Emily Running

Julia Schwartz
Fonte: Julia Schwartz

La concezione del tempo di Freud, che in realtà richiama la metafisica di Aristotele e fu portata avanti sia da Cartesio che da Kant, rappresentò il tempo come una successione infinita di "nows" discreti che si dispiegano in modo lineare. Il tempo lineare è anche la concezione del tempo che è alla base del metodo scientifico, perché individua la successione di nows nel mondo esterno in cui possono essere contati e calcolati e gli intervalli tra loro misurati da un soggetto che sta fuori dal tempo è oggettivato e studiato. Pertanto, la sua adozione del tempo lineare era coerente con il desiderio di Freud di raggiungere la condizione di una scienza naturale o oggettiva per la sua psicoanalisi.

Martin Heidegger, al contrario, sosteneva che il tempo non risiede nel mondo esterno ma in noi , e che la visione di Aristotele di una successione infinita di nows era un'eventualità inautentica della nostra finitezza temporale. Heidegger sostenne inoltre che l'esistenza umana finita in tutti i suoi modi è intelligibile o ha senso solo sulla base della sua costituzione temporale. Lui, in sostanza, sosteneva che l'intera struttura dell'esistenza umana doveva essere vista – cioè, che poteva essere autenticamente intelligibile solo in termini di distensione tra la nascita e la possibilità di morte, tra due abissi del nulla. In contrasto con la nozione lineare del tempo, la temporalità rivelata in questo allungamento, che Heidegger chiamava "primordiale", "estatico" e "autentico", è un'unità di passato, presente e futuro, con ogni dimensione che trascende sempre se stessa e indicando gli altri due.

Una poesia sulla mia figlia più giovane e su me intitolata Emily Running , che ho scritto nel 2002 (e il cui significato personale ho discusso in un precedente post sul blog: http://www.psychologytoday.com/blog/feeling-relating-existing/201112/ perdere-e-riguadagnare-il-mio-senso-essere), fornisce un'illustrazione di questa autentica temporalità:

Il mio momento preferito del giorno

Cammina Emily a scuola al mattino.

Ci baciamo mentre lasciamo il nostro vialetto

quindi gli altri bambini non ci vedranno.

Se sono fortunato, abbiamo un secondo bacio,

furtivamente, al margine del cortile della scuola.

I miei interni si illuminano mentre lei si gira da me

e corre verso l'edificio dove si svolge la sua lezione,

capelli biondi che scorrono,

zaino che sbatte,

la mia splendida e preziosa terza elementare.

Lentamente, quasi impercettibilmente,

una nuvola inizia a oscurarsi

il mio ampio sorriso interiore

non il dolore, esattamente, ma una struggente tristezza-

mentre la sua corsa mi riconduce

ad altre divisioni

e verso altre svolte

più in basso lungo la strada.

Riferimento:

Stolorow, R. (2013). Revisione del libro di A Question of Time: Freud alla luce della temporalità di Heidegger di Joel Pearl. Journal of American Psychoanalytic Association , 61: 1251-1256.

Copyright Robert Stolorow

Solutions Collecting From Web of "Emily Running"