Esistono le anime?

Recentemente, Richard Doupe, il direttore accademico della Berkhamsted School, mi ha chiesto se poteva usare il mio articolo Think "Do Souls Exist" per le loro lezioni di filosofia della religione e, cosa ancora più importante, se mettessi in campo le domande degli studenti dopo che l'avevo letto La scuola di Berkhamsted è una scuola alla periferia di Londra, quella che in America chiameremmo una scuola media / superiore privata. Fondato nel 16 ° secolo, (e i suoi 2000 studenti) ha una reputazione eccezionale per l'eccellenza accademica e la maggior parte dei loro studenti finisce per raggiungere le migliori 30 università nel Regno Unito. Non è stata una sorpresa, quindi, che hanno fatto alcune domande eccellenti. Ho passato abbastanza tempo a rispondergli che ho pensato di condividere le loro domande e le mie risposte, nella speranza che altri con domande simili potessero trarne beneficio. Godere!

Domanda 1: Metti una grande quantità di negozi sulla neuroscienza e sulla fisica, ma abbiamo appena letto un articolo di Raymond Tallis, basato sulla sua "Aping Humanity", che solleva dubbi su questo. Perché sei così sicuro della scienza?

Questa è una grande domanda. Non sono sicuro di quale articolo si legge, ma ho una certa familiarità con gli argomenti di Tallis. Per quanto ne so, non mette in dubbio la capacità della scienza di parlarci del mondo. Ora altri fanno questo argomento; quando vengono presentati con prove scientifiche contro un punto di vista che amano (come la loro fede nell'esistenza dell'anima), metteranno in dubbio la capacità della scienza di parlarci della cosa in questione (o di qualsiasi altra cosa per quella materia) – o l'obiettore affermerà che io sto mettendo "fede" nella scienza (invece di qualunque cosa l'obiettore abbia scelto di mettere fede). Ma ci sono molte cose che non vanno in questa linea di ragionamento.

Prima di tutto, la scienza non è basata sulla fede; l'assunto principale nella scienza è che non si dovrebbe prendere nulla sulla fede, ma invece basare le proprie credenze su prove e argomentazioni, che è l'opposto di prendere qualcosa sulla fede. Naturalmente, si potrebbe suggerire che gli scienziati debbano prendere questa "premessa primaria" sulla fede, ma anche se ciò è vero, farlo è un tipo di fede completamente diverso rispetto a quello che l'obiettore ha in mente. Non è certamente il tipo di fede richiesto dai sistemi di credenze di coloro che pongono questa obiezione. In altre parole, credere "per fede" che sia giusto proporzionare la propria fede alle prove è completamente diverso dal credere l'anima mediante la fede. [Per ulteriori informazioni, vedere il capitolo 17 del mio libro Inception and Philosophy: Perché non è mai solo un sogno intitolato "Taking a Leap of Faith: A How-to Guide". (È possibile scaricarlo gratuitamente qui.)]

In secondo luogo, la scienza ha dimostrato di essere la guida più affidabile alla verità, certamente la guida più affidabile per scoprire come è il mondo, che il genere umano ha mai concepito. (Questo non è un colpo alla filosofia, dato che la scienza è una propaggine della filosofia, originariamente chiamata "filosofia naturale" .Inoltre non si può dire che la scienza può scoprire tutta la verità, le verità morali (se esistono), per esempio, sono al di fuori la comprensione della scienza.) L'evidenza per questo, ovviamente, è tutto intorno a te in ogni pezzo di tecnologia che rende la tua vita molto più semplice di quanto sarebbe altrimenti; quasi tutto è stato reso possibile solo perché la scienza ha scoperto con successo il modo in cui il mondo è e funziona. Se davvero dovessimo dubitare di ciò che la scienza ci dice perché non è "certo", allora in realtà dovremmo essere agnostici su tutto – proclamando che non sappiamo nemmeno se il mondo sia reale o se esistiamo. In breve, se non puoi essere sicuro delle scoperte della scienza, puoi essere sicuro di tutto.

Ciò che di solito ironizza sulle persone che pongono l'obiezione "anti-scienza" è che quando si tratta di qualcos'altro, si fidano della scienza – hanno fiducia nella scienza (meteorologia) per avvertirli degli uragani e dei tornado, si fidano della scienza (scienza medica e biologia) per curare e prevenire le loro malattie e per guarire le loro ferite, e hanno fiducia nella scienza (ingegneri e fisici) per costruire i loro edifici e ponti. Se qualcuno rubava il loro portafoglio, non accettavano una spiegazione come "un fantasma lo prendeva" – ma invece si appellavano ai criteri di adeguatezza (che possono o non possono sapere sono i criteri per la spiegazione scientifica) per capire chi effettivamente ha preso il loro portafoglio in modo che potessero riaverlo. In breve, qualsiasi obiezione "possiamo davvero fidarci della scienza?", L'obiezione agli argomenti che ho presentato contro l'anima sono su un ghiaccio molto sottile; calpestare il piede una volta in obiezione alla scienza perché non ti dice ciò che vuoi sentire e l'intero fondamento su cui si fonda quasi tutta la nostra conoscenza si sgretolerà.

Ma, di nuovo, Tallis non sta facendo questa obiezione. Tallis è in realtà un ateo che, come me, si oppone all'ipotesi dell'anima. Quello che ho usato per la neuroscienza è mostrare che l'ipotesi primaria dell'ipotesi dell'anima – che l'attività mentale è separata e separabile dal cervello (cioè che l'attività mentale non dipende dal cervello) – è falsa. Invece, la neuroscienza ci mostra che l'esistenza del mentale dipende dall'esistenza del cervello; senza il cervello, il mentale non può esistere. Questo è qualcosa a cui Tallis è d'accordo, quindi in nessun modo Tallis si opporrà alla mia argomentazione contro l'ipotesi dell'anima.

Ciò a cui Tallis si oppone è un suggerimento separato fatto da alcuni neuroscienziati e alcuni filosofi della mente che: "il cervello è numericamente identico alla mente". L'identità numerica esprime la più stretta forma di identità. X è numericamente identico a Y significa che X e Y sono lo stesso oggetto. Clark Kent è numericamente identico a Superman; John Smith è numericamente identico a "Il Dottore". Nel sostenere che il cervello è numericamente identico alla mente, si sostiene che il cervello e la mente siano letteralmente lo stesso oggetto – uno nella stessa cosa.

Nella filosofia della mente, questa tesi è conosciuta come teoria dell'identità. Alcuni hanno concluso dal fatto che il mentale dipende dal cervello che il mentale è identico al cervello. Tallis sostiene che questo non è corretto, che questo è un pezzetto di ragionamento fallace. E ha ragione; la dipendenza non implica l'identità. Potrebbe essere che sono identici, ma anche se è vero, questo fatto non deriva dalla loro dipendenza. La dipendenza è una condizione necessaria ma non sufficiente per l'identità. Se sono identici sono dipendenti, ma il fatto della loro dipendenza non garantisce la loro identità. (Ad esempio, la nostra stazione radio rock locale è 97.9X. Il segnale radio 97.9X non esisterebbe senza la loro torre radio, ma il segnale e la torre non sono uno nella stessa cosa.) Quindi Tallis non è in disaccordo con ciò che la scienza mostra che la mente dipende dal cervello. Ma sta negando che la scienza mostra che mente e cervello sono identici. Contrariamente a quanto sostengono molti, tutto ciò che mostra è la loro dipendenza.

Credo che Tallis continui a formulare una serie di altri argomenti contro la teoria dell'identità che sono comuni nella filosofia della mente. Ad esempio, il mentale sembra avere proprietà che nessuna cosa fisica (come il cervello) ha: come l'essere umano, o l'intenzionalità. Un pensiero può riguardare qualcosa; ma sembra che un oggetto fisico non possa riguardare qualcosa. Oppure pensa a cosa vuol dire avere un'emozione; quella proprietà sembra essere qualcosa che nessuna cosa fisica ha. Inoltre, il cervello ha proprietà fisiche che nessuna cosa mentale ha; per esempio, tutti gli eventi cerebrali hanno una posizione, ma le emozioni hanno una posizione? Non sembra. Se cervello e mente sono identici (se sono uno e lo stesso oggetto), allora dovrebbero avere tutte le stesse proprietà – ma sembra che non lo facciano. Quindi sembra che non siano identici. (I teorici dell'identità hanno obiezioni a questa linea di ragionamento, ma non ho spazio per entrare in questo.)

Quindi, esattamente, come possiamo dare un senso alla relazione tra la mente e il cervello? Sappiamo che è uno di dipendenza, ma (per esempio) come esattamente il cervello produce attività mentale? Come può qualcosa senza proprietà mentali (come il cervello) produrre qualcosa con proprietà mentali (come la mente)? Questo è chiamato il difficile problema della coscienza ed è una delle grandi domande della filosofia.

Tenete presente, tuttavia, che il fatto che dobbiamo ancora rispondere a questa domanda non aggiunge alcuna legittimità all'ipotesi dell'anima. Anche se non sappiamo come il cervello produce la mente, la neuroscienza ci mostra ancora che lo fa, proprio come ci mostra che la mente dipende dal cervello (contrariamente alle affermazioni dell'ipotesi dell'anima). Quindi sappiamo ancora che l'ipotesi dell'anima è falsa. E semplicemente interporre l'anima come spiegazione per qualcosa che dobbiamo ancora spiegare (come la coscienza) è in realtà non presentare alcuna spiegazione; è come chiedersi come Penn & Teller facciano presa alla pallottola e semplicemente dicendo "hanno poteri magici". Questa non è una spiegazione; questo è solo un altro modo per dire che non ne hai uno. Non è filosoficamente accettabile (o razionale) attenersi semplicemente alla tua spiegazione soprannaturale preferita per qualcosa che deve ancora essere spiegata, e rivendicarla come prova.

Se sei interessato a come i filosofi cercano di rispondere al duro problema della coscienza, alla luce del fatto che l'ipotesi dell'anima fallisce, ne ho parlato diffusamente nel mio corso "Exploring Metaphysics" pubblicato da "The Great Courses" (che è anche disponibile su audiolibro).

Domanda 2:   Solo perché la personalità di Phineas Gage è cambiata a causa del suo incidente non significa che non ci sia anima metafisica – l'anima potrebbe non essere in grado di interagire con il mondo a causa del danno alla sua mente. Non è una risposta credibile?

Questa è un'obiezione molto comune – se, stai chiedendo cosa penso stia chiedendo. Credo che un errore di battitura debba essere corretto. Penso che volevi dire "l'anima potrebbe non essere in grado di interagire con il mondo [cioè il suo corpo] a causa del danno [al suo cervello]" … non "alla sua mente". La tua idea, penso, è questa: forse il danno al cervello in realtà non danneggia, influenza o cambia mente / anima. Se è un'entità separata, non potrebbe accadere. Forse il cervello è semplicemente una "stazione di ritrasmissione", che riceve input dall'anima (come un'antenna) e comunica quell'input al corpo. Il danno al cervello danneggia l'antenna, impedendo all'anima di comunicare con successo le sue intenzioni al corpo e impedendole così di essere in grado di far si che il corpo si comporti come vuole. Quindi la mente è ancora lì, non danneggiata; è solo che la sua capacità di comunicare o controllare il corpo è stata ostacolata.

Ancora una volta, questa è un'obiezione comune, ma non è molto buona. Ha tutte le caratteristiche di una "scusa ad hoc" – e un'ipotesi non falsificabile per salvare la cara credenza dalle prove. L'ipotesi dell'anima inizialmente prevedeva che il danno cerebrale non dovesse essere in grado di influenzare la personalità; quando diventa ovvio che lo fa, l'ipotesi dell'anima è "poi ottimizzata" per rendere conto delle prove sconcertanti. Il fatto che tali "mosse ad hoc" siano irrazionali è qualcosa che ricopro nel pensiero critico 101. Vedi: http://rationalwiki.org/wiki/Ad_hoc

Inoltre, questo ci impegna a una visione estremamente ridicola. Secondo questa visione, il danno cerebrale è responsabile di "interpretare male" il segnale inviato dall'anima; ma le interpretazioni errate sono così specifiche da sfidare la probabilità o la spiegazione. Per esempio, mio ​​nonno paterno aveva l'Alzheimer, che danneggia ampiamente il cervello. Su questa vista, tuttavia, non avrebbe potuto danneggiare la sua mente. Quindi non è il caso che ha dimenticato grandi parti della sua vita. Quando qualcuno glielo ha chiesto, in realtà ha ricordato – è solo che quando la sua anima ha inviato il segnale per dire "Mi ricordo" il suo cervello ha interpretato erroneamente quel segnale nel modo specifico in cui aveva bisogno di dire "I forgot" invece. Oppure … in realtà sapeva che mia nipote non era mia sorella, è successo che il suo danno cerebrale era tale che quando la sua mente inviò il segnale per dire "Kanon", il suo cervello interpretò quello nel modo specifico che aveva bisogno di dire " Mendi "invece. E Phineas Gage era ancora una persona educata e gentile, solo che il suo cervello era danneggiato "così" così che quando la sua mente decise di fare cose educate e gentili, invece mandò un segnale per imprecare e molestare le donne.

Se il cervello è davvero un'antenna, il suo danneggiamento impedirebbe di interpretare il segnale tutti insieme (in modo che l'anima decida di fare qualcosa, il corpo non farebbe nulla) o interpreterebbe il segnale in modo casuale – un la decisione di dire "Kanon", per esempio, potrebbe essere interpretata come una decisione di alzarsi e fare un concerto, o andare a mangiare un hamburger, come sarebbe dire "Mendi".

In breve, questa "spiegazione alternativa" per il comportamento dei pazienti cerebrolesi è semplicemente "troppo conveniente" per essere razionali. Certo è possibile, ma non è probabile – e il semplice fatto che qualcosa sia possibile non è una buona ragione per pensare che sia vero. La migliore spiegazione del perché il danno cerebrale provoca il comportamento che fa è a causa delle spiegazioni neurologiche esplicate nel documento, perché la mente dipende dal cervello e il danno dall'uno danneggia l'altro.

Forse vale la pena notare che il tuo errore di battitura – che ha confuso "la mente" con "il cervello" dimostra quanto strettamente sappiamo che sono correlati. Spesso identifichiamo la mente con il cervello perché sappiamo che la mente dipende direttamente dal cervello per l'esistenza.

Domanda 3:   Pensi che ci possa essere una "terza via" per spiegare le nostre emozioni / sentimenti ecc. Oltre alla semplice ipotesi o materialismo dell'Anima?

No, non la penso così; l'opzione che suggerisci è tra "una sostanza (materiale)" e "due sostanze (materiale e anima)". Quale sarebbe la prossima opzione? Sostanze zero? Non può essere giusto. Tre sostanze? Come può aiutare? Ciò renderà le cose più complicate.

Tuttavia, potrebbe essere utile tenere a mente, come ho sottolineato nella prima domanda, che il materialismo si presenta in molte diverse varietà – una di queste potrebbe essere la "terza via" che stai cercando. Ad esempio, una versione del materialismo – probabilmente quella che inizialmente avevi in ​​mente – è chiamata Identity Theory, che suggerisce che la mente e il cervello sono numericamente identici. Ma questa è solo una delle tante opinioni materialistiche.

Altri filosofi suggeriscono che, mentre la mente è certamente dipendente dal cervello per la sua esistenza, non è identica al cervello. (Dopo tutto, la dipendenza non implica l'identità, come ho discusso sopra). Alcuni suggeriscono che la mente è una "proprietà emergente" del cervello – qualcosa che emerge quando le interazioni neurali sono abbastanza complicate. Alcuni suggeriscono che questa proprietà emergente è "riducibile" al cervello (tutte le sue proprietà possono essere pienamente spiegate dalle interazioni dei neuroni); altri suggeriscono che è irriducibile. Alcuni suggeriscono che la mente emergente ha poteri causali – che può influenzare causalmente ciò che accade nel cervello. Altri, chiamati epifenomenisti, suggeriscono che la mente esiste, ma non ha alcun potere causale. È semplicemente "andare avanti". I dualisti delle proprietà suggeriscono che esiste un solo tipo di sostanza – materia – quindi sono materialisti. Ma suggeriscono che la materia ha due tipi di proprietà, proprietà fisiche (come massa e posizione) e proprietà mentali (come la "qualia" delle esperienze). Altri ancora, chiamati eliminativisti, suggeriscono che la mente non esiste affatto – la nozione che lo faccia è solo un prodotto di "psicologia popolare".

Quindi, come puoi vedere, anche se, in un certo senso, ci sono solo due opzioni dualismo (discorso d'anima) e materialismo – il materialismo si presenta in così tante varietà diverse, che in un senso molto importante ci sono molte più di due sole opzioni per dare un resoconto delle nostre menti (es. le nostre emozioni o sentimenti).

Se vuoi saperne di più sulle diverse varietà di materialismo, ne parlo diffusamente nel mio corso The Great Courses "Exploring Metaphysics" che ho menzionato sopra.

Domanda 4: Coloro che credono nell'ipotesi dell'anima sostengono che un'entità non fisica (l'anima) guida un'entità fisica (il corpo). Come fanno questo argomento?

Per quanto ne so, non ci sono argomenti per questa conclusione specifica. Invece, l'intuizione o "come sembrano le cose" sono usate per motivare gli altri ad accettare questo punto di vista. Quando consideri la tua esperienza quotidiana (guarda l'orizzonte), sembra che il mondo sia piatto; Allo stesso modo, quando consideri la tua esperienza quotidiana, potrebbe sembrare che la mente non sia materiale e arrivi oltre il mondo fisico e faccia muovere il tuo corpo. Ancora una volta, non ci sono argomenti che ciò accada – semplicemente "sembra essere vero". Ma proprio come hanno fatto per la nostra idea che il mondo è piatto, la filosofia e la scienza hanno messo in dubbio questo "intuito quotidiano". Questo è abbastanza comune – la nostra esperienza quotidiana non è così affidabile, e molto spesso le cose sono diverse da come sembrano intuitivamente. (Un altro grande esempio, la scrivania di fronte a te sembra che la tua esperienza quotidiana sia solida, ma la scienza ha rivelato che in realtà è per lo più spazio vuoto. Le nostre intuizioni non sono proprio così affidabili.)

La maggior parte degli argomenti per il dualismo (l'ipotesi dell'anima) prendono la forma di cercare di confutare gli argomenti per il materialismo. L'idea è che se il materialismo può essere confutato, il dualismo è la posizione di default. Suppongo che, se ci sono solo due opzioni (come ho suggerito sopra), questo è vero, ma nessuno di questi argomenti ha avuto successo. La prova di ciò si può trovare nel fatto che solo il 27% dei filosofi apprende addirittura verso una visione non fisica della mente. Inoltre, molti di questi argomenti assumono la forma di suggerire che la mente e il cervello non possono essere identici perché hanno proprietà diverse. (Ho parlato di questo argomento in risposta alla prima domanda). Ma come abbiamo visto nella mia risposta all'ultima domanda, ci sono molte varietà di materialismo che negano l'identità e ammetterebbero di avere proprietà diverse. Quindi tali argomenti cadono drammaticamente come argomenti per il dualismo; nella migliore delle ipotesi, possono solo confutare un particolare tipo di materialismo.

Ora ci sono stati alcuni tentativi di spiegare come la mente non fisica possa interagire o dirigere il corpo fisico. Ancora una volta, questi non sono argomenti che accada , ma solo tentato spiegazioni su come potrebbe accadere . Ma questi argomenti sono generalmente considerati insoddisfacenti. Ad esempio, Descartes ha suggerito che il cervello interagisce con il corpo attraverso la ghiandola pineale. (http://plato.stanford.edu/entries/pineal-gland/) Se ricordo bene, questo era perché è l'unica ghiandola nel cervello di cui ce n'è una sola e, al momento, non l'abbiamo so a cosa serviva (Ma leggi l'articolo per maggiori informazioni). Ma non solo ora sappiamo a cosa serve – aiuta a regolare il sonno – ma una tale spiegazione non risponde in alcun modo al classico problema di "causalità discendente" che ho menzionato nel documento. Questa spiegazione "sostiene il problema", lasciandoci a chiederci come un'entità non fisica possa influenzare la ghiandola pineale, invece di chiedersi come potrebbe influire sul cervello. In breve, la sostituzione di un oggetto fisico con un altro non risolve il problema di come il non fisico possa interagire causalmente con il fisico.

Altri hanno suggerito che l'anima non fa muovere oggetti fisici – come gli atomi nel cervello – ma semplicemente "reindirizza i loro movimenti". Pensano che questo li faccia uscire dai problemi di violazione delle leggi sulla conservazione che ho menzionato nel documento. Non lo fa – anche il reindirizzamento richiede un trasferimento di energia, quindi se l'anima sta reindirizzando qualcosa di fisico, sta violando quelle leggi.

 

Domanda 5:   Ci sono stati altri casi, simili a quelli di Phineas Gage, in cui la corteccia frontale è stata danneggiata ma senza gravi cambiamenti di personalità? Se è così, questo rafforzerebbe l'argomento dell'ipotesi dell'Anima?

Non ci sono casi del genere che io conosca, specialmente la corteccia frontale. Ci possono essere casi di altri tipi di danni cerebrali che non hanno avuto un effetto significativo sul comportamento di qualcuno. Tali casi probabilmente rivelano porzioni "non vitali" del nostro cervello. Forse, un danno minimo localizzato a una posizione specifica nella corteccia frontale potrebbe non avere alcun effetto osservabile – ma ancora una volta, questo rivelerebbe solo una porzione "non vitale" della corteccia. Credo che ci siano anche altri casi in cui gli effetti negativi alla fine sono andati via perché il cervello è stato in grado di riparare o "ricablare" per compensare. Ma per quanto ne so, non ci sono casi di danni significativi alla corteccia frontale senza una significativa compromissione comportamentale.

Ora, se ci fosse – diciamo che tutto il proencefalo di qualcuno è stato completamente polverizzato e non hanno sofferto per niente – questo potrebbe essere un motivo per riconsiderare l'ipotesi dell'anima. Ma uno di questi casi non giustifica il rifiuto del materialismo a favore del dualismo. Solo gli studi di caso non possono stabilire l'efficacia di un trattamento, tanto meno la verità di un'ipotesi. (Questo è il motivo per cui non ho fatto affidamento solo sul caso di Phineas Gage, ma l'ho usato per introdurre la ricchezza della conoscenza stabilita dalla neuroscienza che chiama in dubbio l'ipotesi dell'anima. Inoltre l'ho accoppiato con una serie di altre obiezioni filosofiche che non hanno nulla a che fare con le neuroscienze). Ciò di cui avremmo bisogno, per rendere l'ipotesi dell'anima razionale, è una ricchezza di ripetuti esperimenti verificati, ben controllati, che dimostrano che l'attività mentale non dipende dall'attività cerebrale. Un singolo caso in cui la corteccia di qualcuno viene polverizzata con un danno non metallico sarebbe una ragione per fare quegli esperimenti, ma di per sé non proverebbe l'ipotesi dell'anima. Dopotutto, un caso del genere potrebbe solo dimostrare che ci siamo sbagliati su cosa funzioni certe parti del cervello – o quanto possa essere malleabile il cervello. Data la quantità di prove che l'ipotesi della dipendenza ha già, provare che l'esperienza è sbagliata è un compito molto alto, non impossibile, ma quasi altrettanto difficile che provare che il mondo non è rotondo.

Come nota a margine, è importante essere inizialmente scettici nei confronti delle relazioni mediche che contraddicono le conoscenze mediche consolidate. (Se sembra impossibile, probabilmente non è mai accaduto.) Questo non vuol dire che dovremmo sempre accettare ciò che è già stabilito, non importa cosa, non potremmo mai imparare che abbiamo sbagliato o avanzare nella nostra conoscenza se solo abbiamo accettato ciò che è coerente con ciò che pensiamo di sapere già. Ma la soglia dell'evidenza per affermazioni che contraddicono la conoscenza è piuttosto alta; se tutto quello che hai è un rapporto contrario alla conoscenza comune – come quella che suggerisce che un paziente abbia subito un esteso danno alla corteccia frontale che non ha avuto menomazioni mentali – questa è una buona ragione per dubitare che quel rapporto sia accurato. Internet è pieno di pseudoscienza medica – ad esempio, persone che si svegliano con nuove abilità linguistiche dopo gli infortuni. Una ricerca minima, tuttavia, rivelerà che tali storie sono una farsa. Sarei ugualmente scettico nei confronti di qualsiasi storia che ti sia venuta in mente che suggerisse il danno del lobo frontale e non fosse accompagnato da menomazioni mentali.

Domanda 6: È chiaro che non credi in un'anima; ma quale delle argomentazioni contro l'ipotesi dell'anima pensi sia la più convincente e perché?

È importante rendersi conto che l'obiettivo dell'articolo era semplicemente quello di rendere il lettore consapevole degli argomenti e delle ragioni che molti filosofi dubitano dell'esistenza dell'anima; Potrei essere un credente nell'anima e ho ancora scritto il giornale. In realtà ho scritto la carta da utilizzare in una classe in cui parliamo dell'ipotesi dell'anima perché volevo che leggessero un articolo che articolasse le ragioni per cui filosofi e scienziati dubitano dell'ipotesi dell'anima, ma non sono riuscito a trovarne una che mettesse tutti gli argomenti in un posto.

Ma hai ragione nel presumere che io non credo nell'anima me stesso. Per quanto riguarda l'argomento che trovo più convincente – dovrei dire che il solo fatto che gli argomenti per l'esistenza dell'anima falliscano è una ragione sufficiente per dubitare dell'esistenza dell'anima. Come ho detto nel documento, l'onere della prova è sul credente, quindi il fallimento degli argomenti per l'anima è sufficiente a giustificare il dubbio.

Ma direi che quello che è più convincente – che ha convinto la maggior parte delle persone – è l'evidenza delle neuroscienze. L'ipotesi dell'anima ci fa assumere che la nostra mentalità sia indipendente – se ci proviamo abbastanza o vogliamo, possiamo fare tutto ciò che vogliamo. Realizzare Phineas Gage è stato costretto dal suo danno cerebrale ad avere una personalità diversa a falsificare quell'ipotesi. Se la sua mentalità fosse davvero separata, avrebbe potuto semplicemente decidere di essere una brava persona. Oppure considera i casi di negazione della paralisi, in cui i pazienti hanno ictus nell'emisfero destro che paralizzano il lato sinistro del loro corpo, eppure negheranno la paralisi – anche impegnandosi in un comportamento che richiede due mani, a volte a loro rischio e pericolo. Quando falliscono, insisteranno anche sul fatto che hanno eseguito con successo l'azione, o si spingono così lontano da inventare scuse sul perché potrebbero farlo ma non lo fanno. (Vedi il capitolo 7 dei Fantocci di Ramachandran nel cervello.) Se la nostra mentalità fosse qualcosa di separabile dal nostro cervello, queste persone potrebbero semplicemente realizzare la loro paralisi e ammetterlo; invece – e solo ancora estraneo – sembra che l'unico modo per farli ammettere (e questo solo temporaneamente) è far cadere acqua calda dentro uno dei loro orecchi. (No scherzo, dai un'occhiata al libro: è solo un caso di studio, ma è davvero strano). Tutto ciò è perfettamente spiegabile sul materialismo; non ha senso sull'ipotesi dell'anima.

Domanda 7:   Il tuo resoconto della libertà è persuasivo se non abbiamo una mente / anima immateriale?

Ho menzionato brevemente nel documento la minaccia al libero arbitrio, posto dal fatto che l'ipotesi dell'anima è falsa. Il materialismo rende difficile rendere conto del libero arbitrio, ma non è l'unica cosa. Come ho sostenuto nel mio articolo "Dio, fatalismo e ontologia temporale", la prescienza di Dio, e in effetti le leggi della logica stessa, implicano che il futuro esiste già in un modo che preclude possibilità alternative. C'è solo un modo in cui il futuro potrebbe emergere perché esiste già un insieme di proposizioni vere che descrive accuratamente il futuro. Il futuro esiste già perché deve servire come un produttore di verità per le proposizioni future – proposizioni sul futuro. Peggio ancora, questa ontologia temporale – questa visione che il futuro già esiste – è implicata dalla relatività generale e speciale. (Di nuovo, vado più in dettaglio riguardo a questo in "Esplorare la Metafisica".) È anche inevitabile se pensate che Dio esista e abbia preconoscenza. Quindi, in breve, non devi essere un materialista per avere dubbi sulla tua capacità di fare diversamente (comportarti diversamente da te). E se pensi che il libero arbitrio richieda la capacità di "fare diversamente" – se pensi di non poter agire liberamente a meno che, quando decidi se fare A o A, è davvero possibile che tu faccia o-allora la tua incapacità di fare altrimenti comporta che non sei libero. Anche se assumi l'ipotesi dell'anima, il libero arbitrio è difficile da difendere.

Alcuni tuttavia non pensano che il libero arbitrio richieda possibilità alternative; queste persone sono chiamate "compatibliste" e pensano che siamo moralmente responsabili di ciò che facciamo, e quindi lo facciamo liberamente, purché le nostre azioni fuoriescano da una parte di noi – parte della nostra psicologia come una deliberazione razionale o la nostra " Il secondo ordine vuole e desidera. "In breve (e in linea con la" causazione di agente compatibilista "di Markosian), se questo è vero, allora anche se il materialismo è vero, siamo ancora liberi. Perché? Perché posso ancora essere la causa delle mie azioni, anche se non ho un'anima. Se è così, allora l'ipotesi dell'anima falsa non fa nulla per minacciare il libero arbitrio.

Quindi, in breve, il libero arbitrio è difficile da spiegare. Se richiede possibilità alternative, allora probabilmente non siamo liberi a prescindere dal fatto che l'anima esista o meno. Anche se l'anima esiste, ci sono molte ragioni per pensare che c'è un solo futuro possibile, e quindi che non siamo liberi. Se il libero arbitrio non richiede tuttavia possibilità alternative, allora l'esistenza dell'anima non fa nulla per rafforzare l'idea che abbiamo il libero arbitrio; possiamo ancora essere la causa delle nostre azioni, e quindi essere liberi in un senso compatibile, anche se l'ipotesi dell'anima è falsa (e non possiamo fare altrimenti).

Spero che tutto aiuti e che tu sia stato illuminato su qualcosa di importante.

  • Il mito auto-esagerato dell'amore universale incondizionato
  • Perché le immagini sono considerate sacre o offensive da alcuni?
  • Essere post-teologici
  • Ossitocina, spiritualità e biologia del sentimento connessi
  • È difficile far fronte a un portafoglio perso
  • Una soluzione al più grande mistero che hai imparato a ignorare
  • Spirituale ma non religioso
  • Groupies Killer seriali e collezionisti di Murderabilia
  • Principesse e Zombi: Halloween non è solo per i bambini
  • 9 suggerimenti per gestire il bullismo per adulti
  • Perché le persone credono negli esseri invisibili?
  • Cosa significherebbe un papa americano?
  • La preghiera può nuocere alla tua salute?
  • Un manifesto del leader tossico
  • Groupies Killer seriali e collezionisti di Murderabilia
  • Come migliorare il senso della vita e della vita in generale
  • Morire per raccontare una buona storia
  • Destino: "Determinismo" contro "libero arbitrio"
  • Una psicologia del salvataggio
  • Dio e il significato della vita
  • La psicologia dietro un buon giorno di capelli
  • Essere post-teologici
  • Le molte voci del felicemente senza Dio
  • Basta dire di no agli infermieri
  • Sei recenti innovazioni in porno e erotica
  • L'ateismo è solo un'altra religione?
  • Bambini, spiritualità e società
  • Paul 'HR' Hudson e il potere duraturo di PMA
  • Quando il pensiero binario è coinvolto, la polarizzazione segue
  • Killers che parlano potrebbero rivelare o nascondere
  • I freak e i geek che hanno fatto la differenza
  • Il mito auto-esagerato dell'amore universale incondizionato
  • Perché gli imprenditori falliscono - chiavi per creare successo
  • Anosognosia, psicopatia e coscienza
  • Cosa hanno in comune Déjà Vu e Houdini?
  • La volontà è causata, non "libera"