Educazione USA: The Bad, Parte II

Questa settimana, ho avuto l'opportunità di parlare con Carl Thornton Jr., nel suo programma radiofonico sui modi in cui il razzismo strutturale o sistemico sta ancora ostacolando le opportunità di crescita tra le comunità di colore e in particolare per gli afro-americani (vedi http: // speakingwith.com/). La nostra discussione è stata un'estensione di molti articoli che ho postato qui sui modi in cui la nozione di un'America "post-razziale" rimane un mito. Inoltre, ha messo sotto i riflettori strazianti alcuni dei peggiori aspetti del nostro sistema educativo (vedi la parte I della mia serie sull'educazione per "Il bene").

Sfortunatamente, la nozione di "conduttura da scuola a prigione" è stata identificata per le comunità di colore. In particolare, un rapporto feroce del Dipartimento dell'educazione ha pubblicato questa primavera modelli identificati di disuguaglianza nei nostri sistemi scolastici pubblici basati sulla razza. Ad esempio, sebbene i bambini neri costituiscano solo il 18% delle iscrizioni in età prescolare, il rapporto rivela che questi bambini rappresentano uno sbalorditivo 50% di tutte le sospensioni.

Questo è stato uno di una litania di fatti rivelati nel rapporto che ha identificato il razzismo strutturale o sistemico come un problema reale nelle nostre istituzioni educative. Altre verità problematiche rivelate nel rapporto includevano la sottoperformance dei neri rispetto alle loro controparti bianche nelle scuole, le disuguaglianze per quanto riguarda i punteggi dei test, i tassi di abbandono e di laurea e, come già menzionato, i tassi di discipline e sospensioni (non solo nell'asilo).

Forse una verità altrettanto convincente è che oltre 50 anni dopo la rivoluzionaria sentenza Brown contro Board of Education che ha ufficialmente chiuso la legittimità della segregazione basata sulla razza nelle scuole, oggi i bambini neri e ispanici frequentano scuole che sono più segregate ora rispetto a quando erano era dei diritti civili. Philips (2010) riflette:

Le scuole rimangono altamente diseguali, sia in termini di denaro, sia in termini di insegnanti e curriculum qualificati. Un'istruzione ineguale porta ad un ridotto accesso ai college e ai lavori futuri. Le scuole non bianche sono segregate dalla povertà e dalla razza. Queste scuole pubbliche a basso reddito "al cioccolato" sono il luogo in cui si verificano la maggior parte degli abbandoni della nazione, portando a un gran numero di giovani virtualmente disoccupati di colore che lottano per sopravvivere in un'economia molto travagliata. (para 4)

L'importanza di essere ben educati nella nostra società di oggi non può essere sopravvalutata. È un cliché, ma alla fine una delle verità più basilari: la conoscenza è potere. L'istruzione ha il potere di essere trasformativa, di strappare le comunità dalla povertà, di illuminare e motivare, costringere e curare; l'elenco dei benefici derivanti da un'istruzione di qualità va avanti e avanti. Inoltre, di fronte alle realtà del tentativo di guadagnarsi da vivere in America oggi, essendo credenziali, avere una laurea, indipendentemente dalla qualità fondamentale dell'educazione che rappresenta, è anche essenziale.

Gli svantaggi che partono dal get-go si accumulano e portano a una carenza di opportunità per le minoranze. Inoltre, fanno molto per spiegare perché il tasso di disoccupazione oggi è sproporzionatamente più alto per i neri americani, con numeri che vanno dal 13,1% a più del 20,5% se i sottoccupati sono inclusi nel conteggio.

Non voglio finire con una tale rovina e tristezza, ma penso che sia essenziale per noi riconoscere che queste disuguaglianze sistemiche restano una vera barriera per l'opportunità per le comunità di colore. Nel comprendere le conseguenze catastrofiche della storia del razzismo in questo paese, dobbiamo andare oltre le analisi individuali o della personalità e guardare a questioni situazionali e sistemiche più ampie che persistono nel dare vantaggi (ad esempio il privilegio bianco) ad alcuni e ostacoli per gli altri. Fino a quando non riusciremo a conciliare queste convincenti verità, la disuguaglianza razziale resterà una vera barriera per milioni di americani e, come cultura, ne raccoglieremo le conseguenze per gli anni a venire.

Philips, P. (2010, 3 maggio). Un presidente nero non significa che il razzismo sia sparito in America. Progetto censurato. Estratto il 13 novembre 2014 da: http://www.projectcensored.org/a-black-president-doesnt-mean-racism-is-g….

Copyright Azadeh Aalai 2014

Solutions Collecting From Web of "Educazione USA: The Bad, Parte II"