Empowerment in the Face of Despair

aleksander1/123rf.com
Fonte: aleksander1 / 123rf.com

"So cosa dovrei fare per sentirmi meglio. Tutti continuano a dirmi la stessa cosa. Dovrei esercitare. Dovrei dormire di più Dovrei mangiare bene Dovrei prendere la medicina. Lo so, lo so, lo so. Ma qualcosa dentro la mia testa continua a dirmi di farcela. Posso stare meglio Non voglio prendere la medicina mentre sto allattando. Non posso continuare a sentirmi così male, quindi aspetterò. Ma poi comincio a sentirmi disperata, come se non mi sentissi mai meglio … Non funziona. Niente di ciò che sto facendo è di aiuto. Non importa se mi alleno o no, tutto è buio e pesante intorno a me. Dentro e fuori. Niente sembra uguale. Vorrei che qualcuno mi dicesse solo cosa fare. O fallo per me. La mia testa continua a girare con tutte le ragioni per cui non dovrei prendere la medicina. So che sto andando a modo mio, come il mio terapeuta continua a dirmi. Lo so. Ma non posso farci niente. "

Le donne con depressione postpartum sanno fin troppo bene come i sintomi della depressione interferiscono con la ricerca di aiuto e i comportamenti orientati alla soluzione. Terapisti, medici, partner, amici e familiari possono dire loro ancora e ancora e ancora, come dovrebbero prendersi cura di se stessi, ma molte donne si ritrovano a girare intorno al vortice di pensieri distorti e percezioni errate. L'ambivalenza guidata dall'ansia diventa un nemico feroce, e se …? Perché non posso solo …? Come posso…? Forse potrei solo …

La depressione e l'ansia postpartum non discriminano. I sintomi impediscono il funzionamento di mamme casalinghe devote e avvocati educati ad Harvard. I pensieri intrusivi possono perforare il piano più perfetto. Quando ciò accade, il pensiero razionale sembra evaporare. Qualsiasi risultato precedente o trionfo personale passa in secondo piano rispetto all'ansia divorante e interminabile. Presto, è tutto ciò che si sente. Le donne lo descrivono proclamando "questo non sono io" o "semplicemente non mi sento come me" o "di solito sono così accomodante, non so chi sono adesso".

Mentre pensieri e sentimenti si alternano tra la disperazione e l'ossessività del fuoco rapido, le donne con PPD iniziano a perdere la concentrazione, insieme alla capacità di sostenere con successo se stessi.

Se il tuo bambino fosse malato adesso, sapresti cosa fare per ottenere aiuto? La risposta è di solito sì.

Se tuo marito avesse bisogno di arrivare al pronto soccorso proprio ora, mentre ti senti così male, sapresti cosa fare? La risposta è di solito sì.

Ma le donne hanno difficoltà a combattere per se stesse quando sono trincerate in questa battaglia delle loro vite. La loro energia, motivazione, ispirazione e gioia di vivere sono state eclissate dalla crudele paralisi imposta a loro. Hanno anche difficoltà a rispondere in modo appropriato alla guida amorevole di coloro che li circondano. Semplicemente non riescono a vedere attraverso la vergogna, la colpa, l'incredibile incredulità che sentono così inefficaci nella propria vita. E così si siedono, oscillando avanti e indietro tra i loro pensieri opposti.

Perciò…

Se i sintomi sono abbastanza gravi, se la mancanza di speranza inizia a funzionare, il funzionamento è gravemente compromesso e la chiarezza è svanita – gli altri devono prendere alcune decisioni per lei. Quando raggiunge il punto in cui è in gioco il suo benessere, diventiamo meno preoccupati di ferire i suoi sentimenti o di dire cose per proteggerla. A questo punto della crisi personale, non rimandiamo più la sua tristezza o il suo desiderio di fare questo "a modo suo". Se farlo a modo suo significa rimandare il trattamento o prolungare la sofferenza, non va bene. Questo è il momento in cui diventa necessario intervenire a suo nome, dirle esattamente che cosa deve fare e come la aiuteremo a farlo.

Questa posizione dominante non è sempre comoda per i terapeuti che stanno lavorando duramente per potenziare i loro clienti. Ma ricorda: il nostro obiettivo è portarla a ridurre i sintomi, prima che qualsiasi altro lavoro possa essere fatto. Uno dei modi in cui lo facciamo è dimostrare un senso di competenza, sicurezza e compostezza. Dopotutto, è la nostra compostezza, il nostro autocontrollo, la nostra fiducia nel processo, a trasmettere le nostre aspettative su un risultato positivo . E questo, in effetti, è potere per lei.

E così, diciamo:

1. Non ti sentirai sempre così.

2. Devi prenderti cura di te stesso e devi seguire, se ne hai voglia o no.

3. Se il farmaco fa parte del piano di trattamento, è necessario assumere il farmaco, indipendentemente dal fatto che si stia allattando o meno. Discutete delle preoccupazioni che avete con il vostro medico e poi decidete se continuerete l'allattamento al seno o se lo svezzerete. Ad ogni modo, prendi la tua medicina se è stata prescritta per te.

4. Non lasciare che il rumore nella tua testa ti impedisca di fare ciò che devi fare. Può sembrare che tu non abbia energia, ma tu sì. Può sembrare come se non avessi alcun potere, ma tu sì. Può sembrare che nessuno sappia quanto sei male, ma alcuni lo fanno.

5. Scegli una persona di cui ti fidi e ascoltala. Non mettere in discussione la veridicità delle loro parole. Permetti a te stesso di credere che questa persona possa aiutarti a guidarti attraverso l'oscurità e poi a smettere di combattere contro di loro.

6. Hai bisogno di continuare ad avanzare attraverso questo, anche se non ne hai voglia. Alzati quando non hai voglia di alzarti dal letto. Esci anche se il sole è troppo luminoso per i tuoi occhi stanchi. Mangia anche se potresti non avere fame. Riposa anche quando non sei stanco. Cerca di spegnere le chiacchiere nel tuo cervello. Distraiti. Conta all'indietro da 300. Fai una passeggiata. Chiama un amico. Evitare la caffeina. Evitare l'alcol. Evita le persone e le cose che ti fanno stare male. Vieni alla terapia. Parla con il tuo partner.

7. La tua depressione non è tua amica. È una malattia che ti confonde e distorce il tuo pensiero. Non dimenticarlo. Sfida la malattia, non quelli che sono lì per aiutarti. Prendi le tue pillole, non importa come ti senti a doverle prendere. Ricorda che la tua lotta è contro la malattia, non contro te stesso o contro coloro che ti sostengono.

8. Credi che ti sentirai di nuovo meglio.

 

copyright 2012 Karen Kleiman, MSW, LCSW postpartumstress.com

Solutions Collecting From Web of "Empowerment in the Face of Despair"