Einstein on Love

Pensieri per San Valentino dalla persona più intelligente del mondo.

Nel luglio del 1933, Frank Wall del 69-73 Fifty-Eighth Avenue a Long Island City ricevette una lettera curiosa. Era di Albert Einstein, al quale Mr. Wall, un reporter del Long Island Daily Star , aveva recentemente scritto la sua lettera. La lettera di Wall, indirizzata al famoso professore nel suo ritiro a Le Coq-sur-Mer, in Belgio, è stata la seguente:

Mi dispiace di non poterlo esprimere abbastanza bene in tedesco. Capisco che il mondo si muove così velocemente che, in effetti, si ferma, o almeno così ci appare. Una parte del tempo, a quanto pare, una persona è in piedi dritto in alto; parte del tempo nella parte inferiore è in piedi a testa in giù, sostenuto dalla legge di gravità; e parte del tempo sta spiccando sulla terra ad angolo retto e parte del tempo ad angolo retto. Sarebbe ragionevole presumere che è mentre una persona è in piedi sulla sua testa – o meglio, capovolta – si innamora e fa altre sciocchezze?

Apparentemente incuriosito dall’insolita domanda di Wall, l’uomo responsabile della teoria della relatività ha offerto una risposta breve ma informativa:

Signore molto onorato:

Innamorarsi non è affatto la cosa più sciocca dell’umanità, ma la gravitazione non può essere ritenuta responsabile di ciò. Con i più cordiali saluti,

Albert Einstein

Anche se innamorarsi non può essere stata la cosa più sciocca che hanno fatto gli uomini e le donne, secondo una delle persone più intelligenti del mondo, molti in quel momento credevano che fosse un modo imprudente e poco saggio per prendere vita. Tra le guerre mondiali in America, l’amore romantico veniva comunemente visto in termini cauti, se non addirittura negativi, una funzione dei valori “moderni” che portavano una grande moneta culturale. “L’America sembra essere l’unico paese al mondo in cui l’amore è un problema nazionale”, scrisse Raoul de Roussy de Sales nel 1938, un’indicazione di quanto fosse diventata difficile la storia d’amore negli Stati Uniti. Piuttosto che perseguire l’amore “vero” che in genere ha portato al matrimonio e alla famiglia – l’espressione dell’emozione che regnò tra la fine del XIX secolo e l’inizio del XX secolo – molti americani, specialmente i giovani, stavano scegliendo di intraprendere progetti romantici che non portavano i costi emotivi, finanziari e legali associati alla vita domestica tradizionale. Altri, tuttavia, percepivano il “libero amore” nelle sue varie forme come una vera e seria minaccia all’amore tradizionale (due persone che intraprendevano una vita insieme come coppia) e quella che di solito seguiva, con la sola base della società considerata a partecipazione all’argomento. Inoltre, la cultura popolare, in particolare i film, aveva fissato un bar troppo alto per il vero amore, molti erano d’accordo, contribuendo anche alla delusione nella vita romantica degli americani tra le guerre mondiali. Qualunque sia la causa, l’amore era diventato un problema nazionale, le cui soluzioni non erano affatto chiare.

Solutions Collecting From Web of "Einstein on Love"