Ebola 101: Gestire le paure dei nostri bambini

Quando ero giovane ricordo chiaramente di aver paura di un attacco nucleare dalla Russia. Ricordo anche di aver paura delle api assassine che stavano arrivando dall'Africa. Cosa succede se veniamo bombardati? Cosa succederà alla mia famiglia ea me? Cosa succede se le api assassine mi attaccano? Morirò? Questi non sono pensieri confortanti quando sei un bambino. Sono spaventosi. Non siamo stati bombardati e non siamo stati attaccati da api assassine.

Avanti veloce al 2014.

La scorsa notte a tavola con mia moglie e tre bambini, il mio liceale dice: "Hai sentito della persona che l'ha presa in Texas?" Il mio scolaro elementare dice: "Hai cosa?", E il mio alunno medio, soprannominato Mr. Science, risponde, "Ebola." "Cos'è l'Ebola," mi chiede il più giovane. Come mia moglie (un'infermiera che è brava con le spiegazioni) inizia a rispondere quando Mr. Science dice qualcosa all'effetto di "una malattia che ti uccide con il sangue che esce dalla tua pelle". Oh bene, è utile, penso che la faccia del mio bambino più piccolo impallidisce, i suoi occhi si allargano, e lei sbotta: "Possiamo averlo?"

Inizio partita.

Fortunatamente, io e mia moglie siamo veterani nell'aiutare a gestire le preoccupazioni dei nostri figli. Abbiamo un piano di gioco inespresso basato su anni di esperienza con loro. Non dobbiamo neanche più guardarci mentre passiamo rapidamente alla gestione delle informazioni e al controllo dei danni. Sappiamo che ognuno dei nostri bambini si trova in diversi stadi di sviluppo e ognuno si preoccupa di cose diverse in modi diversi.

Il nostro più grande è molto bravo – ora – a mettere fuori di testa grandi cose paurose e concentrarsi su ciò che ha di fronte a sé – un test giapponese, un ritorno a casa e un cross-country. Il nostro ragazzo di mezzo non ha paura perché ha già dedotto i fatti su come si diffonde la malattia, come potrebbe arrivare negli Stati Uniti e cosa si fa al riguardo. Inoltre, è concentrato nel dare di matto alla sua sorellina molto più che ottenere l'ebola. Il nostro 10enne, tuttavia, sta iniziando a spaventarsi.

Io e mia moglie siamo calmi. Spiega che l'Ebola è un virus che si trova in Africa. "Non più" dice mio figlio. Ancora una volta, molto utile, penso. Respiro profondo. Ok, in primo luogo siamo anche consapevoli che questo è il modo in cui nostro figlio sta gestendo la sua preoccupazione per questo – di essere l'esperto e il pasticcio di sua sorella. Mentre mi sto frustrando con lui riguardo ai suoi commenti, contrastiamo in modo proattivo le sue dichiarazioni: "Un uomo in Texas ce l'ha. Veniva dall'Africa dopo aver aiutato una donna che era molto malata. Presumibilmente ha mentito sul fatto di essere stato esposto ed è stato lasciato entrare nel nostro paese. "Mia moglie sta parlando molto tranquillamente e io resto calmo. Il nostro più anziano, che è molto intuitivo, ci sta guardando per leggere quanto seria sia. Stiamo facendo un buon lavoro – sta cominciando a pensare a come tornare a casa. Il nostro minore fa qualche altra domanda su come lo si ottiene. Mia moglie risponde tranquillamente attraverso il contatto con altri fluidi – non solo attraverso l'aria. Dico calmo che la probabilità che noi o chiunque conosciamo di averla è così piccola non vale nemmeno la pena di pensarci. È soddisfatta (per ora) e torna al suo libro. Mio figlio vede che la porta si è chiusa per spaventarla e torniamo alla nostra serata.

Con la notizia dell'ebola che domina la notizia, scenari simili si svolgono ai tavoli da pranzo, all'ora di andare a dormire, ai giochi di calcio e al tavolo da pranzo a scuola.

Avere paura di un attacco nucleare o di api assassine è stato molto sconvolgente per me. Questi eventi erano fuori dal mio controllo e non c'era nulla che potessi fare al riguardo. Tutto il mio tempo a preoccuparmi di loro era inutile, per fortuna.

Oggi, la nostra situazione attuale con l'Ebola è la stessa per bambini e adolescenti. È molto spaventoso pensare, ma non c'è nulla che possiamo fare al riguardo. Il nostro lavoro di genitori è quello di aiutare i nostri figli a gestire le preoccupanti informazioni comprendendo come pensano e elaborano le informazioni in questo periodo formativo nelle loro vite e dando loro le informazioni necessarie per gestire i loro pensieri e preoccupazioni e mentre rimangono impegnati nella vita alla vita di routine regolare.

Sulla base del mio lavoro con le famiglie e le mie esperienze personali, suggerisco:

• Pensa a come i tuoi figli pensano agli eventi di "preoccupazione" in base alla loro età e maturità

• Filtrare le informazioni in base alla loro età e livello di maturità

• Ridurre al minimo la visione delle notizie, l'ascolto della radio, l'ora dello schermo e il monitoraggio delle notizie e delle immagini su Internet

• Rispondere alle loro domande con calma e con la minima quantità di informazioni necessarie

• Fornire fatti utili e ridurre la paura, ad esempio la probabilità che si verifichi l'evento e il modo in cui viene trasmessa

• Offrire rassicurazione secondo necessità

Che si tratti di attacco nucleare, api assassine, SARS, collasso economico, guerra o Ebola, ci sarà sempre qualcosa che può causare preoccupazione nei giovani. L'obiettivo è quello di dare ai nostri figli (come hanno fatto i nostri genitori) gli strumenti per affrontare la preoccupazione in questo momento e chiudere la paura. Le inattese curve della vita continueranno a venire, ma possiamo vincere il gioco della paura.

Solutions Collecting From Web of "Ebola 101: Gestire le paure dei nostri bambini"