Esiste un legame tra anoressia e narcisismo?

Di Dr. Raj Persaud e Dr. Kathleen Martin Ginis, professore di psicologia dell'esercizio, McMaster University, Canada.

Joan Bakewell, un eminente membro della House of Lords britannica, si sta scusando per i commenti che ha fatto collegando l'anoressia al narcisismo.

La BBC News e altri siti dei media riportano che ora è "profondamente dispiaciuta" per aver causato "angoscia" suggerendo che l'aumento dei disordini alimentari tra gli adolescenti era un segno di "narcisismo" nella società. In una precedente intervista con The Sunday Times Newspaper, la baronessa Bakewell, che attualmente presiede una prestigiosa giuria di premi, sosteneva che l'anoressia era "un segno dell'eccessiva indulgenza della nostra società, la sovra-introspezione, il narcisismo davvero".

Le scuse seguono una serie di critiche nei confronti dei suoi commenti, tra cui campagne anti stigma sulla salute mentale e un acceso dibattito sui social media.

Raj Persaud
Fonte: Raj Persaud

Lo studio scientifico dei disordini alimentari suggerisce che entrambi i lati del campo in questo dibattito potrebbero avere ragione. Questo paradosso è risolto perché potrebbe esserci più di un tipo di narcisista.

Kathryn Gordon e Joseph Dombeck del Dipartimento di Psicologia, North Dakota State University, con un interesse accademico nei disturbi alimentari, aprono il loro studio sull'argomento con il commento: "La letteratura riporta costantemente un legame tra narcisismo e sintomi del disturbo alimentare".

La loro indagine, intitolata "Le associazioni tra due aspetti del narcisismo e sintomi del disturbo alimentare", ha esaminato 355 studenti universitari di sesso maschile e femminile.

Lo studio, pubblicato sulla rivista accademica, Eating Behaviors, ha rilevato che il narcisismo "vulnerabile" tendeva ad essere associato ai sintomi del disturbo alimentare, e questa relazione era parzialmente legata all'autostima che dipendeva dagli sguardi.

Il narcisismo "vulnerabile" potrebbe essere un fattore di rischio per i disturbi alimentari a causa di una spinta a migliorare l'autostima attraverso il miglioramento dell'aspetto fisico.

Forse uno dei motivi per cui i commenti della baronessa Bakewell hanno attratto tanta critica è stato un equivoco sul fatto che il narcisismo possa venire vestito in diversi pacchetti, e nel mondo clinico non significa solo mera "vanità".

Il narcisismo in questo studio ha coinvolto due tipi: un tipo grandioso e vulnerabile.

Grandi narcisisti soffrono di fantasie di successo illimitato, potere, pur credendo di essere "speciali", e quindi richiedono un'ammirazione eccessiva.

Grandi narcisisti mantengono le loro opinioni positive di sé svalutando le opinioni altrui, esagerando il loro senso di superiorità e agendo in modo aggressivo nei confronti dei critici.

Raj Persaud
Fonte: Raj Persaud

Mentre il narcisismo vulnerabile condivide alcune caratteristiche del grandioso disturbo narcisistico di personalità – è più caratterizzato dall'ipersensibilità alle opinioni altrui, dall'insicurezza, dall'intenso desiderio di approvazione e dalla scarsa immagine di sé.

Piuttosto che esibire atteggiamenti arroganti, quando percepiscono un feedback negativo dagli altri, i narcisisti "vulnerabili" tendono a sperimentare un'umiliazione intensa e ad abbandonare gli incontri sociali, evitando così dispregiamenti reali o immaginari.

L'inesorabile determinazione dei narcisisti vulnerabili a raggiungere un senso di autostima attraverso il miglioramento del loro aspetto li porta a ricorrere a una dieta eccessiva. Anche se i grandiosi narcisisti si occupano anche eccessivamente del loro aspetto, possono essere protetti dai sintomi del disturbo alimentare perché non trovano la loro autostima nei loro sguardi.

La loro tendenza ad affrontare il feedback derogando alle opinioni altrui, a causa della grandiosità, li protegge dall'eccessiva preoccupazione per il peso.

Un altro modo per comprendere il narcisismo è concentrarsi sulle difese narcisistiche: questi meccanismi psicologici interni sono il modo in cui tutti noi manteniamo l'autostima contro la minaccia. Quindi c'è un senso in cui tutti noi soffriamo di narcisismo di tanto in tanto e in effetti un po 'potrebbe essere essenziale per mantenere l'autostima tra le fionde e le frecce della vita di tutti i giorni.

Ma se, per esempio, un narcisista fa domanda per un posto di lavoro ma fallisce l'intervista, incolperà questo rifiuto sulla pura idiozia degli intervistatori, piuttosto che non essere il miglior candidato. Questo è definito il meccanismo di difesa "cattivo" e potrebbe essere caratteristico di un certo tipo di narcisista.

Uno studio del "International Journal of Eating Disorders", intitolato "Narcisismo e difese narcisistiche nei disordini dell'alimentazione", ha infatti rilevato che lo stile di difesa "povero me" era l'approccio di difesa narcisistico più fortemente associato ai processi mentali fondamentali del mangiare disordinato.

Lo stile di difesa "povero me" si considera maltrattato dagli altri.

Quindi, la presentazione è una "martirizzata", in cui si mantiene l'autostima vedendo il sé come incompreso e soggetto a richieste intollerabili.

Lo stile di difesa "povero me" è in contrasto con l'approccio "brutto", altrimenti definito "pedagogia velenosa". Ciò implica vedere gli altri come sbagliati e bisognosi di direzione. I narcisisti che usano la difesa "cattiva" in genere considerano il loro terapeuta come difettoso; bisogno di essere insegnato il loro lavoro dal paziente. Nello studio c'era qualche legame tra certi atteggiamenti alimentari disordinati e "brutto", ma il meccanismo di difesa "povero me" era più strettamente legato ai disturbi alimentari.

Gli autori di questo studio, Glenn Waller, Jennie Sines, Caroline Meyer, Emma Foster e Anna Skelton, sostengono le difese narcisistiche potrebbero essere al centro dell'attenzione clinica nel trattamento e nella comprensione dei disturbi alimentari.

L'ondata di critiche aggressive che ha travolto la baronessa Bakewell in seguito ai suoi commenti sul nesso tra narcisismo e anoressia, un'associazione che ha in realtà alcune basi nella letteratura di ricerca, potrebbe essere stata perché il narcisismo significa cose diverse a seconda dei tipi contrastanti, o se voi si riferiscono a un particolare meccanismo di difesa.

Ironia della sorte, in tutta la reciproca recriminazione, c'era un accenno alla classica difesa narcisistica del "cattivo te"?

Segui il Dr Raj Persaud su Twitter: www.twitter.com/@DrRajPersaud

Raj Persaud e Peter Bruggen sono editori di podcast congiunti per il Royal College of Psychiatrists e ora hanno anche un'app gratuita su iTunes e Google Play Store dal titolo 'Raj Persaud in conversation', che include molte informazioni gratuite sugli ultimi risultati della ricerca in ambito mentale salute, oltre a interviste con i migliori esperti di tutto il mondo.

Scaricalo gratuitamente da questi link:

https://play.google.com/store/apps/details?id=com.rajpersaud.android.raj

https://itunes.apple.com/us/app/dr-raj-persaud-in-conversation/id9274662

Il nuovo romanzo del dottor Raj Persaud "Non posso farti uscire di testa" sul narcisismo dell'amore stalking e ossessivo è pubblicato a sostegno della settimana nazionale britannica di sensibilizzazione stalking il 18 aprile, tutti i proventi delle vendite donate al Trust Suzy Lamplugh -configurazione di carità di sicurezza personale.

Solutions Collecting From Web of "Esiste un legame tra anoressia e narcisismo?"