Effetto imprevisto di sognare su ricordi di paura

Il disturbo da stress post-traumatico (PTSD) è una forma comune di memoria di paura, in cui viene creato uno stress emotivo pervasivo ricordando esperienze che hanno evocato la paura. Se il nostro cervello potesse dimenticare la memoria della paura, il PTSD decadrebbe. Perché non possiamo dimenticare i ricordi della paura? In parte, è perché continuano a fare le prove e molte di queste prove si verificano durante i nostri sogni. Una delle principali funzioni normali del sonno è quella di aiutare il cervello a rafforzare la memoria delle cose, buone e cattive, che accadono durante la veglia.

Recenti ricerche su animali suggeriscono come il cervello compia questo rafforzamento della memoria (chiamato consolidamento). Ancora più importante, il consolidamento è manipolabile. Lo studio è iniziato con la comprovata comprensione che i ricordi sono di due tipi: espliciti (episodici) e impliciti (procedurali). I ricordi di paura sono episodici; cioè, ricordiamo gli episodi della nostra vita che sono stati traumatici. I ricordi episodici sono stabiliti da una struttura nel cervello conosciuta come ippocampo, una parte della corteccia cerebrale che si ripiega sotto la corteccia principale e ha una diversa struttura interna e connessioni con altre parti del cervello. Inoltre, l'effetto di consolidamento dell'ippocampo viene esercitato quando genera un ritmo di tensione di circa 6-10 onde al secondo che contiene anche frequenze nidificate più alte (gamma) di circa 30-90.

Con questo background di informazioni, i ricercatori della McGill University in Canada * hanno deciso di vedere in che modo la memoria della paura potrebbe essere influenzata da un'interruzione del ritmo theta ippocampale, che durante il sonno si verifica durante la fase REM (sogno) del sonno. Lo studio è stato condotto su topi, monitorati durante il sonno, subito dopo essere stati addestrati a ricordare certi oggetti e anche dopo aver appreso una memoria di paura condizionata. Il compito di apprendimento degli oggetti era di ricordare dove fosse stato collocato un nuovo oggetto (l'ippocampo è anche noto per fornire al cervello informazioni sulla posizione spaziale). L'altro compito di apprendimento, e quello relativo al PTSD, comportava l'esposizione dei topi svegli ad un avvertimento sonoro seguito da una scarica elettrica ai loro piedi. Hanno manifestato la paura associata imparando congelando tutti i movimenti non appena è stato ascoltato il suono, prima che lo shock da piede fosse effettivamente erogato.

La parte fondamentale dell'esperimento è stata la capacità di arrestare l'attività theta. Altri lavoratori hanno dimostrato che i neuroni possono essere resi ipersensibili alla luce laser iniettando il loro ambiente con un virus che viene fuso con una proteina fluorescente. La posizione dei neuroni che guidano il ritmo theta è nota, e così i ricercatori hanno iniettato un tale virus in quella zona e anche impiantato una fibra ottica che potrebbe fornire luce laser su quei neuroni. L'attività neuronale in quest'area potrebbe essere interrotta ogni volta che la luce laser attiva la proteina.

Con entrambi i ricordi di posizione dell'oggetto e paura condizionata, test per il richiamo il giorno successivo ha rivelato che la formazione della memoria è stata impedita bloccando l'attività theta durante il precedente sonno REM quando il blocco si è verificato durante un periodo critico di quattro ore immediatamente dopo l'apprendimento iniziale. Una simile interruzione di attività durante lo stato di sonno non-sogno, non-theta, non ha impedito nessuna delle due forme di memoria.

Anche se si potesse usare questa tecnica di luce laser negli esseri umani (e teoricamente si può), si potrebbe dire che questo approccio non potrebbe funzionare perché di solito non è pratico istituire una terapia formale entro quattro ore da un'esperienza emotivamente traumatica iniziale. Ma, una terapia PTSD corrente comune si basa sul fenomeno stabilito di ri-consolidamento della memoria. Ogni volta che si richiama un ricordo, esso deve essere ri-memorizzato e quindi è suscettibile di modifica (per esempio, per terapia del linguaggio). La memoria rivista può sostituire la memoria di paura originale. Un terapeuta potrebbe chiedere al paziente di ricordare la brutta esperienza, andare a dormire subito e ricevere un leggero blocco di theta per interrompere la ri-conservazione della memoria negativa. Forse un approccio più semplice sarebbe quello di ottenere un buon sonno da sogno subito dopo la terapia verbale, che potrebbe aiutare a cementare la memoria rivista, meno traumatica.

* Fu a McGill, circa mezzo secolo fa, che fu scoperto il ruolo dell'ippocampo nella formazione della memoria.

Fonte:

Boyce, Richard, et al. (2016) Le prove causali sul ruolo del ritmo sonno theta REM nel consolidamento della memoria contestuale. Scienza. 352, 812-815.

Per ulteriori informazioni sull'apprendimento e la memoria, consultare il libro recente di Memory Medic, Memory Power 101 (Skyhorse Publishing).

Solutions Collecting From Web of "Effetto imprevisto di sognare su ricordi di paura"