Emotional Extortion: come gli adolescenti manipolano i genitori

I bambini piccoli lo fanno tutto il tempo. Impotenti quando rifiutano ciò che vogliono da un genitore, possono significare dispiacere comunicando delusione, ferite o indignazione. Quello che succede dopo è formalmente importante, e nella maggior parte delle relazioni genitore / figlio questa risposta si verifica un po 'di tempo.

Di fronte al broncio, al pianto o al capriccio del bambino, il genitore prova rammarico o rimorso per aver detto "no", o semplicemente cerca sollievo dall'intensità emotiva e così si spegne. "Va bene, solo per questa volta, puoi averlo (o farlo), dal momento che conta tanto per te. Basta smettere di fare tante storie! "

Ora il bambino si illumina e impara come c'è un potere persuasivo nella forte espressione delle emozioni, in particolare l'infelicità. Può essere usato per ottenere la sua strada.

Infatti, uno psicologo, John Narciso (vedi il suo libro "Declare Yourself," 1975) definì questa categoria di comportamenti "ottenere le mie tecniche". Un'altra psicologa, Susan Forward, scrisse un libro su questa manipolazione emotiva ("Ricatto emotivo", 1997.) In uno dei miei primi libri, "Keys to Single Parenting" (1996) l'ho chiamato "estorsione emotiva". Nel counselling, lo chiamo ancora con quel nome.

Durante l'adolescenza, quando la libertà dai genitori diventa sempre più importante, la manipolazione dell'autorità genitoriale attraverso la menzogna, la finzione e la pressione diventa più comune. L'estorsione emotiva può combinare tutti e tre.

Quindi, quando la difesa e l'argomento non riescono a vincere un genitore sopra o dietro un genitore, la tattica dell'estorsione emotiva può entrare in gioco. Le particolari emozioni sfruttate variano in base alla suscettibilità emotiva dei genitori, ma l'obiettivo è sempre lo stesso: far sì che i genitori cedano o cambino idea.

Ricorda, osservando da vicino questi adulti che hanno così tanto potere sulla loro vita, i bambini conoscono i loro genitori molto meglio di quanto i genitori conoscano i loro figli. I bambini, e in particolare gli adolescenti, sono esperti nel "premere i pulsanti" della suscettibilità emotiva nei genitori, spesso usando questa conoscenza in conflitto per vincere le loro vie. Molti bambini che crescono con un genitore che non è sicuro di essere in giro apprendono questo comportamento manipolativo per sopravvivere e devono poi disimparerlo in un secondo momento oppure affliggono una significativa relazione adulta con l'estorsione emotiva a loro costo. Considera alcune delle forme che l'estorsione emotiva può prendere.

Se un genitore è sensibile all'approvazione, allora l'adolescente esprimerà AMORE attraverso l'apprezzamento, l'affetto o il piacere di addolcire la madre o il padre. Questa estorsione emotiva funziona quando il genitore sente "Come posso rifiutare quando il mio adolescente, che di solito è così difficile andare d'accordo, ora sta recitando così bene?"

Se un genitore è sensibile al rifiuto, l'adolescente, ad alta voce o in silenzio, esprimerà l'ANGER attraverso la recitazione offesa, ferita o offesa per ammorbidire la madre o il padre. Questa estorsione emotiva funziona quando il genitore sente "Non posso sopportarlo quando il mio adolescente si comporta come se non le piacesse".

Se un genitore è sensibile all'inadeguatezza, l'adolescente esprimerà CRITICHE attraverso l'attaccare il carattere, la cura o la competenza del genitore per ammorbidire la madre o il padre. Questa estorsione emotiva funziona quando il genitore sente "Non posso sopportare di essere giudicato un fallimento agli occhi del mio adolescente".

Se un genitore è sensibile al senso di colpa, l'adolescente esprimerà SOFFERENZA attraverso l'azione infelice, ferita o triste per ammorbidire la madre o il padre. Questa estorsione emotiva funziona quando il genitore sente "Non posso sopportare di sentirmi responsabile dell'infelicità del mio adolescente".

Se un genitore è sensibile alla pietà, l'adolescente esprimerà l'ESISTENZA mediante la recitazione sfortunata o rassegnata ad addolcire la madre o il padre. Questa estorsione emotiva funziona quando il genitore sente "Non posso sopportare di sentirmi dispiaciuto per il mio adolescente quando si arrende e agisce vittima di qualunque decisione abbia preso".

Se un genitore è sensibile all'abbandono, l'adolescente esprimerà APATHY agendo come se la relazione non avesse più importanza e non gli importasse per addolcire la madre o il padre. Questa estorsione emotiva funziona quando il genitore sente "Non posso sopportare la solitudine quando mio figlio si comporta come se non ci fosse cura per la nostra relazione".

Se un genitore è sensibile alle intimidazioni, l'adolescente può esprimere ESPLOSIVITÀ, parlando a voce alta o comportandosi come se stesse per perdere il controllo fisico e minacciare il danno per ammorbidire la madre o il padre. Questa estorsione emotiva funziona quando il genitore sente "Non posso sopportare di essere spaventato dal farsi male".

Per scoraggiare queste manipolazioni, i genitori devono rifiutarsi di giocare con l'estorsione. Dopo tutto, il tuo adoles non può manipolarti emotivamente senza la tua autorizzazione. Dovete resistere alle vostre stesse suscettibilità al rifiuto, alla colpa, alle intimidazioni e simili e rifiutare di lasciare che queste vulnerabilità emotive influenzino le vostre decisioni.

Rinuncia a queste tattiche e ti sentirai male con te stesso, il tuo adolescente e la tua relazione, e più importante potrebbe permettere a malapena ciò che sai essere poco saggio che potrebbe causare danni al tuo adolescente. "So che non avrei dovuto lasciarla andare. Non volevo. Ma lei era così scontenta di me per aver rifiutato, semplicemente non potevo dire "no". E ora guarda cosa è successo! "

I genitori non devono solo rimanere fermi di fronte a questa manipolazione emotiva, devono tenere l'adolescente in considerazione dichiarativa. Così quando l'adolescente usa rabbia o sofferenza intense per superare un rifiuto dei genitori, il genitore deve essere in grado di dire e dire: "recitare emotivamente turbato non cambierà la mia mente. Tuttavia, se vuoi dirmi specificamente sul motivo per cui ti senti così turbato, voglio certamente ascoltare quello che hai da dire. "

La dichiarazione crea comprensione, ma la manipolazione emotiva crea sfiducia. Nel peggiore dei casi, quando i sentimenti vengono espressi per effetto estorsivo, il valore autentico di tali sentimenti può essere corrotto.

Ad esempio, il genitore stanco torna a casa alla fine della giornata e l'adolescente, sinceramente desideroso di esprimere il suo amore attraverso un atto di considerazione, ha preparato il pasto serale. Ma il genitore, essendo stato ammorbidito da tali atti prima, non è disposto ad agire riconoscente. Invece, risponde ponendo una domanda cinica: "Che cosa vuoi questa volta?" Questa è una conseguenza dell'estorsione emotiva; può screditare il valore del sentimento onesto.

Naturalmente, proprio come l'adolescente ha imparato il potere dell'estorsione emotiva durante l'infanzia, anche tu. Pertanto, poiché i genitori non ricorrono a questa manipolazione con il tuo adolescente.

Dichiara ciò che vuoi o non vuoi che accada in termini specifici, quindi discuti e negozia il disaccordo. Non usare la forte espressione dell'emozione per ottenere la tua strada, o incoraggerò quella estorsione dal tuo adolescente con il tuo cattivo esempio.

Per ulteriori informazioni sugli adolescenti genitori, vedere il mio libro, "SOPRAVVIVERE L'ADOLESCENZA DEL TUO BAMBINO" (Wiley, 2013). Informazioni su: www.carlpickhardt.com

La prossima settimana: l'adolescenza e la perdita dell'infanzia.

Solutions Collecting From Web of "Emotional Extortion: come gli adolescenti manipolano i genitori"