Edward M. Kennedy: l'uomo che ha ucciso la riforma sanitaria

Mentre Obama lavora febbrilmente per salvare la riforma dell'assistenza sanitaria, viene spesso sentito invocare – almeno quando parla davanti a un pubblico di democratici – il ricordo del defunto senatore Kennedy, mentre alternativamente indaga e intimidisce i suoi colleghi del ramo legislativo. Ahimè, forse il Presidente è, inconsapevolmente o no, usare un uomo di paglia in queste ultime frenetiche ore di contrazioni, come i sondaggi anemici di un anno elettorale hanno reso gli oppositori di coloro che in passato erano riformisti.

Oltre 35 anni fa, nientemeno che Richard Nixon propose una forma di "assistenza sanitaria universale". Il suo ultimo discorso sullo stato dell'Unione richiedeva l'accesso universale all'assicurazione sanitaria: il suo piano avrebbe fornito sussidi governativi ai lavoratori autonomi e alle piccole imprese e si sarebbe basato su piani assicurativi già sponsorizzati dal datore di lavoro. Tuttavia, come ci si potrebbe aspettare, la politica partigiana ha fornito i soliti ostacoli: era difficile per i democratici ammettere che Nixon anti-comunista era diventato un sostenitore della "medicina socializzata". Teddy Kennedy dichiarò che il piano era stato progettato per andare a beneficio delle compagnie di assicurazione; tuttavia, la realtà era che le compagnie assicurative avevano una maggiore regolamentazione.

Nixon credeva fortemente che un piano di assicurazione sanitaria nazionale fosse cruciale. In quel discorso del 1974 sullo stato dell'Unione, dichiarò che "il momento è a portata di mano quest'anno per portare un'assistenza sanitaria completa e di alta qualità alla portata di ogni americano". In realtà, questa affermazione non è sorprendente considerando la storia personale di Nixon sulla povertà e le malattie familiari. (Ha perso due fratelli per la tubercolosi, le malattie hanno inferto un duro colpo alle finanze della famiglia, e di fatto ha proposto una polizza sanitaria nazionale quando è arrivato al Congresso nel 1947.) Nixon somiglia molto a Obama, quando disse nel 1974 che non voleva vedere "altre famiglie di mezzi modesti … guidati … verso la bancarotta a causa dell'incapacità di gestire problemi di assistenza medica di tipo catastrofico".

Tuttavia, l'opposizione "liberale", guidata dalle pressioni dell'allora potente AFL-CIO e United Autowokers, si è dimostrata troppo per un'amministrazione che spende energie significative per difendersi dalla crescente ondata del caso Watergate.

Kennedy iniziò trattative segrete con la Casa Bianca di Nixon, ma cadde preda delle pressioni dei sindacati, in quanto i leader sindacali desideravano un sistema a pagamento unico che ritenevano sarebbe stato raggiunto facilmente una volta che un democratico fosse stato eletto alla presidenza nel faccia dello scandalo Watergate. Molti pensavano che Kennedy sarebbe stato quel democratico, e quindi non aveva nulla da fare gettando un'ancora di salvezza nell'affollamento dell'amministrazione Nixon.

Non si può fare a meno di chiedersi anche se il defunto senatore si sia fatto carico delle riflessioni sull'amministrazione Nixon su Teddy, mentre discutevano sul monitoraggio di qualsiasi comportamento morale scorretto che potesse essere usato come arma politica. O Teddy ha saputo che Nixon e aiutanti Haldeman ed Ehrlichman a un certo punto hanno discusso i "rozzi hot pants", allora la moglie Joan stava considerando di indossare una funzione della Casa Bianca?

Sarebbe ironico se l'assistenza sanitaria nazionale incontrasse la sconfitta per mano di un paio di hot pants.

A proposito, riforma della sanità, riposa in pace. Neanche Pat Buchanan può salvarti ora.

Solutions Collecting From Web of "Edward M. Kennedy: l'uomo che ha ucciso la riforma sanitaria"