Ecco l'agnello di Dio: il capro espiatorio come difesa dell'ego

[Articolo aggiornato il 7 settembre 2017]

Wikicommons
Fonte: Wikicommons

La difesa dell'ego dello spostamento ha un ruolo nel capro espiatorio, in cui sentimenti scomodi come la rabbia e il senso di colpa vengono spostati e proiettati su un'altra persona o gruppo, spesso più vulnerabile. La persona del capro espiatorio viene poi perseguitata, fornendo alla persona che fa il capro espiatorio non solo un canale per i suoi sentimenti spiacevoli, ma anche dei piacevoli sentimenti di pietà e di ipocrisia indignazione. La creazione di un cattivo implica necessariamente quella di un eroe, anche se entrambi sono puramente fittizi.

Un buon esempio di capro espiatorio è Maria Antonietta, regina di Luigi XVI di Francia, che i francesi chiamarono L'Autre-chienne – un gioco di parole su Autrichienne (donna austriaca) e Autre chienne (altra cagna) – e accusata di essere dissoluta e promiscuo. Quando Maria Antonietta arrivò in Francia per sposare l'allora erede al trono, il paese era già stato in bancarotta per la spericolata spesa di Luigi XV, e la giovane principessa straniera divenne rapidamente l'obiettivo della crescente ira del popolo.

Un esempio più recente di capro espiatorio è l'ex primo ministro italiano, Silvio Berlusconi. Nel novembre del 2011, Berlusconi è diventato rapidamente l'uomo d'oro per il panico che ha travolto l'eurozona, con forze che, all'interno e all'esterno dell'Italia, stavano riuscendo a far depositare il governo in favore di un gabinetto non eletto di tecnocrati. Il comportamento malevolo di Berlusconi in materia sia privata che pubblica difficilmente avrebbe potuto aiutare il suo caso; anche così, è sembrato piuttosto irrazionale attribuire la colpa di una crisi finanziaria internazionale alle spalle di una sola persona, anche se uno sfortunato Primo Ministro d'Italia. Come ha detto in modo sintetico un commentatore, "non trasformare un mascalzone in un capro espiatorio".

Un "capro espiatorio" di solito implica una persona o un gruppo, ma il meccanismo del capro espiatorio può applicarsi anche a entità non umane, che siano oggetti, animali o demoni. Viceversa, i capri espiatori umani sono in varia misura disumanizzati, oggettivizzati e totemizzati; alcuni, come le streghe nell'Europa medievale, sono letteralmente demonizzati. La disumanizzazione del capro espiatorio rende il capro espiatorio più potente e meno inducente al senso di colpa, e può persino prestargli una sorta di inevitabilità cosmica preordinata.

Il termine "capro espiatorio" ha la sua origine nell'Antico Testamento, più specificamente nel capitolo 16 del Libro del Levitico, secondo il quale Dio ordinò a Mosè e Aronne di sacrificare due capre ogni anno. Il primo capro doveva essere ucciso e il suo sangue sparso sull'Arca dell'Alleanza. Il Sommo Sacerdote doveva quindi appoggiare le mani sulla testa della seconda capra e confessare i peccati della gente. A differenza della prima capra, questa fortunata seconda capra non doveva essere uccisa, ma essere liberata nel deserto insieme al suo fardello del peccato, che è il motivo per cui divenne noto come a, o il, capro espiatorio.

L'altare che si trova nel santuario di ogni chiesa è un residuo simbolico e un richiamo a questa pratica sacrificale, con l'ultimo oggetto di sacrificio che è, naturalmente, Gesù stesso. Vedendo Gesù per la prima volta, si dice che Giovanni Battista abbia esclamato: "Ecco l'Agnello di Dio, che toglie il peccato del mondo!" (Giovanni 1:29). E nelle immagini cristiane, Gesù è spesso raffigurato come l'agnello vittorioso di Dio del Libro dell'Apocalisse, con una gamba agganciata ad uno stendardo con una croce rossa, da cui il nome di una delle più famose case di Oxford, The Lamb & Flag ( nella foto). Il sacrificio prescritto nel Libro del Levitico prefigura quello di Gesù, che interpretò il ruolo del primo capro nella sua crocifissione umana, e il ruolo del secondo capro, il capro espiatorio, nella sua divina resurrezione.

Neel Burton è autore di The Meaning of Madness , The Art of Failure: The Anti Self-Help Guide, Hide and Seek: The Psychology of Self-Deception e altri libri.

Trova Neel Burton su Twitter e Facebook

Neel Burton
Fonte: Neel Burton

Solutions Collecting From Web of "Ecco l'agnello di Dio: il capro espiatorio come difesa dell'ego"