Entrata non autorizzata?

Devi rispettare l'etica del lavoro di un cane da guardia che non è mai fuori servizio. Il problema è, come si fa a scollegare un guardiano della sicurezza nazionale così dedicato quando si desidera un piccolo fermo?

O anche un po 'di pace e tranquillità durante il giorno perché il potenziale cane vizioso con la reazione di innesco dei capelli di cui sto parlando non è solo mio, ma è anche apparentemente isolato da tali eventi innocui come brezze gentili e passeri passanti . E stiamo parlando di ringhio profondo e abbaiare forte per tratti lunghi fino a 20 minuti alla volta. Ti dà sui nervi, specialmente quando la maggior parte dei tuoi giorni di lavoro sono trascorsi a casa, come i miei.

Quindi, fino a dove sono disposto ad andare per un po 'di pace e tranquillità? Bene, ti dirò un piccolo segreto sporco.

Shh, non dire:

Sto addestrando il cane dei miei vicini – di nascosto.

Certo, ci sono dei rischi. Come se non conoscessi davvero i miei vicini, ma ho l'impressione che siano un po 'stretti con Fido e non sarebbero affatto così aperti alla mia violazione del diritto alla libertà di parola.

Inoltre, ci sono sfide. Fido sembra che potrebbe strapparmi il braccio. E quando i suoi denti sono scoperti, che è spesso, sembra che lo voglia. Fortunatamente per me, c'è una robusta recinzione a catena che separa le mie preziose membra dalle labbra di Fido.

Ma come si allena il contenimento comportamentale in tali condizioni? In realtà, addestratori di animali professionisti lo fanno da decenni.

Lo scenario in cui Fido ed io ci siamo trovati qualche settimana fa è quello che i formatori chiamano uno dei "contatti protetti", una situazione in cui il formatore e il tirocinante non devono occupare lo stesso recinto ambientale allo stesso tempo. Gli addestratori di delfini lavorano abitualmente in tali condizioni, incontrando i loro compagni di addestramento degli animali non nell'acqua, ma al suo interno

superficie scintillante. Sia per gli animali che per gli allenatori, la linea di galleggiamento serve – psicologicamente e fisicamente – come barriera protettiva, in cui il contatto è possibile, ma su base limitata.

All'inizio delle nostre sessioni di allenamento, Fido sembrava riconoscente per la protezione del recinto di collegamento a catena tra di noi. So che lo ero.

Riconoscendo l'abbaiare di Fido come reazione di paura per tutto ciò che non era intimamente familiare a lui, mi resi conto che le nostre interazioni iniziali erano probabilmente molto scomode per Fido. Il mio cuore si è rivolto a lui. Volevo, alla fine, diventare amici, ma sapevo che le mie buone intenzioni sarebbero state necessariamente ignorate da Fido per qualche tempo. In effetti, la natura della nostra relazione, per quanto incerta, stava per prendere una svolta drammatica in peggio.

Il nostro rapporto di lavoro è iniziato abbastanza semplicemente. Quando sentii Fido che abbaiava, uscii nel cortile e attraverso il boschetto che circondava il recinto, così sarei stato in bella vista.

Fido, ovviamente, è diventato balistico, portando la sua dimostrazione di aggressività a nuovi livelli. La sua corteccia risonante divenne un urlo lamentoso. La sua postura eretta si allungò mentre allungava il collo nella mia direzione, con la testa bassa, pronto a difendere ma ugualmente pronto ad attaccare. Le sue orecchie appuntite si appiattirono contro la sua testa e lui scoprì i denti minacciosamente.

Il mio compito era quello di annotare ciascuna componente comportamentale separata nella visualizzazione complessiva delle minacce e rispondere a ciascuna con una graduale riduzione della mia presenza fisica. Ringhiò Fido, ho rinunciato. Fido ha allungato il collo, ho chiamato per salutare. Fido appiattì le orecchie, fischiai. Fido abbaiò, mi avvicinai a lui.

Ho mantenuto il mio tono leggero e il mio modo di essere amichevole. Ma in quei momenti, la mia presenza e i miei comportamenti stavano negativamente rinforzando – o punendo – l'aggressività del cane, spingendolo ad abbandonare la sua minaccia.

All'inizio, Fido era piuttosto dedicato a dimostrare la sua ferocia. Le nostre sessioni iniziali erano a volte lunghe 20 o 30 minuti. Ma tali schermi consumano molta energia, quindi sapevo che Fido si sarebbe stancato alla fine. Quando lo fece, il suo abbaiare si placò. In risposta, mi sono ritirato dietro le siepi dalla linea di recinzione. Questo in genere ha costretto Fido a rinnovare il suo abbaiare. Che ha spinto il mio ritorno immediato fino a quando l'abbaiare si è fermato di nuovo. E così il ballo è andato, più volte al giorno all'inizio.

A breve termine, ciò che Fido alla fine ha imparato è che il modo più veloce per ottenere ciò che voleva, la mia rimozione fisica, era smettere di abbaiare non appena mi vedeva.

Mentre la sua minaccia appariva sempre più breve, sentiva contemporaneamente la mia voce che lo rassicurava sul fatto che tutto andava bene, che stava bene e che alla fine diventammo amici. Non sto dicendo che Fido abbia capito le mie parole, solo che stava imparando a riconoscere la mia voce e ad associarla alla desiderabilità di non abbaiare.

Non molto tempo fa, Fido ha deciso di testare la sua gamma vocale alle tre e trenta del mattino. Non avevo proprio voglia di raggomitolarmi e di trascinarmi nel cortile, così ho preso una scommessa sull'apprendimento associativo di Fido e ho spaccato la finestra della camera da letto. "Va tutto bene, cucciolo," lo chiamai. "È tutto ok. Hai ragione. Torna a dormire. "L'abbaiare si fermò.

La linea di recinzione tra noi potrebbe non andare da nessuna parte, ma la necessità di un contatto protetto tra me e Fido sembra svanire rapidamente. Ho anche alzato lo sguardo alcune volte di recente per trovare Fido seduto in silenzio al recinto, guardando verso di me con uno sguardo silenzioso e contemplativo. Potrebbe essere il momento di rompere le prelibatezze dei cagnolini. Penso che potremmo diventare vicini di casa.

Copyright © Seth Slater, 2013

Solutions Collecting From Web of "Entrata non autorizzata?"