Esiste il vero altruismo?

Wikicommons
Fonte: Wikicommons

[Articolo aggiornato il 17 agosto 2016.]

L'altruismo è stato pensato come una difesa dell'ego, una forma di sublimazione in cui una persona affronta la sua ansia facendo un passo fuori di sé e aiutando gli altri. Concentrandosi sui bisogni degli altri, le persone in vocazioni altruistiche come la medicina o l'insegnamento possono essere in grado di spingere in modo permanente i loro bisogni sullo sfondo, e quindi non devono mai affrontare o persino riconoscere loro. Al contrario, le persone che si prendono cura di una persona disabile o anziana possono provare profonda angoscia e angoscia quando questo ruolo viene improvvisamente rimosso da loro.

L'altruismo come difesa dell'ego dovrebbe essere distinto dal vero altruismo: uno è principalmente un mezzo per coprire sentimenti scomodi e l'altro è principalmente un mezzo per un fine esterno come alleviare la fame o la povertà. Tuttavia, molti psicologi e filosofi hanno sostenuto che non esiste, in effetti, qualcosa come il vero altruismo. In The Dawn , il filosofo del XIX secolo Friedrich Nietzsche sostiene che ciò che erroneamente viene chiamato "pietà" non è disinteressato ma variamente auto motivato.

Nietzsche è in effetti d'accordo con Aristotele che nella Retorica definisce la pietà come una sensazione di dolore causata da un male doloroso o distruttivo che colpisce qualcuno che non lo merita, e che potrebbe accadere a noi o ad uno dei nostri amici, e, inoltre, a ci succederà presto Aristotele suppone che la pietà non possa essere sentita da coloro che non hanno assolutamente nulla da perdere, né da coloro che sentono di essere al di là di ogni disgrazia.

In un interessante e perspicace punto di vista, Aristotele aggiunge che una persona prova pietà per coloro che sono come lui e per coloro con cui è a conoscenza, ma non per coloro che sono strettamente legati a lui e per i quali si sente come se stesso per se stesso . Infatti, dice Aristotele, il pietoso non deve essere confuso con il terribile: un uomo può piangere alla vista del suo amico che chiede l'elemosina, ma non a quello del figlio che viene portato a morte.

Gli atti altruistici sono egoistici, se non perché alleviano l'ansia, quindi forse perché conducono a piacevoli sentimenti di orgoglio e soddisfazione; l'attesa dell'onore o della reciprocità; o la maggiore probabilità di un posto in paradiso; e anche se nessuna delle precedenti, almeno perché allevia sentimenti spiacevoli come la colpa o la vergogna di non aver agito affatto.

Questo argomento è stato attaccato per vari motivi, ma molto gravemente per motivi di circolarità: gli atti altruistici sono eseguiti per ragioni egoistiche, quindi devono essere eseguiti per ragioni egoistiche. La linea di fondo, penso, è questa. Non può esistere un atto "altruistico" che non implichi alcun elemento di interesse personale, nessuna cosa del genere, ad esempio, come un atto altruistico che non porta in una certa misura, non importa quanto piccolo, di orgoglio o soddisfazione. Pertanto, un atto non dovrebbe essere cancellato come egoista o auto-motivato semplicemente perché include qualche elemento inevitabile di interesse personale. L'atto può ancora essere considerato altruista se l'elemento "egoista" è accidentale; o, se non accidentale, poi secondario; o, se non accidentale né secondario, quindi non determinante.

È necessario che ciò implichi che Aristotele non è corretto nel sostenere che la pietà non può essere sentita da coloro che non hanno assolutamente nulla da perdere, o che sentono di essere al di là di ogni disgrazia? Non necessariamente. Sebbene un atto altruistico sia spesso guidato dalla pietà, non è necessario che sia così, e l'altruismo e la pietà non devono essere amalgamati e quindi confusi l'uno con l'altro. Quindi, è perfettamente possibile per qualcuno che giace sul letto di morte e sull'orlo della morte, che è il mentis composto e la cui reputazione è già molto rassicurata, per donare tutto o gran parte della sua fortuna a qualche causa meritevole, non per pietà, che può o non può essere oltre il sentimento, ma semplicemente perché pensa che, tutto sommato, è la cosa giusta da fare. In effetti, questo va al cuore stesso della virtù antica, che può essere definita come la perfezione della nostra natura attraverso il trionfo della ragione sulla passione. L'atto veramente altruista è l'atto virtuoso e l'atto virtuoso è, sempre, l'atto razionale.

Adattato da Heaven and Hell: The Psychology of the Emotions .

Neel Burton è autore di The Meaning of Madness , The Art of Failure: The Anti Self-Help Guide, Hide and Seek: The Psychology of Self-Deception e altri libri.

Trova Neel Burton su Twitter e Facebook

Neel Burton
Fonte: Neel Burton

Solutions Collecting From Web of "Esiste il vero altruismo?"