Educazione, prove ed etica

Attualmente sto insegnando un corso di etica medica e sto raccontando ai miei studenti del movimento verso la medicina basata sull'evidenza. Gli studenti sono sorpresi nell'apprendere che molti trattamenti e pratiche mediche si basano più sulla tradizione che su una buona evidenza di efficacia. Allo stesso modo, un recente articolo ha riportato che la maggior parte degli psicoterapeuti usa metodi giustificati solo dalla loro formazione e dall'esperienza personale, non da esperimenti controllati che dimostrano l'effettiva efficacia di alcune tecniche come la terapia cognitivo-comportamentale.

Come insegnante universitaria, non dovrei essere compiaciuto di queste lacune, perché mancano prove anche per le pratiche educative. I corsi universitari sono ancora in gran parte insegnati usando metodi che non sono cambiati molto da quando ero uno studente universitario di quarant'anni fa. Non abbiamo motivo di credere che il corso universitario standard, con le sue lezioni, libri di testo ed esami, sia il modo migliore per insegnare agli studenti a questo livello, o anche che sia molto efficace per la maggior parte degli studenti che ricevono voti mediocri. Eppure anche i miei colleghi più giovani stanno ancora insegnando con metodi tradizionali.

Alcuni di noi stanno sperimentando variazioni sullo stile tradizionale. Nei miei corsi di conferenze con 100-150 studenti, faccio una pausa a metà strada per una discussione di 5 minuti in cui gruppi di 4 o 5 studenti discutono attivamente una domanda che pongo loro. Alla fine di ogni lezione, gli studenti scrivono un saggio di 1 minuto su un concetto fondamentale della lezione del giorno. Questi saggi mi danno un riscontro immediato sul modo in cui gli studenti afferrano il materiale e offrono loro l'opportunità di porre domande a cui cerco di rispondere all'inizio della prossima lezione. Scrivere questi saggi conta fino all'8% del voto finale, dando agli studenti un incentivo per venire in classe, cosa che altrimenti potrebbero non fare, date le note della lezione disponibili sul sito web della classe.

So dalle valutazioni del corso che agli studenti piacciono queste innovazioni, ma quello che non so è se queste pratiche stanno effettivamente aiutando gli studenti ad imparare di più. Appare dai voti che gli studenti che non vengono in classe regolarmente fanno peggio degli studenti che frequentano regolarmente, ma non so che la mancata partecipazione è la causa di scarse prestazioni: sia l'assenteismo che i voti bassi possono essere il risultato di un altro fattore come la mancanza di motivazione. Ho provato queste pratiche in parte perché sono coerenti con le teorie dell'apprendimento che legano alla motivazione e all'emozione. Nella metafora di William Butler Yeats, l'educazione non riempie un secchio, ma accende un fuoco.

Tuttavia, mi manca persino la verifica che gli studenti apprendano di più dal prendere il mio corso di Introduzione al Corso di Cognitive dal vivo da me piuttosto che dal prendere la versione on-line attraverso l'educazione a distanza. Chiaramente abbiamo bisogno di molta più educazione basata sull'evidenza, con esperimenti attentamente controllati per fornire una guida su ciò che funziona e cosa no. Molti dei miei studenti sono stati valutati nelle scuole elementari riguardo ai loro "stili di apprendimento" e classificati come discenti verbali, visivi o cinestetici. Ma una recente revisione delle prove non ha motivo di ritenere che tali classificazioni portino a un miglioramento dell'istruzione.

Ho provato una sorta di esperimento per un paio di settimane nel mio attuale corso di etica medica. Ho vietato l'uso di laptop per le lezioni del martedì, sulla base di rapporti che la maggior parte degli studenti li sta utilizzando per scopi di intrattenimento come Facebook, chat, email, Twitter e navigazione web piuttosto che scopi didattici come prendere appunti. Ho rinunciato perché il divieto stava causando un po 'di malevolenza e non ha provocato un calo notevole nell'utilizzo dei laptop nelle mie lezioni del giovedì. Inoltre, come mi ha fatto notare un amico psicologo, questo non era in realtà un gran esperimento, poiché non stavo misurando risultati come i gradi e il controllo di molti possibili fattori confondenti usando tecniche sperimentali standard come l'assegnazione casuale alle condizioni.

Quindi sono imbarazzato nell'ammettere che la mia pratica educativa è poco migliore di psicoterapeuti mal addestrati o di medici male informati che si basano principalmente sulla loro "esperienza clinica" per giustificare le loro pratiche. Tale esperienza non porta sempre a conclusioni false, specialmente quando i professionisti hanno valutato criticamente i loro metodi alla luce delle esperienze degli altri e di se stessi, e quando esiste una certa teoria di base. Ma molte imprese fittizie come l'astrologia e la medicina naturopatica hanno anche persone che rivendicano esperienza clinica; e la ricerca psicologica mostra quanto facilmente il pensiero possa essere distorto da inferenze motivate, preconcetti di conferma, disponibilità, rappresentatività e altre tendenze di errore naturale nella cognizione umana.

Il problema qui è etico, non solo pratico. Gli operatori sanitari come medici e terapeuti hanno l'obbligo morale di usare metodi che sono i migliori per i loro pazienti, e gli educatori hanno anche l'obbligo morale di usare tecniche di insegnamento efficaci. L'educazione basata sull'evidenza ha appena iniziato a indagare sulle pratiche nelle scuole elementari, e spero che un giorno aiuterà una futura generazione di istruttori a fare un miglior lavoro di insegnamento nelle università e nelle università. Forse avremo anche più filosofia basata sull'evidenza …

Solutions Collecting From Web of "Educazione, prove ed etica"