Esame dei tratti o assassinio dei personaggi?

Parte del problema che affrontiamo nel tentativo di arrivare al nocciolo delle relazioni amorose patologiche è che "come lo facciamo" o "ciò che chiamiamo" è giudicato in modo così grave da compromettere la condivisione dei risultati importanti che vengono appresi.

Ci sono gruppi di professionisti, organizzazioni di donne e agenzie di servizi che fanno la punta del piede intorno a ciò che chiamiamo "modelli di selezione nelle relazioni". Ci sono regole non dette e opinioni pesantemente ponderate su "cosa" possiamo discutere e "come" discutiamo i risultati.

Di cosa sto parlando? Dagli anni '70 e dal movimento delle donne, discutendo le specificità delle scelte delle donne nelle relazioni, i modelli di selezione, i tratti della personalità, la salute mentale, la dipendenza / devianza sessuale è stato ampiamente scoraggiato e "semantizzato" come "etichettare la vittima" o "vittima" incolpare.' Ha messo la vittima fuori dai limiti per qualsiasi comprensione approfondita diversa dalla teoria della vittimologia sviluppata negli anni '70.

È difficile aggirare l'immagine del tabellone per le affissioni della "vittima" per parlare di qualsiasi tipo di dinamica relazionale o di altri aspetti psicologici (compresi biologia o tratti caratterizzati da temperamento del temperamento) che sta accadendo nella relazione amorosa patologica. Potremmo studiarlo, ma abbiamo già una "teoria" per lei che non deve essere disturbata.

Confrontalo con qualsiasi altro campo di salute mentale ed è assurdo che potremmo dire: "Comprendiamo già la depressione, non più teorie, non più studi! Non chiamarlo depressione o stai incolpando il paziente della propria depressione ".

Studiarla è darle la colpa. Misurare i suoi tratti per vedere se ci sono vulnerabilità o pattern typing significa suggerire che è difettosa.

* La vittima è stata sicuramente vittima di un trauma.
* Studiare la vittima in nessun modo dice che non hanno subito un trauma.
* La vittima non è da incolpare per quello che è successo a loro.
* Studiare la vittima in alcun modo dice che sono responsabili per quello che è successo a loro.
* La vittima non ha "scelto" la vittimizzazione, ma nella disfunzione relazionale ha scelto il carnefice.

Potremmo imparare qualcosa a riguardo?

Come si otterrà il cancro o si troverà una cura per l'AIDS se non studiamo il problema da tutti gli angoli? Se concludiamo che studiare la vittima li incolpa, allora abbiamo interrotto un'intera parte della ricerca che può aiutarci nella prevenzione, nell'intervento e nel trattamento, sia che si tratti di un disturbo medico o di una relazione patologica.

Lo studio della vittimologia, compresi gli aspetti della vittima, non è un asassinio del personaggio vittima. Potrebbe essere l'esame del tratto o il modello dell'analisi di selezione. Potrebbero essere molte cose che non hanno nulla a che fare con la colpa e la vergogna e tutto ciò che ha a che fare con la comprensione o la creazione di nuovi paradigmi in cui vedere queste relazioni. Potrebbe essere sul dorso
fuori dalle teorie sviluppate negli anni '70 … sicuramente abbiamo imparato qualcosa di nuovo sulle dinamiche relazionali, patologia nelle relazioni, disturbi della personalità come partner intimi, violenza e dipendenza e la loro parte in queste relazioni … sicuramente possiamo AGGIORNARE una teoria senza il nostro assassinio o che della vittima?

In qualche modo, invidio le comunità scientifiche e di ricerca che guardano i dati e passano tutta la correttezza politica e politica emotiva di "etichettare" qualcosa che alcuni gruppi trovano offensivo. Testano e scricchiolano i numeri e li inseriscono in un diario senza tutto il rig-a-ma-roy. Ma nel nostro caso, dove siamo una tacca sotto i ricercatori, ciò che studiamo, come descriviamo ciò che abbiamo scoperto, è soggetto a così tanto scrutinio che molti clinici e scrittori esitano a pubblicare ciò che hanno trovato.

Così è stato con molte delle cose che l'Istituto ha studiato, trovato, riportato e scritto. In molte organizzazioni il primo libro "Come individuare un uomo pericoloso" è stato respinto per aver esaminato la modellistica del ruolo della famiglia, i modelli di selezione e altri aspetti che le donne stesse hanno affermato contribuendo alla loro relazione patologica. (D'altra parte, è stato salutato da molte agenzie di violenza domestica e utilizzato ampiamente nei rifugi, nei centri di cura e nelle prigioni delle donne).

Abbiamo intensificato il tutto nella "Women Who Love Psychopaths" in cui abbiamo usato strumenti di test per testare le caratteristiche delle donne per vedere se ci fossero schemi di temeramento nelle donne che finivano nelle relazioni più pericolose e disordinate. Ciò ha attirato l'attenzione enorme di alcuni gruppi come identificazione innovativa del tratto che era e tuttavia ancora; i gruppi di vittime l'hanno visto come un'etichettatura. Come possiamo aiutare le donne se non comprendiamo la loro stessa biologia?

Ironia della sorte, quello che abbiamo trovato è stato un super-tratti significativi così perfettamente e simmetricamente visti in 80 casi. Abbiamo ferito una vittima studiandola? Oppure abbiamo aiutato ora migliaia di donne che hanno letto i libri, sono state consigliate dai nostri terapisti qualificati, vengono ai nostri programmi di trattamento? Come saremmo arrivati ​​qui oggi senza osare guardare più in profondità … persino rischiare di guardarla! Non per incolparla, ma per capirla.

Alcune delle più grandi scoperte che stanno accadendo riguardano la biologia del nostro cervello e le conseguenze della nostra biologia sul nostro comportamento, sulle nostre scelte e sui nostri futuri. Sappiamo che la risonanza magnetica viene eseguita sul cervello di uno psicopatico, rivelando aree di cervello che funzionano in modo diverso. Un giorno, penso che possa attraversare e altri disturbi della personalità e malattie mentali croniche saranno anche risonanza magnetica, quindi comprendiamo come questi disturbi influenzano la biologia e il funzionamento del cervello.

Ma per quanto riguarda le vittime?

* Se mettiamo la parola "danneggiata" e usiamo invece la parola e guardiamo a come "diverse" regioni del cervello nelle vittime funzionano, oltre la funzione, sotto la funzione, sono influenzate da stress, PTSD, adrenalina, cortisolo e abuso della prima infanzia– potremmo arrivare a capire come il loro cervello potrebbe funzionare nei loro schemi di selezione in relazioni pericolose?
Potremmo arrivare a capire che anche i tratti del temperamento potrebbero dare propensione a come il cervello "sceglie" o come il cervello categorizza (o ignora) le bandiere rosse, il pericolo, o è altamente reattivo all'attrazione traumatizzata?

* Potremmo capire i cervelli che hanno livelli di tolleranza più elevati a causa di alcune aree del cervello che operano in modo diverso rispetto ad altre persone?
* Potremmo capire la memorizzazione traumatica della memoria e perché i bei ricordi di lui (anche se terribile come potrebbe essere) sono molto più forti dei ricordi di abuso?
* Se sappiamo quale parte del cervello distorce la memoria, possiamo lavorarci?
* Potremmo giungere a comprendere i temperamenti tratti come fattori di rischio o certe funzioni cerebrali come possibili vulnerabilità delle vittime?
* Allora sapremmo chi è a rischio?
* Comprenderemmo meglio, come TRATTARE la vittima nel counseling?
* Come sviluppare prevenzione e intervento?
* O come l'intensità dell'attaccamento potrebbe essere o un tratto di temperamento o una funzione cerebrale invece di una semplice "etichettatura della vittima".

Non sono interessato solo alla psicobiologia della vittima, ma a come la psico-biologia influisce sui modelli di selezione e sulle reazioni nella relazione più patologica. Quando iniziamo ad affrontare un dialogo aperto su questi sopravvissuti, guardando oltre le ridicole teorie che fanno domande è la colpa della vittima, allora forse possiamo davvero offrire alcune nuove teorie sulla vittimologia che, passando agli approcci dell'aiuto alla banda a complesse intese psico-bio-sociali. Questo è ciò che l'Istituto intende fare …

—————————-
Disclaimer di genere: i problemi su cui l'Istituto scrive sono problemi di salute mentale. Non sono questioni di genere. Sia le donne che i maschi hanno i tipi di disturbi del Cluster B a cui spesso facciamo riferimento nei nostri articoli. I nostri lettori sono circa il 90% di donne quindi scriviamo per quelli che sono più propensi a cercare i nostri materiali. Sosteniamo fortemente le vittime di sesso maschile e incoraggiamo gli altri che desiderano fornire supporto alle vittime di sesso maschile per comprendere le questioni che discutiamo solo da un perpetratore / vittima di sesso maschile. Cluster B Education è un problema di salute mentale applicabile a entrambi i sessi.
—————————

Solutions Collecting From Web of "Esame dei tratti o assassinio dei personaggi?"