Emozioni e depressione

Astratto. Questa nota propone un trattamento non farmacologico per la depressione in termini di emozioni nascoste. Sembra che la maggior parte della depressione comporti l'intorpidimento delle emozioni, specialmente il dolore, la paura, la rabbia e la vergogna. La depressione si verifica quando queste emozioni si ripercuotono su se stesse, avendo sentimenti sui sentimenti, a volte senza limiti. I loop di feedback possono produrre emozioni vissute come insopportabilmente dolorose o fuori controllo, o almeno previste. Tuttavia, vi è una zona tra questi due estremi che consente di provare emozioni e anche di osservare se stessi. Questa zona è possibile a causa della capacità umana di assumere ruoli; vedere se stessi dal punto di vista immaginato di un'altra persona. Vengono delineate alcune implicazioni di queste idee per il trattamento della depressione.

Le società moderne hanno una visione debole delle emozioni. Di solito sono giudicati molto meno importanti del mondo materiale, del comportamento, del pensiero e di tutto il resto. Impariamo sia da bambini che da adulti: "Non essere così emotivo! Oppure: "Non arrabbiarti, mettiti in pari!" Ci vengono insegnati due estremi: o nascondere o recitare emozioni. Questi due atteggiamenti possono essere alla radice di molti dei problemi più difficili dell'umanità, ma difficili da cambiare finché non impariamo di più sul mondo emotivo.

Proprio come le emozioni a volte causano il caos nelle nostre vite, lo studio delle emozioni è anche in uno stato di caos. Fino a poco tempo fa, anche negli studi sociali e comportamentali, era un campo molto piccolo rispetto all'attenzione data al comportamento, alla cognizione, all'alienazione, all'autostima e a molti altri argomenti. Cresciuto negli ultimi anni, è ancora di natura preliminare, con molti approcci diversi e spesso contrastanti. Mi sembra, tuttavia, che ci siano occasionali barlumi di chiarezza e luce.

Il seguente, ad esempio, è una descrizione precisa di una zona necessaria per affrontare direttamente emozioni intense e alcune delle difficoltà. Si concentra su un singolo problema, su come viene vissuta la paura nel disturbo da stress post-traumatico (PTSD), ma potrebbe avere implicazioni più ampie.

[Nel PTSD ci sono] cicli di flashback e intorpidimenti. Può essere estenuante cadere nei flashback o sentire come tutto, tutti i sentimenti, sono chiusi e inaccessibili. Nel lavorare con il trauma, è fondamentale sviluppare una zona di guarigione, uno spazio tra il flashback e la dissociazione in cui i ricordi possono essere sentiti e anche noti per essere nel passato. (Danylchuk 2011. Anche Siegel 1999)

Questo commento contiene diverse idee importanti. Innanzitutto indica due stati di non guarigione, flashback che si limitano a rivivere episodi di emozioni violente e il paralizzante e la dissociazione che possono nascondere questi episodi. Ma indica anche una zona tra i due stati indesiderabili: "i ricordi possono essere sentiti e anche conosciuti nel passato". Questa frase implica che quando si è nella zona, si percepisce sia un'emozione sia si osserva se stessi sentendola. Una tale zona potrebbe fornire la sensazione di sicurezza e sicurezza necessarie per esplorare tutte le proprie emozioni, anche quelle percepite come opprimenti e / o insopportabilmente dolorose.

Trovare un punto medio tra troppo vicino e troppo lontano dalle emozioni è al centro delle teorie classiche del dramma. Il pubblico deve sentire le emozioni che vengono messe in atto, ma allo stesso tempo deve rendersi conto che sono al sicuro nel teatro. Non sono né troppo vicini, ripetono i loro flashback, né troppo lontani, non coinvolti. A questa distanza intermedia, queste teorie suggeriscono, la risposta del pubblico, come ridere o piangere, è catartica, aiutando i suoi membri a risolvere le proprie emozioni irrisolte, qualunque sia la loro origine (Scheff 1979).

La maggior parte dei ricercatori sulle emozioni suppone che la teoria della catarsi sia stata ripetutamente disapprovata negli esperimenti. Ma questi esperimenti implicano tutti l'acting out della rabbia (sfogarsi), piuttosto che ricordare la rabbia in "momenti di tranquillità" (Wordsworth). L'idea di una zona di guarigione, il rivivere l'emozione irrisolta alla giusta distanza, non è stata testata con precisione. Lo sfogo confondente con il tranquillo rivivere ha portato a un rifiuto grossolanamente sbagliato della catarsi, gettando il bambino fuori con l'acqua sporca (Scheff 2007). .

Emozioni fuori controllo

Il passo citato su una zona di guarigione per paura è di per sé abbastanza utile. Tuttavia coinvolge anche questioni molto più ampie della sola paura di guarigione: i riferimenti a flashback grezzi (troppo vicini) e alla dissociazione e alla chiusura (troppo lontana). La frase che interrompe (di tutte le emozioni) sembra particolarmente adatta per descrivere l'esperienza della depressione: le persone depresse spesso descrivono l'esperienza come sentirsi vuoti, vuoti o vuoti.

Come possono verificarsi flashback e intorpidimenti? Che cosa si sa sulla natura delle emozioni che sono inaccessibili o fuori controllo? Sembrano esserci solo pochi tentativi per rispondere a questa domanda, e non sono chiari. Ad esempio, l'idea di repressione di Freud è rilevante, poiché non riguarda solo idee e ricordi, ma anche emozioni. Freud (1966) affermava che l'idea della rimozione era fondamentale per la psicoanalisi, ma "… finora abbiamo solo un pezzo di informazione, … che emana dalle forze dell'ego." Oltre a ciò, Freud aggiunse, "noi non sapere più nulla al momento. "

Questa affermazione trasmette poco, poiché non siamo sicuri di quali forze si riferissero a Freud, né del resto, come debba essere interpretato l'ego stesso. Il vasto significato del concetto di repressione, rispetto alla magra quantità di conoscenza su di esso, rende un'enorme lacuna nella teoria psicoanalitica.

Cicli di emozioni

In che modo le emozioni possono essere così dolorose da essere nascoste o così potenti da essere fuori controllo? E 'improbabile che emozioni normali come il dolore, la vergogna, la paura o la rabbia siano estremamente dolorose o potenti. Sono solo segnali corporei che ci avvisano della perdita, del sentirsi inadeguati, in pericolo o frustrati. Sono anche piuttosto brevi, in genere una questione di secondi. Un'auto che si dirige verso di noi sulla superstrada stimola uno shock istantaneo di paura, ma di solito non sopravvive al pericolo. Che cosa potrebbe dare origine a sentimenti di paura che persistono, o reazioni così potenti da condurre a una fuga precipitosa in un incendio teatrale, o così dolorosa da condurre al silenzio e alla depressione?

Il mio stesso interesse per questa domanda è iniziato molto tempo fa mentre insegnavo la psicologia sociale delle emozioni. Quando discutevamo dell'imbarazzo e del rossore nelle classi più grandi, spesso c'erano uno o due studenti che si lamentavano del fatto che a volte i rossori li rendevano infelici. Spiegarono che quando si accorsero che arrossivano, sarebbero stati ulteriormente imbarazzati, indipendentemente dalla causa del primo rossore. Spesso questi studenti insinuavano che arrossire del loro rossore non era solo lungo e doloroso, ma anche fuori dal loro controllo.

Questo recente commento di una studentessa di 20 anni fornisce un esempio:

Spesso arrossisco quando ricevo un complimento. Quelli che si complimentano spesso menzionano il mio rossore. In un'occasione un amico ha elogiato il mio sorriso. Ho subito sentito un rossore. Poi il mio amico ha detto "Oh, stai arrossendo!" Ho detto "Sì, posso sentirlo!" In alcune occasioni il mio rossore si sente come se fosse eterno.

Con questo tipo di osservazioni come sfondo, ho ricordato una storia raccontata dal noto attore Ian Holm. In un'occasione aveva infastidito le sue battute, ma quando si accorse che stava arrossendo, arrossì di più. Più si sentiva imbarazzato dal suo arrossire, più arrossiva e più imbarazzato. Questo processo andò avanti, disse, finché non finì paralizzato nella posizione fetale, richiedendo che fosse portato fuori dal palco. Quest'ultima storia indica un processo emotivo che potrebbe non avere limiti naturali. Questa idea è anche suggerita dal commento dello studente sopra, che lei arrossisce a volte sentendo che possono essere eterni.

Cicli psicologici e sociali

I loop di feedback possono essere sia interni che esterni. I membri del pubblico nel fuoco di un teatro potrebbero diventare spaventati perché hanno paura di se stessi e vedono gli altri membri del pubblico spaventati, provocando loop all'interno e tra le persone: la paura causa più paura, finisce nel panico. La rabbia della strada potrebbe nascere perché una persona si sente umiliata dalle azioni di un altro pilota, arrabbiata perché si sente umiliato e arrabbiato per il fatto che il suo avversario si sia arrabbiato, portando a ulteriore rabbia e, in alcuni casi, violenza. Le risposte emotive alle risposte emotive, in condizioni da discutere di seguito, possono provocare reazioni a catena.

L'idea che le persone possano vergognarsi di tenere segreta la loro vergogna suggerisce l'origine di un ciclo di vergogna, vergognandosi di vergognarsi. Oppure, per continuare con l'argomento della rabbia della strada, un ciclo di vergogna / rabbia, essere arrabbiato perché uno si vergogna e si vergogna di essere arrabbiato, e così via. Un driver può sperimentare il comportamento di un altro driver come insultante. È probabile che questo autista gridi "Idiota, mi interrompi!" Piuttosto che dire a se stesso e / o all'altro conducente: "Mi sento mancare di rispetto e vergogna". Piuttosto che riconoscere e quindi provare vergogna, lo nasconde dietro la rabbia . Il riconoscimento è di solito il primo passo verso la risoluzione di intense emozioni.

L'idea di una reazione a catena può aiutare a capire la teoria di Gilligan (1997), altrimenti sconcertante, della vergogna come causa fondamentale della violenza, basata sulle sue esperienze con uomini violenti come psichiatra carcerario.

L'emozione della vergogna è la causa primaria o ultima di ogni violenza … (pp. 110)

Gilligan si riferisce a una situazione di vergogna specifica, mantenendola segreta.

La vergogna è probabilmente il segreto più accuratamente custodito dagli uomini violenti … Il grado di vergogna che un uomo ha bisogno di sperimentare per diventare omicida è così intenso e così doloroso che minaccia di sopraffarlo e di provocare la morte di se stesso, facendolo perdere la sua mente, la sua anima o il suo sacro onore (112).

Questo riferimento al meraviglioso potere distruttivo della vergogna segreta implica una catena di feedback, che inizia con un ciclo: vergognarsi di vergognarsi. Tuttavia, la mia esperienza con gli studenti arrossendo suggerisce che tali anelli possono andare oltre, vergognarsi, vergognarsi di ciò, e vergognarsi di ciò, e così via. O vergogna in un ciclo con rabbia: arrabbiato che uno si vergogna, si vergogna di essere arrabbiato, e in tondo. L'idea di un ciclo emotivo senza fine sembra spiegare come la vergogna, la paura o altre emozioni potrebbero diventare troppo potenti da sopportare o controllare.

Ci sono altri studi che suggeriscono che vergogna / rabbia, possono essere così dolorosi e controllanti da condurre all'omicidio e al suicidio. L'esempio più chiaro è lo studio di Websdale (2010) su 211 casi di familicidio (l'uccisione di uno dei coniugi e uno o più figli): mostra un tipo di assassino che sembrava guidato da una vergogna segreta.

Websdale, con l'aiuto di molte persone, è stato in grado di raccogliere interviste da persone che conoscevano le famiglie nella maggior parte dei casi. I risultati suggeriscono due tipi di assassini. La maggior parte erano uomini della classe lavoratrice che avevano una storia di rabbia e aggressività. I casi di questi uomini suggeriscono fortemente che hanno usato rabbia e aggressività per nascondere la vergogna.

Ma c'era una considerevole minoranza che Websdale si chiamava rispettabile civico. Erano uomini e donne di classe media che non avevano precedenti di aggressione o violenza, ma erano stati ovviamente profondamente umiliati prima degli omicidi. Ad esempio, molti dei casi erano uomini che avevano perso il lavoro, ma nascondevano le notizie dalla loro famiglia e da altri; hanno continuato a uscire di casa ogni giorno della settimana come se stessero ancora lavorando. Durante questo periodo, che in alcuni casi era lungo diverse settimane, stavano tramando un omicidio. Alcuni si sono anche uccisi. Tutti questi casi, in particolare, suggeriscono come ci si possa perdere in un ciclo incessante di vergogna al punto che l'omicidio viene scelto come preferibile all'ulteriore sofferenza.

L'idea dei loop emotivi suggerisce non solo la travolgente perdita di controllo che può verificarsi nei flashback, ma anche la ragione della dissociazione e dell'intorpidimento. Anticipare la perdita di controllo e / o il dolore insopportabile potrebbe portare le persone a evitare completamente le emozioni, che è ciò che accade nella dissociazione e nell'intorpidimento. Questo tipo di evitamento può anche avere ancora un altro tipo di effetto di loop: backlog emotivi. Più evitamento, più l'accumulo corporale di tensione emotiva. Maggiore è il backup, maggiore è il dolore che si prevede, che può portare a un ulteriore tipo di ciclo di evitamento.

L'idea di evitare il lutto a causa dell'anticipazione del dolore e / o della perdita di controllo è un luogo comune. È implicito, per esempio, in questa canzone di Iris Dement (1993), No Time to Cry:

Mio padre è morto un anno fa oggi …

Bene, sono rimasto a casa abbastanza a lungo da metterlo a terra

E poi ho preso un aereo per fare uno spettacolo al nord …

Perché ora sono più grande e non ho tempo per piangere

Non ho tempo per voltarmi indietro, non ho tempo di vedere

I pezzi del mio cuore che sono stati strappati via da me

E se la sensazione inizia a venire, ho imparato a smettere velocemente

Perché non lo so, se li lascio andare, potrebbero non voler passare …

Nella zona

Questa sezione si espanderà sul modo in cui la zona (punto medio tra evitamento e flashback) potrebbe consentire una sufficiente sicurezza per sperimentare qualsiasi arretrato di emozioni, non importa quanto apparentemente opprimente. Come si può sentire la sicurezza, e persino il piacere, quando si vivono emozioni intense che sono normalmente sentite come insopportabili e / o opprimenti?

L'idea della zona, di essere sia nelle emozioni che fuori di esse, è suggerita da quello che Levine (2010) chiama "pendolazione", oscillando come un pendolo avanti e indietro tra ciò che definisce espansione e contrazione delle proprie emozioni. L'idea del movimento avanti e indietro sembra trovarsi proprio al centro dell'essere nella zona, ma può essere spiegata in un modo diverso da quello suggerito da Levine.

Linguisti e altri studiosi hanno da tempo proposto che il sé sia ​​costituito da un movimento avanti e indietro. Iniziano puntando sull'apprendimento del linguaggio: ciò che sembra rendere possibile tutti i vari linguaggi umani, al contrario dei vocaboli istintivi di altri mammiferi, è la capacità di vedere una conversazione non solo dal proprio punto di vista, ma anche per immagina il punto di vista dell'altro oratore. Questo processo di spostamento avanti e indietro tra il proprio e il punto di vista immaginato per l'altro è chiamato "prendere il ruolo dell'altro" o, in breve, "prendere un ruolo". Il linguaggio umano, poiché nell'uso effettivo è quasi sempre molto frammentato e incompleto, e poiché le parole più comunemente usate hanno più di un significato, sarebbe impossibile capire senza l'assunzione di ruoli da entrambe le parti.

Nelle società moderne, in particolare, con il loro focus sull'individualismo, ci sono incentivi per dimenticare che si sta prendendo un ruolo. Ognuno di noi impara a pensare a noi stessi come a un individuo autonomo, completamente indipendente da ciò che pensano gli altri. CH Cooley, uno dei primi sociologi statunitensi, disse in modo succinto: "Viviamo nella mente degli altri senza saperlo".

Sicurezza attraverso il ruolo

Un esempio che illustra un momento di fiducia nei confronti delle emozioni forti viene dalla mia stessa vita. È successo molto tempo fa, la notte dopo la mia prima sessione di terapia di gruppo. Mentre stavo dicendo alla mia allora ragazza quanto ero invidioso quando gli altri piangevano durante la sessione, iniziai a piangere. Questo episodio è durato circa quindici minuti ed è stata una grande sorpresa per me. All'epoca avevo 40 anni: era probabilmente il mio primo vero pianto in circa 30 anni. La parte piangente del mio io allora era completamente sconosciuta per me.

Alcuni minuti dopo che avevo smesso di piangere, iniziò un episodio di rabbia. A differenza del pianto, questo episodio ha incluso un segno esplicito che indica che ero nella zona, come indicato di seguito. Ho iniziato a sentirmi colossalmente arrabbiato, ma senza la minima idea di ciò di cui ero arrabbiato (proprio come non sapevo di cosa stavo piangendo). Senza alcuna volontà da parte mia, ho cominciato a ringhiare, a contorcere e mordere l'aria. Come nel pianto, il mio corpo sembrava prendere il sopravvento. Il contorcersi divenne così pronunciato che caddi dal letto.

Trovarmi su un tappeto di lana intrecciata fornì un bersaglio per la mia rabbia; senza esitazione ho cominciato a mordere il tappeto. Ma poi un pensiero: cosa penserà Rachel di me che agisco in modo ridicolo (un esempio di tentativo di prendere un ruolo). Dal momento che non riuscivo a indovinare, ho fermato quello che stavo facendo e ho guardato su di lei, dicendo: "Stai bene?" Lei sorrise, "Vai avanti. Fai le tue cose. "Ripresi a contorcermi, ringhiando e mordendo come se senza interruzione. Sembrerebbe che nella zona, non solo si abbia il senso del controllo, ma di fatto si ha il controllo. Come nel teatro, se diventa troppo pesante, puoi sempre alzarti e uscire.

Poiché non c'erano più interruzioni quella notte, non descriverò le mie ulteriori esperienze di paura e vergogna. Tuttavia, tutti e quattro gli episodi suggeriscono un altro aspetto della zona: le esperienze con emozioni normalmente feroci possono essere piacevoli piuttosto che dolorose. I miei incontri con il dolore, la rabbia, la paura e la vergogna sembravano un po 'come un diversivo, un giro su un elegante ottovolante. Inutile dire che mi sono sentito completamente rinato il giorno dopo.

Conclusione

Questo saggio ha suggerito un modo di trattare la depressione in termini di emozioni irrisolte. Nella misura in cui questo suggerimento si rivela utile, le società moderne potrebbero dover cambiare i loro atteggiamenti e comportamenti verso le emozioni. Al momento i nostri modelli ci dicono sia di screditare le emozioni che di metterle in pratica. I film di "azione", ad esempio, forniscono modelli di recitazione e vendetta come la cosa più virile da fare, piuttosto che negoziati che riducano al minimo la violenza. La Top40, la più popolare delle canzoni pop, ribadisce il messaggio che l'incapacità di sopportare la perdita del proprio amante mostra la profondità dell'amore, piuttosto che l'incapacità di entrare nella zona del lutto (Scheff 2011). Cambiare questi schemi richiederà molto tempo e resistenza, quindi è meglio iniziare.

Riferimenti

Danylchuk, Lynette. 2011. Un blog sul forum online Psychology Central.

Freud, Sigmund. 1966. Lezioni introduttive sulla psicoanalisi. New York: Norton (1922).

Gilligan, James. Violenza – riflessioni su un'epidemia nazionale. New York: Vintage Books (1997)

Levine, Peter. 2010. In una voce non detta. Berkeley: Nord Atlantico.

Scheff, Thomas. 1979. Catarsi in Guarigione, Rituale e Dramma. Università della California

Press (ristampato da iUniverse 2001)

_____________2007. Catarsi e altre eresie. Journal of Social, Evolutionary and Cultural Psychology, 1 (3), 98-113.

Siegel, DJ 1999. The Developing Mind. New York: Guilford.

Websdale, Neil. 2010. Cuori familici: lo stile emotivo di 211 assassini. Oxford: Oxford University Press

Solutions Collecting From Web of "Emozioni e depressione"