Empatia, Compassione, Responsabilità in Altruismo ed Eroismo

Ervin Staub

L'empatia e la stretta simpatia relativa sono state a lungo proposte e sono state trovate nella ricerca correlata e motivante per aiutare gli altri. Comprendere come un altro si sente, l'empatia cognitiva e sperimentare (indirettamente) i sentimenti di un'altra persona o l'empatia emotiva, sono stati l'obiettivo principale della teoria e della ricerca come motivatori dell'aiuto e dell'altruismo. Sentimenti di empatia e simpatia, che Nancy Eisenberg definiva come "provare dolore o preoccupazione per un altro afflitto o bisognoso", significa che a una persona importa un altro. Il disagio personale, che sembra simile all'empatia, è in contrasto con l'auto-concentrazione. Viene colpito e angosciato dal disagio degli altri. È associato ad aiutare se questo è l'unico modo in cui una persona può ridurre la propria sofferenza, ma non se questa persona può sfuggire alla presenza di un altro in difficoltà. Un termine relativamente recente introdotto nel discorso scientifico e nella ricerca è la compassione, che Emma Seppala definisce "la risposta emotiva quando percepisce la sofferenza e comporta un autentico desiderio di aiutare".

Mentre tutte queste emozioni premurose sono importanti, e inseriscono la motivazione per aiutare gli altri bisognosi, il motivatore più forte sembra essere l'esperienza della responsabilità per il benessere degli altri. Questo può essere indotto dalle circostanze, o da chi è una persona, o dalla loro combinazione. L'empatia, la compassione e la compassione possono contribuire a, possono essere i mattoni da costruzione, sentirsi responsabili.

Latane e Darley, nella loro serie di studi che hanno identificato quello che è stato definito l'effetto di astanti, che poiché il numero di persone che assistono a un'emergenza aumenta la probabilità che qualsiasi persona agisca diminuisce, suggerisce la diffusione della responsabilità come una delle varie ragioni per questo effetto. Più persone sono presenti, ogni persona si sente meno responsabile di aiutare. Latane e Darley sembrano avere ragione riguardo al ruolo della responsabilità, tranne per il fatto che considerano le circostanze da sole a influenzare sentimenti o credenze nella propria responsabilità. Ma le credenze e i valori personali possono concentrare la responsabilità su una persona e fare sia aiutare che resistere al danno probabile.

Riguardo all'influenza delle circostanze, quando una persona è sola a testimoniare il bisogno e l'angoscia di qualcuno, la situazione concentra la responsabilità su questa persona. Quando una persona viene nominata leader di un gruppo e in seguito c'è un'emergenza, questa persona, presumibilmente sentendosi più responsabile, è la più probabile che agisca.

In uno studio con bambini piccoli che ho condotto, lo sperimentatore ha detto a ogni bambino in una condizione, prima di lasciare la stanza, che "se succede qualcosa, sei in carica". I bambini della scuola materna a cui fu detto questo non aiutarono di più, quando mentre lavoravano a un disegno sentirono uno schianto e suoni di angoscia provenienti da una stanza adiacente, rispetto a quelli a cui non fu detto nulla. Ma i primi alunni a cui è stato detto di essere al comando hanno aiutato di più. Tuttavia, i bambini dell'asilo erano affetti dal fatto che un certo numero di loro, presumibilmente sentendosi responsabili ma non sentendosi competenti o pronti ad agire, bloccavano le loro orecchie quando sentivano i suoni di soccorso. I bambini a cui non è stato detto che sono responsabili non lo hanno fatto.

Per quanto riguarda il ruolo della responsabilità come caratteristica personale, in una serie di studi, usando varie misure, più persone hanno precedentemente indicato di credere nella propria responsabilità più hanno aiutato un'altra persona. Schwartz e Clausen (197) hanno riscontrato che quando una persona manifestava un evidente attacco epilettico, i partecipanti al loro studio con punteggi più alti su una misura di responsabilità personale hanno aiutato di più. La differenza tra coloro che hanno ottenuto punteggi alti o bassi su questa misura è stata maggiore quando si è verificato un aumento del numero di spettatori presenti. I punteggi alti, in particolare le donne, erano relativamente insensibili al numero di testimoni.

Io e i miei studenti abbiamo condotto una serie di studi per valutare la relazione tra ciò che definisco un orientamento al valore prosociale (PVO) e l'aiuto. Per prima cosa abbiamo usato una combinazione di misure, poi ho sviluppato una singola misura per valutare questo orientamento personale o valore. Le sue componenti sono una visione positiva e negativa della natura umana e degli esseri umani, la preoccupazione per il benessere degli altri e un sentimento e fiducia nella propria responsabilità personale di aiutare gli altri.

In uno studio, i partecipanti di sesso maschile hanno sentito i suoni di pericolo provenienti da un'altra stanza, che in seguito hanno appreso che erano collegati a un disturbo allo stomaco. Più forte è il loro orientamento al valore pro-sociale, più hanno aiutato, in diversi modi. In altri studi le donne con PVO più forti hanno risposto in modo più utile a donne in difficoltà, qualcuno la cui fidanzata ha appena interrotto la loro relazione, rifiutandosi di spiegare il perché. Un alto punteggio PVO era anche associato a un patriottismo più costruttivo. I patrioti costruttivi credono che sia loro la responsabilità di agire quando il loro paese si discosta dai valori umani universali, che di solito coinvolgono il benessere umano, e dai valori fondamentali del paese.

Ho usato un questionario che la rivista Psychology Today mi ha chiesto di sviluppare e poi pubblicare, con 7000 e più lettori, per valutare sia il PVO che l'aiuto auto-segnalato di vari generi. Ho tentato di verificare la veridicità delle relazioni personali sull'aiutare in modi non invadenti, ad esempio chiedendo alle persone di descrivere la data e la natura dell'aiuto recente che hanno fornito ad altre persone. Il PVO era fortemente correlato a varie forme di aiuto e alla combinazione o media di diversi tipi di aiuto. In un ampio studio, i ricercatori che studiavano i soccorritori durante l'Olocausto, i cristiani che si sono messi in pericolo per salvare la vita degli ebrei, hanno scoperto che qualcosa di simile al PVO, che chiamavano anche orientamento prosociale, era associato ed era un motivatore apparentemente forte nell'aiutare molti soccorritori .

In un altro studio, Kohlberg e Candee hanno valutato il giudizio morale dei partecipanti in uno degli studi di Stanley Milgram sull '"obbedienza all'autorità". Hanno scoperto che tra i partecipanti il ​​ruolo di insegnanti era quello di somministrare livelli crescenti di shock ogni volta che uno studente commetteva un errore compito, quelli il cui giudizio morale si è concentrato sulla responsabilità verso altre persone erano altamente suscettibili di rifiutare a un certo punto di somministrare più shock.

Credenze e sentimenti di responsabilità possono essere potenti nel guidare le persone a rispondere alle necessità altrui o rifiutare di danneggiare le persone. Possono portare ad aiutare anche quando le circostanze non focalizzano la responsabilità su una persona. Tale orientamento personale può essere promosso in vari modi. Uno di questi sono le pratiche di genitori e insegnanti, come il calore e l'affetto, combinati con valori che sottolineano l'aiuto agli altri. Indicare ai bambini le conseguenze del loro comportamento sugli altri, gli effetti positivi delle azioni positive e gli effetti negativi sul benessere degli altri di azioni negative, è suscettibile di generare sia empatia che sentimenti di responsabilità. Dare ai bambini le responsabilità di aiutare gli altri a condurre l'apprendimento facendo. Una componente probabile di questo apprendimento è la responsabilità per il benessere degli altri.

Uno studio recente non ancora pubblicato di Shari McNamee e Faith Weselik ha paragonato i bambini allevati dai genitori che hanno riferito Carnegie Heroes, persone che hanno ricevuto una medaglia dalla Carnegie Foundation per aver salvato la vita di qualcuno mentre rischiavano la propria, con allevatori che un gruppo di selezionati a caso persone segnalate L'unica differenza era che Carnegie Heroes riportava più che i loro genitori si aspettavano che aiutassero altre persone. Tale aspettativa presumibilmente concentra la responsabilità sui bambini per aiutare. I genitori, gli insegnanti, le persone che guidano i bambini, saranno idealmente interessati non solo ai bambini che sviluppano empatia e valori di cura, ma anche un sentimento di responsabilità per il benessere degli altri. Attraverso il loro esempio e guidando i bambini ad aiutare gli altri oltre il proprio gruppo, possono espandere questo sentimento di responsabilità verso tutti.

Solutions Collecting From Web of "Empatia, Compassione, Responsabilità in Altruismo ed Eroismo"