Esibire i manufatti della vita

La psicologia della Gestalt sostiene che noi diamo un senso agli stimoli caotici e varianti che ci bloccano in ogni momento della nostra esistenza postmoderna costruendo correlazioni dinamiche tra ciò che percepiamo e come lo viviamo . Ad esempio, guidare una macchina ci impone di assistere a una miscela di informazioni che corrono attraverso le finestre contigue, gli specchi e i cruscotti. Getta una serie dirompente di cartelli stradali, cartelloni pubblicitari, un telefono cellulare e il bambino che piange sul sedile posteriore e trasformiamo questo compito di routine in un'impresa travolgente di elaborazione parallela dei dati che metterebbe a repentaglio un supercomputer. La nostra capacità di rendere queste connessioni complesse e impercettibili richiede che generiamo alcune delle nostre informazioni per riempire gli spazi vuoti. Essenzialmente questo significa che lavoriamo con il nostro mondo per costruirne una rappresentazione che sia in qualche modo familiare e comprensibile.

Mentre guidiamo attraverso i nostri giorni, guardiamo fuori dal nostro parabrezza per raggiungere i nostri posti desiderati in tempo evitando il traffico in arrivo e rischi inaspettati. Tuttavia, l'arte della navigazione richiede un'acuta consapevolezza della realtà vacillante, mentre fissa la nostra attenzione sulle nostre destinazioni previste. Ci mancano i nostri turni e ci ritroviamo persi perché assegniamo troppa attenzione a dove siamo stati e non abbastanza a dove stiamo andando.

Alcuni ricercatori ritengono che la memoria e l'immaginazione siano in realtà funzioni correlate nella regione dell'ippocampo del cervello. La possibilità di recuperare e creare immagini sono operazioni simili che funzionano in direzioni inverse. Ecco perché spesso ricordiamo le cose in modi strani o eventi che non sono mai accaduti. Potrebbe anche essere il motivo per cui gli atti creativi possono riportarci a un evento precedente e spesso nascosto. Raccogliamo i manufatti delle nostre vite e li mettiamo in mostra dove possiamo incontrare abitualmente la loro potenza: foto, diplomi, lettere di encomio o cianfrusaglie che commemorano quel viaggio speciale sulla Grande Muraglia. Sono i nostri specchietti retrovisori. Ci riportano alla gioia, al pathos o al desiderio. Mantengono il nostro presente passato.

Quando sono effettivamente integrati nello sviluppo attuale delle nostre vite, questi simboli preservano il nostro senso di ciò che siamo e il posto che occupiamo in questo mondo, ma quando non realizzati o scambiati per il futuro diventano i segni di fallimento, rabbia o auto-inganno. Tuttavia possiamo usare il nostro innato dispositivo di spostamento del tempo per portarci avanti di nuovo creando artefatti del pensiero che ci permettono di immaginare il futuro come il nostro passato. Quella copertina polverosa del vecchio libro con il nome del romanzo che non abbiamo ancora scritto su di esso o quella piccola casetta sulla valletta che sovrasta il lago che stiamo risparmiando per acquistare tutti diventano segni che ci tengono sulla nostra strada più desiderata. Come il defunto mitologo americano Joseph Campbell dichiarò "Segui la tua felicità". Ma non puoi seguire nulla a meno che tu non lo tenga chiaro e conveniente. Componi, crea e crea per connetterti dove siamo stati dove saremo. Grafica, mandala, manifesti, slogan, battaglie di canzoni, fotografie, libri, cianfrusaglie, ornamenti gnomi e novità impregnano il banale con un senso del destino. Fanno loro il cruscotto, la mensola del camino accuratamente coreografata, la shadowbox, il laminato sul muro, l'immagine ritmata sull'i-tech. Arruolare tutto ciò che fa scattare il nostro ricordo del nostro futuro – la nostra preziosa ricerca. Mantieni il nuovo popolato e animato fino a quando non sussume o ritira il vecchio. Revisionare e riorganizzare a seconda dei casi per mantenere la visione fresca. Sposta da lascia andare per lasciar crescere.

Solutions Collecting From Web of "Esibire i manufatti della vita"