Economia: gli economisti sono irrazionali!

Recentemente ho letto un articolo dell'economista premio Nobel Paul Krugman in cui ha descritto la rinnovata battaglia tra i cosiddetti economisti d'acqua dolce (così chiamati perché sono in gran parte basati presso l'Università di Chicago e altre università del Midwest) e gli economisti di acqua salata (basati principalmente a Princeton, MIT, Berkeley e altre università costiere). Gli economisti di acqua dolce sono discepoli di Adam Smith e sposano i modelli di attori del libero mercato e degli attori razionali. Gli economisti di acqua salata si allineano con John Maynard Keynes e la sua convinzione nel bisogno di regolamentazione nei mercati finanziari e che le persone non sono attori razionali.

Gli ultimi 50 anni sono stati dominati da economisti di acqua dolce che avevano una fede reverenziale nel potere dei mercati liberi (la "mano invisibile" di Smith) e la razionalità delle persone nelle loro decisioni finanziarie. Considerato quanto è successo alla nostra economia nell'ultimo decennio, noto per le sue molteplici bolle (ad esempio Internet, abitazioni, mutui), è difficile credere che qualcuno di questi "mercati efficienti" abbia ancora posti di lavoro, molto meno credibilità nel modo in cui l'economia funziona davvero.

Mi piacerebbe mettere questi economisti sul divano ed esplorare cosa sta succedendo nella loro testa che consente loro di osservare la realtà oggettiva della recente devastazione economica, eppure mantengono ancora sacre le loro convinzioni più basilari, ma ovviamente imperfette, su un libero sistema finanziario basato sul mercato.

Come ho letto di più sui follower di Smith, quelle che sembravano domande abbastanza ovvie mi saltarono fuori di testa:

  • In che universo vivono queste persone?
  • Questi economisti vivono in completo isolamento senza interazione con esseri umani reali?
  • Non sono mai stati innamorati, hanno giocato d'azzardo o fatto sesso?
  • Non hanno mai visto le persone arrabbiarsi, frustrarsi, depresso, eccitato o gioioso e quindi osservare il loro comportamento successivo?

Se mai avessimo avuto risposte a queste domande, avremmo compreso il modo in cui la loro devozione a una mentalità economica chiaramente non è supportata dalla realtà economica. Queste domande mi hanno poi portato a riflettere sul perché della loro dedizione delirante:

  • Questi economisti sono degli automi che scricchiolano il numero che non considerano mai un reale comportamento umano nel mondo reale della finanza?
  • Sono così dottrinari da non vedere l'ovvio?
  • Sono così innamorati della pura eleganza dei loro teoremi matematici che rifiutano apertamente e senza considerazione ciò che è chiaro anche ai laici?

Quello che trovo ironico è che, respingendo l'irrazionalità del comportamento umano, stanno di fatto affermando la sua irrazionalità. Considerare noi stessi come esseri razionali è l'epitome dell'irrazionalità.

Ovviamente non siamo razionali e non hai bisogno di un dottorato di ricerca. per rendersene conto (anche se un grado avanzato dell'Università di Chicago sembra avere l'effetto opposto). Gli esseri umani, per tutto il loro sviluppo cerebrale, agiscono ancora la maggior parte del tempo come gli animali e gli umani hanno per milioni di anni, cioè come creature irrazionali, imprevedibili e non particolarmente intelligenti.

Ciò che trovo così straordinario è che c'è un dibattito. Come un ex professore di psicologia, una volta ha osservato, "Tutta la psicologia fa è etichettare cose che già sappiamo essere vere." Nel mondo Bizarro dell'economia delle acque dolci, questo adagio sarebbe stato modificato in "Tutta l'economia non respinge le cose che già sappiamo di essere vero. "

Per fortuna, il campo emergente dell'economia comportamentale, che è la fusione del pensiero psicologico ed economico, ha generato un crescente corpo di ricerca che dimostra che siamo, in effetti, esseri incredibilmente irrazionali che agiscono in modi non solo mal concepiti, ma che sono spesso controproducenti e talvolta persino autodistruttivi. Esempi di questo comportamento irrazionale possono essere trovati in una varietà di pregiudizi cognitivi ben studiati (per gentile concessione di Wikipedia.com):

  • Effetto carrozzone: crediamo o facciamo le cose perché gli altri credono o le fanno.
  • Distorsione di conferma: ricerca di informazioni che supportano le nostre convinzioni.
  • Illusione del controllo: la nostra convinzione che abbiamo più controllo sui risultati di quanto non facciamo realmente.
  • Déformation professionnelle: guardare le cose attraverso la lente della propria professione ignorando le prospettive più ampie.

L'ultimo pregiudizio cognitivo sembra particolarmente appropriato per gli economisti di acqua dolce che sembrano essere stati così impegnati a sviluppare le loro fantasiose teorie nei loro laboratori che hanno dimenticato di guardare fuori e vedere cosa stava realmente accadendo nel mondo reale. L'elenco di pregiudizi cognitivi a cui soccombiamo va avanti all'infinito con la maggior parte con implicazioni dirette per la comprensione del nostro comportamento finanziario.

Infine, è istruttivo – e spaventoso – considerare il grado di arroganza o di diniego da parte degli economisti di acqua dolce, che presumo siano uomini e donne molto intelligenti. Continuano ad aggrapparsi a teorie ormai screditate, anche se confrontate con prove schiaccianti sperimentali e del mondo reale che dimostrano ciò che tutti gli altri al mondo possono vedere con i loro stessi occhi: gli umani, inclusi gli economisti, non sono razionali!

Solutions Collecting From Web of "Economia: gli economisti sono irrazionali!"