Elefante piange al salvataggio dopo 50 anni di schiavitù

Ricordo che da bambino non si curava molto degli animali. C'erano delle volte in cui mi collegavo inaspettatamente con un animale (come il pulcino che ho portato a casa dal mio lavoro come doppiatore). Ma ricordo che la maggior parte del tempo pensavo che gli spettacoli televisivi, le storie e i film sugli animali fossero noiosi e che gli animali reali fossero irritanti.

Ora vorrei diagnosticare il mio sé d'infanzia come la natura privata. Il mio sentimento anti-animale era una "reazione di reazione", adottando l'atteggiamento opposto come forma di difesa contro la cura.

È patrimonio umano essere profondamente radicati nel mondo naturale in cui si è cresciuti – e ci sentiamo un po 'vuoti e irrequieti quando non lo siamo. Almeno questo era così prima dell'industrializzazione e dell'urbanizzazione, prima di tenere i bambini lontani dalla natura e ora negli edifici per la maggior parte del tempo. Questo era anche prima del tempo in cui la natura era demonizzata come un nemico da temere, dominato e controllato per gli interessi umani, con poca preoccupazione per gli interessi o l'azione delle piante, delle montagne o degli animali stessi.

L'idea che gli esseri umani possano trattare tutti i non-umani come oggetti da utilizzare in qualsiasi modo desiderato è piuttosto ridicola di fronte a questo perché le nostre vite dipendono dal benessere di acqua, aria, animali e piante. Quindi se non onoriamo la natura e il suo benessere, alla fine ci danneggeremo.

Alcuni sostengono che la specie umana sta affrontando la sua (lenta) fine a causa della sua disonestà della natura che ha portato alla distruzione del pianeta Terra. Infatti, la paura e il senso di superiorità spesso portano a conflitti e danni tra gli esseri umani (Eidelson e Eidelson, 2003). Negli ultimi secoli agli esseri umani è stato insegnato a pensare di essere superiori agli altri non umani, a disconoscere relazioni e responsabilità verso entità non umane. Ciò ha portato a vaste deliberate, oltre che accidentali, distruzioni del mondo naturale. (Vedere l'elenco dei libri sotto per maggiori dettagli.)

Ci sono una miriade di esempi nelle notizie di tutti i giorni su quanto le persone si siano allontanate da una relazione con la natura.

Un esempio molto sbalorditivo (sebbene non il migliore) nelle notizie recenti è di un salvataggio di animali. L'elefante, Raju, era stato in prigionia per 50 anni, tenuto da un tossicodipendente, e torturato, affamato e costretto a chiedere l'elemosina. Fu salvato dalla Wildlife SOS dell'India.

Mentre veniva salvato, gridò Raju. Vedi qui e qui.

Questa storia mi ha colpito profondamente perché nell'età adulta ho risvegliato la mia connessione e il senso di responsabilità per le creature e le entità nel mondo naturale.

L'elefante piangente, Raju, è un simbolo del grande dolore e della devastazione che gli umani stanno causando agli animali e alle entità (ad es. Montagne, fiumi, oceani). L'inconsapevole mancanza di rispetto dell'umanità per le leggi naturali ha fatto impazzire il clima della Terra e così inizia un prezzo crescente che deve essere pagato dagli esseri umani (insieme a tutti i non-umani che già soffrono).

Ma il racconto dell'elefante è anche un simbolo di speranza. Spero in cambio di cuore e mente. Ci vuole solo un momento per spostare la coscienza – per rendersi conto che tutto è connesso, che tutte le cose sono vivi, e che ogni nostra azione influenza il Tutto. La scienza (fisica) ha scoperto questa conoscenza nel 20 ° secolo. Ma questa è una saggezza molto antica, trovata tra le culture indigene. Esistono ancora resti di queste culture che nutrono un senso di connessione e responsabilità per i non-umani che li circondano e che sanno come prendersi cura del proprio benessere.

Per trasformare la speranza in azione, dobbiamo assistere alla saggezza ecologica che i popoli indigeni del mondo hanno conosciuto per così tanto tempo. Dobbiamo modellare le nostre abilità e strumenti moderni con quella saggezza. Quindi possiamo cambiare le cose, per la razza umana e anche per quelle entità ancora con noi, liberando il Rajus che abbiamo danneggiato attraverso le specie.

* Per ulteriori informazioni, vedi il mio libro di prossima uscita , Neurobiologia e Sviluppo della morale umana: evoluzione, cultura e saggezza .

ELENCO DELLE LETTURE RACCOMANDATE

When Elephants Weep: The Emotional Lives of Animalsby Jeffrey Moussaieff Masson e Susan McCarthy

Nature and Madness di Paul Shepard

Diventare animali di David Abram

Nello spirito della terra di David Luther Martin

Riferimenti

Eidelson, RJ, & Eidelson, JI (2003). Idee pericolose: cinque convinzioni che spingono i gruppi verso il conflitto. American Psychologist , 58 (3), 182-192.

Solutions Collecting From Web of "Elefante piange al salvataggio dopo 50 anni di schiavitù"