Errori di pensiero nella depressione

Pixabay
Fonte: Pixabay

Gli errori di pensiero, chiamati anche distorsioni cognitive o distorsioni cognitive, sono schemi di pensiero irrazionali che possono entrambi causare depressione ed essere causati dalla depressione: più si sentono depressi, più si viene infastiditi da errori di pensiero e più vi infastidiscono, più ti senti depresso.

Per spezzare questo circolo vizioso, devi identificare i tuoi errori di pensiero e sfidarli con successo. Potresti aver bisogno di aiuto con questo, quindi magari chiedere ad un amico o parente fidato di leggere questo articolo e discuterne con te.

Sette errori di pensiero comuni nella depressione sono:

1. Inferenza arbitraria : conclusione in assenza di prove a sostegno. Per esempio,

Il mondo intero mi odia.

Domande per contestare l'inferenza arbitraria:

  • Perché lo dico?
  • Perché dovrebbe essere così?
  • Posso pensare a qualcosa che va contro questa affermazione?
  • Qualcun altro è nella stessa situazione?

2. Over generalizzazione : trarre conclusioni sulla base di prove molto limitate. Per esempio,

Mia sorella non è venuta a trovarmi. Il mondo intero mi odia.

Domande per contestare l'eccessiva generalizzazione:

  • Potrebbero esserci altri modi per spiegare le mie prove?
  • Le mie prove sono abbastanza forti da giustificare questa conclusione?
  • La mia conclusione è troppo ampia?
  • Posso pensare a qualcosa che va contro la mia conclusione?

3. Ingrandimento e minimizzazione : sovrastima o sottovalutazione dell'importanza o del significato di un evento. Per esempio,

Ora che il mio gatto è morto, non avrò mai nulla a cui guardare.

Domande per mettere in discussione l'ingrandimento e la minimizzazione:

  • È mai successo a me prima? Come ho fatto a farcela?
  • Come reagirebbero gli altri in una situazione simile?
  • Quali sono alcune delle altre cose buone nella mia vita?
  • Sto vedendo questo nella giusta prospettiva?

4. Astrazione selettiva : concentrandosi su un singolo evento negativo o condizione ad esclusione di altri, più positivi. Per esempio,

L'infermiera mi odia. Mi ha dato un'occhiataccia tre giorni fa. (Ma non importa che abbia passato un'ora con me stamattina.)

Domande per sfidare l'astrazione selettiva:

  • Perché dovrebbe essere così?
  • Sto guardando tutte le prove?
  • Ci sono altre cose positive su cui posso concentrarmi?
  • Cosa mi stanno dicendo gli altri?

5. Pensiero dicotomico : pensare "tutto o niente". Per esempio,

Se non viene a vedermi oggi, allora non mi ama.

Domande per sfidare il pensiero dicotomico:

  • Potrebbero esserci altri motivi? (Che altro avrebbe potuto trattenerlo?)
  • Significa questo?
  • È davvero tutto in bianco e nero? O potrebbero esserci sfumature di grigio?
  • Posso pensare a qualcosa che va contro la mia conclusione?

6. Personalizzazione : correlazione di eventi indipendenti a se stessi. Per esempio,

L'infermiera è andata in vacanza perché era stufo di me.

Domande per sfidare la personalizzazione:

  • Ci sono altre possibili spiegazioni?
  • La mia spiegazione è la spiegazione più probabile?
  • Che prove ho per questo?
  • Sto leggendo troppo nelle cose?

7. Pensiero catastrofico : esagerando le conseguenze di un evento o di una situazione. Per esempio,

Il dolore al ginocchio sta peggiorando. Quando sarò ridotto a una sedia a rotelle, non potrò andare al lavoro e pagare il mutuo. Così finirò per perdere la casa e morire per strada.

Domande per sfidare il pensiero catastrofico:

  • Le cose vanno male come potrebbero essere?
  • Qual è il risultato più probabile?
  • Quale azione posso intraprendere per prevenire questo risultato?
  • Potrebbe venire qualcosa di buono da questa situazione?

Realismo depressivo

Mentre è vero che le persone a basso umore possono soffrire di gravi errori di pensiero, la letteratura scientifica suggerisce che coloro che hanno solo una depressione lieve o moderata possono anche avere un giudizio più preciso sull'esito dei cosiddetti eventi contingenti (eventi che possono o potrebbe non verificarsi) e una percezione più realistica del loro ruolo, abilità e limiti.

Questo cosiddetto "realismo depressivo" può consentire alle persone che hanno un umore basso di liberarsi dell'ottimismo polisano e degli occhiali rosa che ci proteggono dalla realtà, di vedere la vita in modo più accurato e di giudicarla di conseguenza.

Se è così, il concetto di depressione può, almeno in alcuni casi, essere capovolto e ridefinito positivamente come qualcosa come "il sano sospetto che la vita moderna non abbia significato e che la società moderna sia assurda e alienante".

Per molti esperti di salute, questo è il tipo di irreligione che richiede l'anatema. Eppure la domanda sul significato della vita è la cosa più importante che una persona può chiedere, e la consapevolezza che la vita potrebbe o dovrebbe essere vissuta in modo diverso, e le difficili sfide che questo pone, sono destinate a provocare una reazione depressiva, un rigido inverno che si apre su una bella primavera.

Come sempre, dobbiamo stare attenti a non confondere la nostra natura umana con l'inadeguatezza, oi teneri germogli di saggezza con disturbi mentali.

Neel Burton
Fonte: Neel Burton

Neel Burton è autore di Growing from Depression , The Meaning of Madness , Heaven and Hell: The Psychology of the Emotions , Hide and Seek: The Psychology of Self-Deception e altri libri.

Trova Neel su Twitter e Facebook.

Solutions Collecting From Web of "Errori di pensiero nella depressione"