Epigenetica e memoria

Mitchell Gaynor
Fonte: Mitchell Gaynor

Ogni cellula del corpo umano è sotto il comando del DNA – il progetto che determina se sarai un uomo retto o un mancino, basso o alto e molte altre cose. E mentre il nostro corredo genetico è fissato, i nostri epigeni possono essere influenzati per attivare o disattivare certi segmenti del DNA, in sostanza cambiando il modo in cui il "codice" viene letto.

Quando si tratta del cervello, il glucosio è una sostanza metabolica importante che è necessaria e utilizzata esclusivamente per svolgere varie funzioni neurali e segnali. Il cervello ha 100 miliardi di neuroni, un quadrilione di connessioni neurali sono fatte nel cervello adulto e quasi tre quarti del glucosio del corpo viene usato dal cervello. Il cervello è un organo metabolicamente attivo o cosa?

Tuttavia, il lato negativo di richiedere così tanta energia per eseguire tutte le sue funzioni è che il cervello è uno degli organi più vulnerabili del corpo quando si tratta della nostra dieta. I sintomi come confusione, irritabilità e dimenticanza si mascherano come sfumature accettabili dell'invecchiamento. Ma, in realtà, questi sintomi sono segni rivelatori di un problema di fondo più grande – un'incongruenza tra l'offerta di energia del cervello e la domanda di energia.

In cosa si traduce, epigeneticamente parlando? Sappiamo che la dieta può influire sull'espressione genica. E gli studi dimostrano che la dieta può farlo in modo transgenerazionale, il che significa che le diete dei tuoi genitori (e anche dei nonni) possono influenzare il tuo trucco epigenomico determinando quali geni vengono spenti o accesi. 1

Vari fattori determinano l'invecchiamento cognitivo e perché alcune persone sviluppano malattie neurodegenerative. Cibo, prodotti chimici e persino lo stress possono modificare i nostri epigeni. Quindi, identificando fattori esterni come i micronutrienti che influenzano gli epigeni per prevenire il declino cognitivo, sarà più facile contrastare la perdita di memoria.

Gruppi chimici come i gruppi metilico e acetilico sono responsabili rispettivamente di spegnere o accendere segmenti genici. Di nuovo, il DNA avvolge le proteine ​​istoniche e questi gruppi chimici, a loro volta, si legano all'istone e modificano il DNA. Quando si tratta di deficit di memoria, c'è un enzima chiamato HDAC2 che ha dimostrato di avere un impatto negativo sull'espressione dei geni coinvolti nella cognizione. È stato dimostrato che l'HDAC2 rimuove i gruppi acetilici, che, in pratica, trasformano i geni vicini "fuori". Uno studio pubblicato su Nature riporta che il blocco di HDAC2 determina una funzione cognitiva ricostruttiva nei topi.

Nello specifico, i ricercatori del Massachusetts Institute of Technology hanno studiato topi mutanti con placche di beta-amiloide (depositi proteici caratteristici della malattia di Alzheimer) e una significativa perdita di neuroni (cellule cerebrali) e sinapsi (spazi tra i neuroni). Tuttavia, una volta che i topi ricevettero un farmaco per bloccare tutti gli HDAC, iniziarono a produrre più sinapsi e dimostrarono miglioramenti nella memoria.

Com'è possibile? Bene, i ricercatori sono stati in grado di identificare che i livelli di HDAC2 sono elevati nell'ippocampo (associato alla memoria e all'apprendimento) e ai lobi temporali; l'enzima si lega specificamente ai geni della memoria in questa regione del cervello e indebolisce l'espressione di questi geni. Anche se sappiamo cosa fa l'HDAC2, come esce fuori controllo? I ricercatori sono stati in grado di accertare che sia le proteine ​​beta-amiloide che lo stress ossidativo determinano la sovraespressione di HDAC2. Mentre i ricercatori hanno utilizzato un farmaco specifico che è mirato all'obiettivo di HDAC2, l'utilizzo di alimenti ecogeneticamente intelligenti, ovvero alimenti che combattono lo stress ossidativo e aiutano a rafforzare le funzioni cognitive, aiuterà a prevenire e invertire i problemi di memoria.

Sostenere la memoria con sostanze nutritive

Gli anziani sono sulla buona strada per diventare il segmento più grande della nostra società. Un crescente invecchiamento della popolazione significa che ci sarà un aumento proporzionale delle malattie legate all'età, come problemi di salute cardiovascolare e diabete. Che cosa ha a che fare con la perdita di memoria? Bene, una cattiva circolazione del sangue nelle malattie cardiovascolari significa che c'è un problema nell'ottenere abbastanza sangue al cervello, in generale, il che significa che il cervello non è in grado di ottenere la massima quantità di energia. E il diabete significa che c'è un problema nell'ottenere la principale fonte di energia del cervello – il glucosio – nelle cellule cerebrali. Gli studi hanno dimostrato che le carenze nutrizionali sono legate al declino cognitivo. Mangiare cibi che contengono questi micronutrienti, oltre a prendere integratori, aiuterà a reintegrare i bassi livelli di vitamine, minerali e altri nutrienti necessari.

Una serie di studi randomizzati, in doppio cieco, controllati con placebo hanno rilevato che le erbe e i nutrienti svolgono un ruolo benefico nel migliorare l'umore e la memoria. Uno degli integratori utilizzati nella serie di prove era un estratto vegetale contenente flavonoidi chiamato Estratto di Enzogenol® Pinus Radiatabark. E 'stato somministrato a una piccola piscina di uomini adulti più anziani con o senza vitamina C. Sono stati dimostrati maggiori miglioramenti nella cognizione nel gruppo supplementato con vitamina C.

Il tuo cervello risponde ai nutrienti bioattivi. Grassi omega 3 come pesci e oli di acqua fredda sono stati evidenziati negli studi per ridurre il rischio di malattia di Alzheimer. Le diete ricche di grassi saturi sono associate a perdita di memoria, mentre le diete ricche di acidi grassi omega-3 (ad es. Salmone selvatico, trota) riducono questo rischio. Abbiamo tutti sentito che il declino cognitivo legato all'età e la fatica sono parti inevitabili dell'invecchiamento. E questo è vero se programmi i tuoi geni per creare questo. Tuttavia, c'è un'abbondanza di cibo ecogenetico che previene e tratta la perdita di memoria. Una dieta mediterranea è ricca di olio d'oliva, pesce, frutta, verdura e noci, tutti fattori che riducono significativamente la demenza senile. Nella rivista Neurology , i ricercatori hanno scoperto che gli adulti più anziani che consumavano una dieta ricca di vitamine B, C, D, E e acidi grassi omega-3 hanno ottenuto risultati migliori nei test cognitivi e avevano meno contrazione del cervello (un segno ottenuto attraverso l'imaging radiologico associato con il morbo di Alzheimer). I ricercatori di questo studio hanno misurato 30 biomarcatori di sostanze nutritive, e hanno scoperto che le vitamine e gli acidi grassi omega-3 erano più coerentemente legati alla salute del cervello.

Burro e carne rossa sono alcuni degli alimenti che contribuiscono alle malattie cardiache e all'obesità perché sono ricchi di grassi saturi. E uno studio riporta che una dieta ricca di grassi saturi contribuisce al cattivo funzionamento cognitivo. Invece, optare per i grassi insaturi che sono più sani per voi come gli avocado. Gli avocado hanno un alto contenuto di grassi monoinsaturi, che fa bene a te e non intasa le arterie. Basta non farlo perché sono un alimento ipercalorico. Considera di aggiungere un quarto di fetta di avocado al tuo pasto due volte a settimana. Gli avocado riducono anche la pressione sanguigna, che è un altro vantaggio perché l'ipertensione aumenta il rischio di deficit cognitivi.

Nel mio prossimo libro, The Gene Therapy Plan , che esce il 21 aprile attraverso Viking, fornisco ancora più consigli sugli alimenti ecogenetici che possono aiutarvi non solo ad aumentare la potenza cerebrale, ma anche a scongiurare malattie cardiache, diabete, cancro, obesità, precoce invecchiamento, e altro ancora.

Solutions Collecting From Web of "Epigenetica e memoria"