Escapism and Contemporary Life

Recentemente ho ricevuto una lettera – (una forma insolita di comunicazione al giorno d'oggi) – da un lettore del mio ultimo libro …. " What the Hell Are The Neurons Up To?", Dicendomi che le mie opinioni sulla vita sono "davvero alquanto antiquate": e prese una frase che avevo citato dal poeta inglese Robert Browning come esempio …. che diceva: "La verità è dentro di noi; non si alza / dalle cose esteriori, qualunque cosa tu possa credere ".

Oggigiorno, alcuni direbbero che vivere " dentro di noi" è semplicemente una forma di "Escapismo" – un termine che possiede connotazioni dispregiative che implicano un distacco dalla realtà o dalla routine quotidiana, un sottrarsi alle responsabilità … una mancanza di preoccupazione per i valori generalmente associati a 'andare avanti' nel mondo.

Ora, ovviamente, nel citare Browning non stavo sostenendo un ritiro eremitico dalle molte e varie esperienze che il mondo moderno ha da offrire, ma semplicemente usato le sue parole per correggere lo squilibrio nell'atteggiamento nei confronti della vita prevalente nella cultura contemporanea.

La mia intenzione era di sottolineare che quando la coscienza alla fine si è evoluta per provocare in noi – la specie che chiamiamo homo sapiens – alla fine siamo diventati dotati di due modi di consapevolezza. Un aspetto esteriore, che utilizza i cinque sensi e facoltà della ragione … mediante il quale siamo in grado di comprendere la natura essenziale delle cose e degli avvenimenti nel mondo esterno, e quindi rispondere intelligentemente e praticamente a loro. L'altro che è più diretto verso l'interno … inducendo pensieri immaginativi, contemplativi e livelli di sentimento, mediante il quale valutiamo il significato relativo e il valore di eventi esterni nella vita di ognuno … e veniamo a riflettere, come si dice, ' il significato di tutto. '

Quindi la coscienza più efficiente -ideale- può essere descritta come una che sia obiettivamente acuta e soggettivamente perspicace: una combinazione che si traduce nei vari livelli di partenariato psicologico che alla fine determinano la natura della propria individualità, se non unica.

Tutti noi ci siamo evoluti per vivere questo tipo di "doppia vita". Ma perché una tale dualità di coscienza funzioni in modo efficace, il Tempo è essenziale. Con questo intendo che senza regolarmente "prendere tempo" dal giro quotidiano a "rimuginare" le cose nella mente … è meno probabile che si distingua tra esperienze significative e banali, e così venga a sviluppare un po 'di saggezza come vita fa il suo corso E l'accumulo di auto- conoscenza sarà probabilmente più che minimo, fino a quando non si muore mai veramente sapendo di aver mai vissuto.

Eppure il problema è che nel mondo di oggi, non c'è né l'inclinazione, né l'opportunità, di passare molto tempo con se stessi. Il computer è sempre a portata di mano. Ed è molto meno impegnativo passare il tempo a inviare e-mail, tweeting, "Facebook-ing", telefonare in cella …

Quindi suggerirei che la vera forma di "Escapism" al giorno d'oggi è la necessità compulsiva di essere costantemente impegnati a vivere una vita elettronica di ricerca di fatti, risoluzione di problemi, videogiochi e chiacchiere personali … E questo a spese di ritirarsi dagli "eventi" della vita di volta in volta per esercitare la Mente attraverso eventi di risveglio mentale … nel corso del quale si scoprono sensibilità e atteggiamenti inaspettati, intuitivamente tenuti riguardo al modo in cui le cose sono andate: il risultato complessivo è la capacità di 'vedere' se stessi come un individuo molto, molto la propria persona.

Da quando ho iniziato questo breve saggio, la parola " Consapevolezza" è apparso in due rapporti medici mensili dell'ottobre 2012. E in particolare nel Rapporto speciale della Mayo Clinic, descrivono il processo – (come ho fatto, sia brevemente sopra, sia a lungo in circa 400 pagine del mio ultimo libro) – segue: " Consapevolezza … non solo una forma di meditazione personale ma anche una forma di medicina …. aiutare le persone a raggiungere una salute migliore e far fronte a gravi malattie per diversi decenni ". E più avanti nel Rapporto affermano che "la consapevolezza ha un effetto positivo sulla qualità della vita".

Ma non c'è davvero nulla di nuovo qui. La convinzione che "l' essere umano " in generale, e l' individuo in particolare, costituisca una partnership di "Corpo", mente e "spirito" ha pervaso il pensiero umano nel corso della nostra storia, da Platone a Carl Jung, si potrebbe dire. E il modo di "ascoltare" in questa partnership è fare a meno della televisione, evitare lo schermo del computer, i videogiochi e il cellulare … e pazientemente sedersi e aspettare che la Mente prenda il controllo. O vai a fare una passeggiata. Meglio ancora … vai a fare una passeggiata con un cane. Ancora meglio, possiedi un cane. Tutti i modi di indurre il tipo di esperienza che Shakespeare aveva in mente quando scrisse in Sonnets CVII: "L'anima profetica / Del vasto mondo, sognando le cose a venire". Uno stato mentale che il compianto Loren Eiseley, un paleontologo più illustre del nostro tempo, si lamentava quando scrisse: "Inconsciamente, il regno umano è negato in favore del mondo delle tecniche pure".

E così, "Consapevolezza per la salute", è il nuovo slogan medico.

Solutions Collecting From Web of "Escapism and Contemporary Life"