Esperti: nato o fatto?

Nessuno è nato un esperto e inizia a creare musica oa giocare a scacchi direttamente dall'utero. Quindi non allungare la discussione fino in fondo ad absurdum. Supponendo lo sviluppo di alcune abilità di base (come familiarizzare con le regole del gioco) e alcune abilità di base (come la comprensione delle regole del gioco) sono presenti, si può quindi porre una domanda più interessante – quale dei due fattori – su l'una mano – genetica / fissa in natura come intelligenza o abilità; d'altra parte, l'ambiente e la natura autodidatta / malleabile come un ambiente arricchito / pratica deliberata, sono più strumentali in prestazioni eminenti e competenze eccezionali.

Sono il primo a evitare di mettere una cosa contro l'altra e pensare negli schemi delle dicotomie; ma il recente dibattito sull'Intelligenza è inquadrato in questi termini così, nonostante creda nella natura attraverso la cultura, ecc. ecc., prenderò l'esca.

Prima di tutto, anche se ho intenzione di leggere l'intero dibattito, ma leggere l'introduzione di Detterman è stato abbastanza buono da farmi pensare e fare una controreplica, quindi non sono ancora andato oltre l'artcolo introduttivo. Se odi Ericsson o l'argomento per una pratica deliberata, per favore smetti di leggere ora. Sei stato avvertito.

Detterman sostiene che trovare correlazioni tra QI e molti risultati di esperienza è metodicamente errato e miope. Lo illustra con un esempio di giocatori NBA (basket). Ha fatto alcuni studi sui giocatori NBA e non ha trovato alcuna correlazione tra altezza e stipendio e anche tra altezza e punti segnati. Invece di essere umiliato da questi risultati e riconoscere che dopo una soglia di altezza, non avendo ciò che potrebbe agire come limitatore / vincolo, oltre questa soglia di altezza, l'altezza fornisce un vantaggio discriminatorio zero rispetto a quelli che potrebbero essere dotati allo stesso modo, egli assume una posizione da me comico che dimostra che le basse correlazioni del QI con la dicitura di esperti di scacchi o di competenza musicale sono spiegate in modo simile e gli esperti in queste dipendono in modo critico dall'intelligenza per prosperare.

Una parte cruciale del suo argomento confuso è che dovremmo considerare gli effetti medi. I giocatori di pallacanestro hanno un'altezza media significativamente più alta della popolazione americana standard, ma anche una differenza maggiore (per me). Se l'altezza fosse cruciale per il successo della pallacanestro, mi sarei aspettato che la varianza in altezza fosse molto inferiore alla popolazione generale, ma ovviamente era diversa, e Detterman ha scelto di ignorare questo fatto. La logica di concentrarsi sui mezzi è quella di sfidare il paradigma della pratica deliberata, mostrando che in media i giocatori di basket NBA hanno una maggiore altezza rispetto alla popolazione campione, e allo stesso modo che i giocatori esperti di scacchi hanno un QI più alto della popolazione normale. Dimostrando così che la sua intelligenza conta e non importa.

Permettetemi di ribaltare la discussione. Che cosa pensa Detterman è la pratica deliberata media che un americano normale mette in pratica praticando il basket o praticando musica / scacchi? Suppongo che dovrebbe essere vicino a due cifre, diciamo 100 ore, con un'ampia variazione. Che dire degli esperti – ancora una volta As Anders ha dimostrato che dovrebbe essere nel range di 10.000 ore, con molta meno variazione. Anche in questo caso se si considerano gli effetti medi, sono sicuro che 10.000 ore sarebbero a una SD molto alta, rispetto alla media della popolazione, assunta come 100 nel nostro caso. Basarsi unicamente sul significato, sarebbe un valido argomento per l'importanza della pratica deliberata (che è un mix di duro lavoro, strategia, motivazione e una mentalità di crescita imho) sul lato delle abilità del dibattito. Proprio come Detterman sostiene che è difficile trovare una persona con un'altezza di 70 pollici (che è la media nazionale americana e devia notevolmente da un'altezza di 79 pollici che è la media NBA) nel campione NBA, lo sfido a trovare un giocatore in NBA che ha ottenuto nel loro caso per caso, senza mettere il duro lavoro e la pratica deliberata al ritmo di almeno 100 ore (la media nazionale ipotizzata). Se non si riesce a trovare un giocatore di questo tipo dovremmo riconoscere con garbo che possono essere richieste soglie minime sia di pratica deliberata che di abilità ma oltre una soglia le cose cambiano e forse dati gli altri dati schiaccianti, al di là di tali soglie la pratica deliberata (motivazione inclusa) è molto più rilevante e differenziatore per le prestazioni degli esperti rispetto all'abilità apparentemente "innata".

Per illustrare con un altro esempio (che potrebbe risuonare con Plomin et al, un altro gruppo di contributori al dibattito attuale), supponiamo che l'altezza sia in gran parte genetica. Quindi i fattori genetici o innati sarebbero cruciali per la straordinaria (grande / piccola) altezza. Naturalmente esiste un'interazione con l'ambiente nel senso che se non forniamo le materie prime su cui i geni possono costruire (l'ambiente giusto), allora l'altezza massima può essere limitata da fattori ambientali, quindi in paesi poveri con bassa nutrizione , non solo l'altezza dovrebbe essere bassa, ma dovrebbe anche avere meno varianza in quanto le persone sono limitate dal vincolo ambientale – qui qualunque sia la bassa varianza dovrebbe esistere dovrebbe essere spiegabile da fattori ambientali; nei paesi ricchi, d'altra parte, dove i fattori ambientali diventano immateriali, l'altezza è totalmente sotto il controllo genetico e tutta la varianza dovrebbe essere di natura genetica e spiegabile dai geni. Anche la media dovrebbe essere più alta ora.

Ora assumere un tratto, ad esempio essere un esperto di pallacanestro, è totalmente sotto controllo ambientale. Le differenze genetiche o innate sono totalmente immateriali, a meno che un gene, ad esempio che causa la distrofia muscolare, ti impedisca di giocare a pallacanestro. In questo caso, l'esposizione precoce e la pratica deliberata che si ricevono da bambino dovrebbero essere determinanti nel plasmare se si finisce e si è esperti e si continuano a mettere le 10.000 ore. Le competenze possono ancora funzionare in famiglie (come i gharana musicali), ma essere del tutto inspiegabili da fattori genetici, ma più dall'esposizione precoce e dall'ambiente condiviso. Anche perché le competenze e le abilità sono specifiche del dominio, mentre in realtà si esercitano in 10.000 ore di pratica deliberata un fenomeno generale di dominio, si possono studiare gemelli e fratelli esperti e vedere se sono effettivamente più esperti in gemelli che in fratelli ed esperti nello stesso domini o domini diversi per scoprire se l'ambiente condiviso è dietro l'esperienza o se si tratta di fattori genetici e innati.

Ma tornando all'esperimento di pensiero originale, presupponendo che l'esperienza di gioco del basket sia ambientale, e ipotizzando che non vi siano differenze genetiche in gioco tra le diverse nazioni, si potrebbe supporre che la squadra di basket che sarebbe avvantaggiata nelle competizioni internazionali sarebbe quella che può fornire i giusti addestramenti ambientali ecc. ai suoi partecipanti. Sono totalmente ignorante sullo sport, ma ho la sensazione che le nazioni ricche e sviluppate, che sono disposte a investire di più nella formazione delle loro squadre, in genere vadano meglio delle nazioni povere e in via di sviluppo. Se qualcuno di una nazione in via di sviluppo, in queste condizioni, è in grado di farsi un nome, può essere paradossalmente perché i suoi geni le possono procurare un vantaggio. Assumendo un comune bacino genetico umano tra le nazioni, il fatto che alcune nazioni vincano più medaglie olimpiche di altre dovrebbe essere spiegabile da fatti diversi da quelli ambientali – giusti addestramenti, coaching ecc. Nelle nazioni che vincono contro le povere "infrastrutture" (un abilitatore di una pratica deliberata) in paesi che non lo fanno molto bene.

Il punto che voglio esprimere è che dovrebbe essere ovvio a chiunque che siano necessarie soglie di capacità e competenze per prestazioni o competenze eccezionali; oltre questa soglia, è altrettanto chiaro per me che il differenziatore e il facilitatore sono la giusta quantità di pratica deliberata, giusta motivazione, duro lavoro e una mentalità di crescita.

Ora aspettiamo il contraccolpo dei fondamentalisti del QI!

Solutions Collecting From Web of "Esperti: nato o fatto?"