Eliminazione di un blogger che offende definisce un antecedente molto pericoloso

George Washington

Quando ero uno studente di dottorato a Cornell, un grande dibattito infuriava nel campus sulla possibilità o meno che un famigerato negazionista dell'Olocausto parlasse alla nostra istituzione. La decisione di numerose scuole d'élite era quella di offrire a questo pagliaccio un forum in cui poteva vomitare il suo terrificante antisemitismo. Spero che molti lettori possano concordare sul fatto che negare pubblicamente lo sterminio brutale e disumano di sei milioni di esseri umani sia più offensivo dell'ultimo post di Kanazawa. Indovina un po? Molti ebrei (me compreso) a malincuore sostengono il suo diritto di prendere in giro se stesso, anche se non è chiaro che negare i fatti storici sfacciati dovrebbe essere "discusso". Lascia che le sue parole tornino a perseguitarlo.

Lo scorso agosto, un amico blogger ha iniziato una discussione nella Green Room (la chat room privata per i blogger), così come ha scritto un post (vedi qui), in cui mi ha energicamente attaccato per aver scritto un post su uno studio (condotto da uno psicologo francese) sui legami tra le dimensioni del seno di una donna e la probabilità di essere presa in autostoppista (vedi qui). Numerosi colleghi blogger si sono uniti agli attacchi. Tuttavia, mi difesi vigorosamente e alla fine il problema si attenuò (vorrei poter condividere alcuni degli attacchi moralistici e personali che mi venivano imposti ma è uno spazio riservato riservato ai blogger). Il blogger in questione mi ha criticato per il modo in cui ho riportato i risultati dello studio anche se li ho riportati esattamente nello stesso modo in cui sono stati originariamente pubblicati nel documento (in una rivista peer-reviewed). Numerose persone sono venute in mia difesa, in particolare Robert Kurzban (uno dei redattori di Evolution and Human Behaviour e collega PT blogger), per ribadire che ero stato assolutamente accurato (e corretto) nel modo in cui avevo riportato i risultati (vedere Qui).

Tuttavia, il vero significato dell'attacco era molto più profondo di quello analitico. Sono stato accusato di dedicarmi alla "pornografia ambulante" non solo per discutere di un argomento "sessista" ma anche per usare l'immagine del teaser di una donna attraente (con grandi seni) nel sedile del passeggero di un'auto (cioè, l'immagine del teaser era perfettamente congruente con l'argomento del post). Il blogger che ha iniziato l'attacco personale è stato chiaro affermando che tali argomenti non dovrebbero essere consentiti sul blog di Psychology Today (anche se stavo discutendo di un articolo che era stato pubblicato su una rivista peer-reviewed). L'attacco era sconvolgente, emotivamente drenante e doloroso. In un'altra occasione, alcuni blogger sono stati "offesi" dal fatto che avevo usato un'immagine teaser di una donna attraente ricoperta di cioccolato per un post sui legami tra sessualità femminile e consumo di cioccolato (vedi qui). Naturalmente, ho anche discusso dei problemi in cui ho usato le foto di uomini sexy vestiti in modo scortese (vedi qui e l'immagine del teaser per questo post qui) ma in quei casi non ho mai sentito lamentele. La polizia morale e pensatrice era in vacanza.

Sto riadattando questi esempi personali qui per dimostrare i pericoli di accettare le offese percepite. Io critico ripetutamente la religione nei miei post. Cosa succede se qualcuno ora proclama che le mie analisi anti-religiose sono offensive alla loro sensibilità spirituale? In un recente post, ho messo in discussione organizzazioni religiose che cercano di sostenere che l'omosessualità potrebbe essere cambiata attraverso "interventi" religiosi (vedi qui). La mia posizione è certamente molto offensiva per coloro che credono veramente che pregare per qualche istanziazione di Dio farà "allontanare" qualcuno dal loro orientamento sessuale altrimenti "peccaminoso".

Nella sua carriera di blogger, Satoshi Kanawaza ha generato molta offesa. Non c'è dubbio al riguardo. Tuttavia, offrirei una soluzione diversa per eliminarlo da questo forum (come hanno suggerito diversi blogger). Lascia che le sue parole siano disponibili per il consumo pubblico e permetti alle persone di valutare i suoi scritti e li distrugge (quando è giustificato). Con questo in mente, i blogger non dovrebbero forse essere autorizzati a disabilitare la loro sezione commenti, come è stata la pratica di Kanazawa (anche se posso apprezzare che questo è un tentativo da parte di alcuni blogger di proteggersi da veleno e cattiveria, a volte ingiustificati, come generato il più delle volte da lettori anonimi).

Bottom line: Il riflesso collettivo (e forse comprensibile) è quello di eliminare Kanazawa da questo forum. Rimuovi la parte in questione e la vita tornerà alla normalità. Tuttavia, questo stabilisce un precedente straordinariamente pericoloso per ragioni molto ovvie. Sono ben consapevole che si tratta di una questione di discrezionalità editoriale e non di censura governativa. Nonostante questa distinzione, tutti noi perdiamo ogni volta che un vestito limita o delimita ciò che può o non può essere detto o discusso.

Ti prego di capire che non sto liquidando l'evidente danno che il post di Kanazawa ha generato. Questo però non è il punto di questo post. Se crediamo sinceramente nella libertà di espressione, dobbiamo difendere il diritto di coloro che offrono opinioni, idee e analisi che sono per noi grossolanamente offensivi (ad esempio, una persona ebrea che difende il diritto di un negazionista dell'Olocausto a condividere le proprie opinioni alla guida università di fama mondiale). A corto di parole che cerca di incitare alla violenza o al proverbiale "Fuoco" in un teatro affollato, dovremmo fare molta attenzione a reprimere il nostro diritto più inalienabile, vale a dire il libero scambio di idee. Non abbiamo il diritto intrinseco di essere protetti da discorsi offensivi, idioti, offensivi o stupidi. Ignoralo. Dibattilo. Attaccalo. Non sopprimerlo.

Grazie per aver dedicato del tempo per intrattenere i miei pensieri in merito. Auguro a tutti un buon fine settimana.

Addendum (22 maggio):

Ieri, il dott. Scott Barry Kaufman ha pubblicato un post in cui lui (insieme al dott. Jelte Wicherts) ha analizzato i dati Add Health e ha confutato le conclusioni raggiunte dal Dr. Kanazawa. In altre parole, permettendo alle idee di essere discusse, criticate e attaccate (anche quelle offensive), la verità ha un modo di trovare la luce del giorno (in origine avevo scritto queste esatte parole come risposta a un lettore che ha recentemente sperimentato pregiudizi in la sua vita romantica, e che fu comprensibilmente offesa dal post di Kanazawa).

Fonte per immagine:
http://farm6.static.flickr.com/5130/5376901861_e79f32b2a2.jpg

Solutions Collecting From Web of "Eliminazione di un blogger che offende definisce un antecedente molto pericoloso"