EMDR e Sleep Connection

Alla chiusura del 2016, la maggior parte degli americani, e probabilmente la maggior parte delle persone in tutto il mondo, sarà felice di vederla andare. Alcuni anni producono un'abbondanza di miseria e questo era uno di loro. Quasi certamente non è stato così male come alcuni anni, come il 1346 (la morte nera inizia in Europa), il 1793 (il regno del terrore in Francia), il 1914 (inizio della prima guerra mondiale), o il 1941 (Hitler invase l'Unione Sovietica e il Giappone ha attaccato Pearl Harbor). D'altra parte, è stato un anno terribile per la perdita di alcuni grandi personaggi pubblici (Prince, Paul Kantner, David Bowie, Leonard Cohen e Carrie Fisher tra loro tristemente) e per molti nel paese è stato un periodo di "Trauma culturale", forse simile a quello che le persone hanno vissuto nel 1968. Mentre vediamo le notizie della guerra in Siria e rendiamo conto che i nostri soldati stanno ancora tornando dalle battaglie in tutto il mondo, sappiamo che c'è una grande quantità di traumi e sofferenze umane A quest'ora. C'è anche un grande bisogno di trattamenti efficaci per alleggerirlo.

Ho già discusso EMDR (Shapiro, 1995) come trattamento per PTSD. In questa terapia, un paziente seleziona un'immagine correlata a un evento traumatico e gli viene chiesto di tenerlo a mente mentre si impegna in movimenti avanti e indietro degli occhi guidati dal terapeuta. Dopo aver completato una serie di movimenti oculari, il paziente è diretto a notare "ciò che viene fuori", come pensieri, sentimenti o altre immagini. Il paziente quindi tiene ciò che è più saliente che è stato notato nella mente mentre viene condotta un'altra serie di movimenti oculari e così via. Nel corso della sessione il paziente viene aiutato a elaborare l'immagine e a desensibilizzare il trauma. Come funziona questo trattamento ha generato un notevole grado di controverso, ma è possibile che funzioni in modo simile alla desensibilizzazione sistematica. In questo modello, i movimenti oculari servono a rilassare e distrarre il paziente mentre affrontano il materiale doloroso correlato al trauma mentre il terapeuta di supporto aiuta il paziente a comprendere cognitivamente le esperienze.

È anche possibile che l'EMDR agisca coinvolgendo meccanismi cerebrali simili a quelli che sono alla base del sonno REM (movimento rapido degli occhi). Ho sempre trovato estremamente interessante il modello di "reverse learning" di Crick & Mitchison (1995) nel sonno REM. Nel loro modello, il sonno REM è coinvolto nell'elaborazione dell'input del giorno e nell'eliminazione di informazioni non necessarie. Dalla pubblicazione della loro teoria, è diventato chiaro che il sonno è molto coinvolto nella memoria e nell'apprendimento.

Tutti sono consapevoli degli spaventosi incubi e degli sgradevoli eccessi sessuali che causano l'insonnia in chi soffre di PTSD. Infatti, piuttosto che essere solo un sintomo di PTSD, il sonno disturbato può essere una caratteristica fondamentale del disturbo (Spoormaker, & Montgomery, 2008) e trattare i problemi legati al sonno può essere una componente necessaria per un trattamento efficace.

Fin dai primi giorni dell'EMDR, Shapiro ha sostenuto che i movimenti bilaterali degli occhi erano necessari per l'elaborazione delle memorie traumatiche ed era correlato all'attivazione di processi cerebrali simili a quelli del sonno REM (Stickgold, 2002). Sono stati fatti sforzi per sviluppare un modello più completo di come i processi del sonno REM possano farlo. Stickgold (2002) ha proposto che il reindirizzamento ripetuto dell'attenzione causato dai movimenti oculari usati nell'EMDR determina uno stato neurobiologico simile al sonno REM. In questo stato le memorie traumatiche e caricate emotivamente possono essere trasformate in ricordi più ordinari e meno emotivamente travolgenti, in modo che la carica emotiva del trauma sia alleviata. Questo processo integrativo comporterebbe la riduzione del potere delle memorie episodiche (mediate dall'ippocampo) e l'associata emozione negativa (mediata dall'amigdala). Stickgold (2008) ha presentato ulteriori prove che durante il sonno sono attivati ​​processi di memoria necessari per l'elaborazione e la risoluzione del trauma. Sebbene non sia stato provato in modo conclusivo, questo modello ha un certo supporto e aiuta a spiegare come l'EMDR può essere così efficace.

Quindi, alla fine di quest'anno, speriamo in un migliore e più luminoso nel 2017. I progressi terapeutici in tecniche come l'EMDR ci fanno sperare che la risoluzione del trauma, qualunque sia la sua causa, possa davvero essere raggiunta.

Crick, F. & Mitchinson, G. (1995). Sonno REM e reti neurali. Behavioral Brain Research , Jul- Aug, 69 (1 – 2), p. 146 -155.

Shapiro, F. (1995). Desensibilizzazione e rielaborazione del movimento oculare: principi, protocolli e procedure di base . New York: Guilford.

Spoormaker, VI & Montgomery, P. (2008). Disturbo del sonno nel disturbo da stress post-traumatico: sintomo secondario o caratteristica fondamentale? Recensioni su Medicina del sonno , 12 (3), p. 169 – 184.

Stickgold, R. (2002).

Fonte: "Yin and Yang" di Klem – Questa immagine vettoriale è stata creata con Inkscape da Klem, e poi modificata manualmente da Mnmazur. Concesso in licenza con Dominio Pubblico tramite Wikimedia Commons –

Journal of Clinical Psychology , 58 (1), p. 61-75.

Stickgold, R. (2008). Elaborazione memoria dipendente dal sonno e azione EMDR. Journal of EMDR Practice and Research , 2 (4), p. 289 – 299. DOI: 10.1891 / 1933-3196.2.4.289.

Solutions Collecting From Web of "EMDR e Sleep Connection"