Entrare nella Iron Mom Zone

Qualche settimana fa, ero quasi schiacciato da un caso di mal di gola. Tutto il mio corpo faceva male. Mi sembrava che la mia testa fosse in una morsa. Non era carino I bambini sapevano che la mamma non aveva ragione. Eppure, hanno pianto per me cantare con loro nella vasca da bagno, leggere le storie della buonanotte nel mio solito stile drammatico e comportarmi come se fossi normale.

Questo, ho pensato, è esattamente come ci si sente a "colpire il muro".

Sapevo dall'esperienza diretta del muro metaforico a causa delle sei maratone che ho corso nel corso degli anni. È quella sensazione temuta che non puoi fare un altro passo. Quel pomeriggio, mi sentivo come se avessi colpito il miglio 23. Tutto quello che volevo fare era strisciare nel letto e aspettare fino a quando mio marito è tornato a casa.

Ma il clamore per la mia attenzione non si placò e non potei costringermi a chiudermi nella mia camera da letto. Dopo alcuni profondi respiri, sollevai la testa dal tavolo della sala da pranzo e mi parlai attraverso di essa. Immaginai cosa avrei fatto non appena il mio sollievo entrò dalla porta e si sporse, febbre, brividi e tutto il resto.

Non sono un grande atleta. Ma sono stato cresciuto da genitori che pensavano che lo sport fosse importante. Ho borbottato su softball e pratica del nuoto a quei tempi. Eppure, quasi trent'anni dopo, mi trovo costantemente a mettere le sfide che affronto come madre nel contesto dell'atletica. Le lezioni che ho imparato su follow-through, disciplina, lavoro di squadra e determinazione sono tutte applicabili, specialmente quando mi sento esausto, sconfitto e frustrato. Anche le tecniche mentali per la definizione degli obiettivi, il recupero e le prestazioni sembrano particolarmente rilevanti.

Gli psicologi dello sport aiutano gli atleti a raggiungere il loro potenziale insegnando loro come sfruttare la loro grinta mentale. I migliori concorrenti seguono un regime disciplinato per costruire forza e velocità e affidarsi a un team di allenatori e nutrizionisti per mantenerli al massimo. Tuttavia, spesso nella maternità, assumiamo che le nostre responsabilità siano accompagnate da costante sacrificio di sé. Andiamo da soli, non chiedere aiuto e mettere da parte i nostri bisogni. Invece di elevare le esigenze fisiche, mentali ed emotive dei nostri doveri di cura, siamo sprezzanti su ciò che serve per portare a termine il lavoro. Ci sfidiamo, promettendo a noi stessi che domani dormiremo di più, prendiamo tempo per meditare o allungare, o ci riempiremo di snack energetici (mentre prepariamo il pranzo per tutti gli altri).

L'ex triatleta professionista Susanne Achtenhagen conosce bene questo conflitto.

"Rido di persone che sono oooooh e aaaaah rispetto a Ironman o alle gare di avventura o qualsiasi altra cosa che ho fatto fisicamente perché i genitori sono i più difficili di tutti", dice la madre di Boulder.

"Con Ironman c'è un traguardo. Ci sono persone lungo tutto il corso che tifano per te, ti danno da mangiare, ti danno acqua. Se fa buio, ti danno dei bagliori e se arriva troppo tardi o ti senti troppo stanco, ti prendono in un furgone … non tanto nei genitori, "dice.

Perché deve essere così? Cosa succederebbe se le madri e le badanti, in generale, considerassero i loro ruoli e le loro responsabilità come un'impresa atletica – rispettando la distanza percorsa nel corso della giornata nello stesso modo in cui un atleta onora l'allenamento e l'auto-cura che viene fornito con prestazioni di successo?

Nel mio blog Psychology Today, esplorerò come gli strumenti del mondo della concorrenza possono funzionare per i genitori. Condividerò consigli e suggerimenti da ricercatori di psicologia sportiva, atleti d'élite e loro allenatori per aiutarti a mantenere te (e me) nella migliore forma mentale e fisica, dalla visualizzazione alle tecniche di respirazione, al riposo, alla nutrizione.

Grazie al titolo IX, che segnerà il suo quarantesimo compleanno nel 2012, sono uno di una generazione di donne che praticava sport mentre crescevano. Sappiamo cosa vuol dire fare affidamento su una squadra, ridurre la concentrazione prima di una nuotata, caricarla prima di una gara di cross-country. Ci sono innumerevoli mamme atleti che stanno applicando ciò che hanno imparato sul campo di gioco durante quegli anni formativi a come si avvicinano alla genitorialità. E condividerò le loro storie con te. Mamme come la trentasettenne Lucienne Pappon, una pattinatrice competitiva in gioventù che ha continuato a remare per la squadra 1 dell'UNC-Chapel Hill, dice che gestire la maternità come un atleta è istintivo.

"Per me, la mentalità dell'atleta mi consente di tirare ancora un po 'i pugni. Come in allenamento, alcuni giorni hai una brutta giornata e qualche giorno sorprendi anche te stesso. La verità è che non puoi controllare tutto, quindi la chiave è mostrarsi e fare del tuo meglio ", dice Pappon, che è incinta del suo secondo figlio e ha anche giocato a hockey per i Lady Kings di Los Angeles.

La maggior parte dei giorni, fare del tuo meglio è ciò che significa essere una mamma. È un impegno 24 ore su 24, 7 giorni su 7, che continuiamo a parlare se siamo svantaggiati o malati, se lavoriamo fino a tardi o siamo stanchi di qualsiasi altra cosa nella nostra vita frenetica. Andare lontano non è facile. Ma per me è stato il viaggio più gratificante che abbia mai vissuto. So che non potrò mai andare in bici come Lance Armstrong, nuotare come Dara Torres o sprint come Usain Bolt. Eppure, come madre, corro la mia maratona ogni giorno e cerco campioni per qualche ispirazione e consigli utili per mantenere la testa nel gioco.

Solutions Collecting From Web of "Entrare nella Iron Mom Zone"