ideato il concetto di "Teoria della mente". Ha condotto un'estesa ricerca comparativa su scimpanzé e umani, concludendo che solo gli umani possono insegnare e correggere se stessi. Premack scrive: "Non è una coincidenza che gli esseri umani praticano e insegnano, mentre le altre specie non fanno né l'uno né l'altro. Una specie che pratica ma non insegna – che corregge se stessa ma non corregge gli altri – probabilmente non verrà mai trovata. Né sarà una specie del tipo opposto, quella che insegna ma non pratica, [quella che] corregge gli altri ma non se stessa. '

Sebbene il campo della ricerca sui primati sia pieno di antropomorfismi – come ha detto Premack a Cohen, troppi dei suoi ex colleghi erano "scagnozzi di scimpanzé" che "confusi gli scimpanzé con gli umani" – negli ultimi decenni sono state fatte ricerche affascinanti e le scoperte teoriche chiave hanno stato fatto. Cohen ha la fortuna di aver avuto l'opportunità di incontrare così tanti di coloro che sono stati in prima linea in queste innovazioni e di discutere le loro scoperte e intuizioni con loro.

Solutions Collecting From Web of "Esplorando la voragine che separa le grandi scimmie dagli umani"