"Elaborazione lessicale" – di Cani?

La lingua conta. Quando parliamo di "una parola", dovremmo dire "un elemento significativo del discorso separato … usato con altri per formare frasi". (Secondo il dizionario di Oxford). Le parole pronunciate sono, naturalmente, un sottoinsieme di "suoni" – tutto ciò che può essere ascoltato

Un documento di ricerca attualmente in stampa nel numero di agosto di Science purports per dimostrare quali parti dei loro cervelli usano per "elaborazione lessicale"; ma non fa nulla del genere. Ciò che mostra è che i cani possono discriminare certi suoni che hanno sentito prima, usando una parte del loro cervello, mentre un'altra parte reagisce emotivamente al tono della voce usata – entrambi sono così parte integrante della routine di addestramento del cane che né la scoperta può essere considerata notevole. Ma questo è tutto: non ci sono prove che i cani capiscano il "linguaggio".

Se i cani avevano un concetto di "parole" dovrebbero essere in grado di estrarre le parole dalle frasi, indipendentemente da chi le avesse pronunciate. (Lo studio usava solo la voce dell'addestratore dei cani, e solo singole parole o brevi frasi come "Ben fatto!"). Gli umani lo fanno molto bene e senza pensiero cosciente. In una recente vacanza nel Devon, stavo facendo la fila con alcuni della mia famiglia a una bancarella di un caffè sulla spiaggia quando una voce dietro di noi improvvisamente disse "John è lì?" Tutti noi, anche io, riflettemmo a metà per vedere chi aveva parlato nome – e poi rapidamente si voltò indietro quando ci siamo resi conto che era uno sconosciuto completo, iniziando una chiamata dal cellulare ad un altro sconosciuto. Tuttavia, avevamo tutti reagito alla parola "John", anche se era stata pronunciata da una voce che nessuno di noi aveva mai sentito prima. Questa è "elaborazione lessicale". Un cane il cui nome era "John" avrebbe reagito allo stesso modo? Ne dubito. Ciò che lui (o lei) avrebbe sentito è "Izjontheyah", un suono complesso (non, per il cane, una frase) fatto da una voce sconosciuta, che avrebbe avuto poca o nessuna rilevanza e sarebbe stato quindi ignorato.

Le affermazioni secondo cui i cani comprendono le "parole" non sono nuove, nemmeno per la scienza, dove lo standard dell'arbitro dovrebbe essere il più alto, sebbene in almeno una precedente occasione il giornale abbia pubblicato commenti proponendo spiegazioni alternative. Ma la scienza sarebbe stata interessata a un manoscritto intitolato "Meccanismi neurali per l'elaborazione del suono nei cani"? È difficile sfuggire alla conclusione che sia i cineasti che i giornalisti amano gonfiare le loro affermazioni: gli scienziati ricevono un giornale in un giornale di grande prestigio, il diario è una scusa per una copertina carina e un'abbondante copertura mediatica (i cani vendono documenti) .

 used with permission
Fonte: Alan Peters, da "Dog Sense": usato con permesso

Tale collusione è innocua? Suggerisco di no I proprietari di cani che hanno letto uno dei numerosi resoconti di giornali di questo studio (per esempio qui, qui e qui) avranno trovato supporto per la loro visione già radicata secondo cui i loro cani capiscono "ogni parola che dicono". Potrebbero quindi sentirsi più giustificati nel rimproverare il loro cane la prossima volta che lui o lei è "disobbediente" – cosa che avverrà non perché il cane ha deliberatamente agito contro le loro istruzioni (che è come lo vedranno), ma perché hanno usato "parole" – suoni – questo significava poco per il cane. Il benessere dei cani da compagnia dipende dal fatto che i loro proprietari comprendano di cosa sono capaci e, allo stesso modo, quando le nostre aspettative su di loro sono troppo alte.

Solutions Collecting From Web of ""Elaborazione lessicale" – di Cani?"