Esercizio, movimento e cervello

Il mese scorso, ho iniziato una serie di post incentrati sulla recente ricerca scientifica che supporta le affermazioni filosofiche nel mio ultimo libro, Why We Dance: A Philosophy of Bodily Becoming . A sua volta, sono interessato a come la nozione di "diventare corporeo" illumina il significato di questi risultati di ricerca e suggerisce indicazioni per ulteriori progetti.

Il mio ultimo post ha assunto la pretesa al centro del divenire corporeo – Sono il movimento che mi sta facendo – prendere in giro esempi di studi che coinvolgono conducenti di taxi, ballerini e robot. Oggi guardo più da vicino la relazione tra il movimento corporeo e il cervello che questa affermazione comporta.

*

Gli studi sul movimento corporeo e sulla salute umana rientrano generalmente in due categorie che si rafforzano a vicenda: studi di esercizio e studi di seduta. In generale, gli studi sull'esercizio dimostrano che l'esercizio è buono; gli studi di seduta dimostrano che sedere è sbagliato. Anche le eccezioni a questi risultati dimostrano la regola. Secondo un recente studio sulle donne in Inghilterra, ad esempio, stare seduti per lunghi periodi non è dannoso per la salute se si agita in modo moderato o vigoroso. D'altra parte, altri studi affermano che esercitarsi intensamente per un breve periodo non neutralizza gli effetti negativi della seduta per il resto del tempo.

Ciò che emerge nel fuoco incrociato è la sensazione che il movimento corporeo sia l'ingrediente determinante della salute.

Guardiamo oltre.

La salute o il fitness sono spesso misurati in termini di capacità del corpo di metabolizzare l'ossigeno. L'ossigeno, tirato nei polmoni, pompato attraverso il flusso sanguigno, entra in ogni cellula. Una volta lì, alimenta i mitocondri all'interno di ogni cellula che producono l'energia che consente alla cellula di fare il suo lavoro. Esercizio, gli studi mostrano, aumenta la presenza di ossigeno all'interno del corpo, il flusso sanguigno e la cellula.

Come?

L'esercizio coinvolge i muscoli. Quando le cellule muscolari si contraggono per tutta la lunghezza di un muscolo, lo scheletro di un sé corporeo si muove. Queste contrazioni non solo aiutano a pompare sangue ossigenato attraverso il sistema circolatorio, ma innescano un bisogno di più ossigeno, una respirazione più profonda, un impulso più forte. Innescano i sistemi respiratorio e circolatorio. Ossigenando il corpo in questi modi, l'esercizio fisico, oltre a migliorare l'equilibrio, la forza e il coordinamento, abbassa la pressione sanguigna, riduce il colesterolo, diminuisce il rischio di obesità e diabete e, in generale, migliora la salute cardiovascolare.

Fino al 1995, i ricercatori ritenevano che i benefici per la salute dell'esercizio fossero limitati al "corpo" anziché al "cervello". Ora, tuttavia, il campo si è spostato. Non solo è chiaro che l'esercizio stimola le cellule cerebrali con l'ossigeno che abilita il lavoro, è anche evidente che l'esercizio catalizza effettivamente la crescita di nuove cellule cerebrali (chiamata neurogenesi) e la produzione di fattori che aiutano nella creazione di nuove sinapsi ( chiamato plasticità sinaptica).

Cosa sta succedendo?

Prima una parola sul cervello. Nel linguaggio comune (grazie alla monetazione di Donald Hebb del 1949), le cellule cerebrali che "sparano insieme legano insieme", creando così nuove "sinapsi" o connessioni tra un neurone e l'altro.

Nel momento di "sparare", un impulso elettrico corre lungo l'assone o ramo di una cellula cerebrale alla sua estremità. Lì si trasforma in un neurotrasmettitore che salta attraverso lo spazio tra l'assone di un neurone e l'altro che riceve dendrite. Queste sinapsi rappresentano qualcosa di appreso che può essere ricordato.

In questo "cablaggio", quindi, i rami del neurone non toccano. Non "cablano" nel senso di fusione. Ciò che connette i neuroni è una traccia di un movimento fatto – una traccia che esiste come una "affinità" tra i neuroni, un potenziale per un impulso da una cellula a saltare di nuovo all'altro in futuro.

In altre parole, tutto ciò che l'uomo impara esiste come ciò che io chiamo un'immagine cinetica . Non esiste come struttura fisica, "esiste" solo nel movimento che abilita, indipendentemente dal fatto che quel movimento abbia come risultato un pensiero, un'emozione o un'azione.

Dal punto di vista del divenire corporeo, il cervello è movimento. Esiste come modello per i potenziali di movimento tra i neuroni. Ogni neurone è una capacità di percepire e rispondere a una spinta da un altro neurone. Questo è quello che è.

Piuttosto che sparare e legare, potrebbe essere più preciso dire che i neuroni pop e i neurotrasmettitori saltano.

Quale effetto ha l'esercizio su questo processo cinetico che sta alla base di tutto il nostro apprendimento e ricordo, le nostre più alte astrazioni e la più concreta consapevolezza sensoriale?

Nuove scoperte e nuove qualifiche su risultati più vecchi appaiono ogni settimana. Ad esempio, gli scienziati hanno scoperto che l'esercizio fisico aumenta il glutammato, un neurotrasmettitore responsabile dell'80% della segnalazione cerebrale per stimolare l'attività che consente il salto del segnale.

Sembra anche che l'esercizio aumenti il ​​rilascio di fattori di crescita – specialmente il BDNF (fattore neurotrofico derivato dal cervello) – che agisce ispessendo assoni e dendriti e stimolando i neuroni a germogliare di nuovi. In altre parole, il BDNF funziona aumentando il potenziale dei neuroni di pop e hop, non costruendo un vero "circuito" o "rete".

L'esercizio funziona all'interno delle cellule in tutto il corpo come pure per produrre proteine ​​che viaggiano nel cervello per supportare l'attività di entrambi i neurotrasmettitori e fattori di crescita.

Inoltre, uno studio appena pubblicato il 19 novembre suggerisce che l'esercizio stimola la produzione cellulare di un enzima (SIRT3) situato all'interno dei mitocondri che protegge l'importantissima produzione di energia dei mitocondri dai tipi di stress causati dalle neurotossine e da altri fattori.

In questi modi, quindi, l' esercizio fisico crea condizioni che consentono alle cellule cerebrali di apprendere -dove l'apprendimento, dal punto di vista del divenire corporeo, è un ritmo per creare e diventare modelli di movimento che trovano espressione in pensieri, sentimenti e idee. L'esercizio funge da motore, sbocco e condizione di abilitazione per i ritmi del divenire corporeo.

Spesso queste scoperte sono riassunte usando la metafora della "plasticità", affermando che l'esercizio sprona la plasticità sinaptica. Questa metafora implica che il cervello è una sostanza malleabile, che cambia forma in risposta a forze esterne. Tuttavia, una volta che adottiamo una prospettiva del corpo che diventa la metafora della plasticità non è all'altezza. I nostri cervelli non vengono modellati passivamente; stanno partecipando attivamente alla formazione. I nostri neuroni sono essi stessi che raggiungono, afferrano, innescano, lanciano, e così facendo, creando proprio l'organismo la cui salute continua a servire – come condizione della propria sopravvivenza!

Potrebbe essere più utile pensare al cervello come a un ritmo continuo e riflessivo della creazione di immagini cinetiche.

Perché, allora, l'esercizio fisico ha un effetto così profondo su un cervello umano? La prospettiva del divenire corporeo suggerisce una ragione. Il movimento del corpo è uno spunto per un cervello a svegliarsi. Il movimento corporeo segnala al cervello che ci sono decisioni da prendere; opportunità da prendere; pericoli da evitare e piaceri da perseguire. Il movimento del corpo segnala al cervello che è ora di venire completamente on-line e fare il lavoro che esiste: guidare la partecipazione consapevole ai ritmi del divenire corporeo.

Che tipo di movimento corporeo è il migliore per potenziare l'azione cerebrale? Quando è stata posta la domanda, John Ratey, professore associato presso la Harvard Medical School indica attività che sono aerobiche e comportano modelli di movimento di apprendimento. "Più complessi sono i movimenti, più complesse sono le connessioni sinaptiche. E anche se questi circuiti sono creati attraverso il movimento, possono essere reclutati da altre aree e usati per pensare … La corteccia prefrontale coopterà il potere mentale delle abilità fisiche e lo applicherà ad altre situazioni "(56).

La sua analisi punta a danzare, e la prospettiva del divenire corporeo illumina il significato di farlo. La danza non è semplicemente esercizio. Non è semplicemente un movimento corporeo. La danza è il tipo di esercizio che richiede al cervello di fare ciò che fa quando è coinvolto in qualsiasi attività. Non ossigena semplicemente il cervello e consente la creazione di connessioni; sfida i neuroni a creare nuove connessioni. Non stimola solo la crescita di nuove e migliori cellule cerebrali, le mette in pratica, creando modelli di sensazione e risposta che costituiscono la base di tutti i nostri schemi di attenzione e azione. La danza esercita i ritmi che si auto-creano che siamo quelli che siamo come cellule cerebrali, movimenti corporei completi e in ogni scala nel mezzo.

La pratica di qualsiasi forma di danza può anche fare qualcos'altro: può servire a coltivare una consapevolezza sensoriale di se stessi come movimento. Può incoraggiare la creazione di affinità neuronali che esprimono i modelli di attenzione al movimento del corpo che richiede l'azione di imparare quei movimenti. In questo modo può servire per aiutare un io corporeo a imparare a muoversi in modi che spiegano il suo potenziale per farlo.

L'esercizio migliora la capacità di un cervello di creare nuove connessioni, e la danza lo richiede. Ballando creiamo noi stessi.

fonti

Cheng, A. "Il SIRT3 mitocondriale media le risposte adattive dei neuroni all'esercizio fisico e le sfide metaboliche ed eccitatorie." 19 novembre 2015. Metabolismo cellulare . E-pubblicato il 19 novembre 2015.

Gareth Hagger-Johnson, Victoria Burley, Darren Greenwood, Janet E. Cade. 2015. "Tempo di seduta, fidgeting e mortalità per tutte le cause nello Studio di coorte femminile nel Regno Unito". American Journal of Preventive Medicine .

Hannah, Judith Lynne. 2015. Dancing to Learn: la cognizione, l'emozione e il movimento del cervello . Rowman e Littlefield.

LaMothe, Kimerer L. 2015. Why We Dance: una filosofia del corpo che diventa. Columbia University Press.

Ratey, John con Eric Hagerman. 2008. Spark: The Revolutionary New Science of Exercise and the Brain . New York: Little, Brown & Company.

Shaw, Jonathan. 2004. "Il peccato più letale: dalla sopravvivenza del più adatto a mantenersi in forma per sopravvivere: lo scienziato sondare i benefici dell'esercizio fisico e i pericoli della pigrizia." Harvard Magazine . 36-43, 98-9.

"The Health Hazards of Sitting", 20 gennaio 2014. Washington Post, https : //www.washingtonpost.com/apps/g/page/national/the-health-hazards-o…

Primo nella serie: Recenti studi scientifici supportano "Why We Dance"

Solutions Collecting From Web of "Esercizio, movimento e cervello"