È la paura che ti ferma, o una vera fobia?

Comprendi la differenza tra paure e fobie.

Usiamo tutti il ​​linguaggio in modo diverso. Molte persone usano la parola “fobico” per descrivere la paura e il tremore ordinari. “Sono fobico di volare”, mi ha detto un cliente stamattina. È un alettone bianco che prova una scarica di adrenalina quando il pilota annuncia che sta inserendo l’insegna della cintura di sicurezza perché anticipa una certa aria mossa.

Il mio cliente odia il decollo e l’atterraggio, e si sente leggermente turbato quando vola. Si tortura anche con una certa quantità di pensiero catastrofico prima del volo. Ma non ha una vera reazione fobica al volo. Se lo facesse, potrebbe non salire su un aereo in primo luogo.

Una vera e propria fobia si completa con un cuore che corre, difficoltà respiratorie, sudorazione, un bisogno schiacciante di fuggire dalla situazione e, a volte, un’imminente paura della morte. Provoca un’enorme sofferenza. Un individuo fobico viene afferrato da paralisi di tempeste neurochimiche che rendono consigli irrilevanti come “senti la paura e fallo comunque”. Né aiuta a dire a una persona fobica di prendere un Valium e lavarlo con diversi cocktail durante il volo, ripetendo a se stesso che il viaggio aereo è più sicuro della guida.

Se tu o qualcuno che conosci ha una vera e propria fobia, la buona notizia è che può essere trattata e superata. Questo è particolarmente vero se hai una fobia specifica, anche se l’aiuto è disponibile anche per gli attacchi di panico che colpiscono senza una ragione apparente, e per le fobie sociali che implicano una paura paralizzante delle interazioni sociali o lavorative.

Il trattamento è importante perché l’evitamento non funziona, anzi, rende le cose molto peggiori. La ricerca dimostra che i fobici più duri lavorano per evitare le cose che temono, più il loro cervello cresce convinto che la minaccia sia reale.

Se non sei fobico ma semplicemente terrorizzato, l’evitamento peggiora anche il problema. Potresti aver bisogno di esperienza con l’attività che temi, che si incontri, guidi o alzi la mano in una riunione. Naturalmente solo tu puoi giudicare ciò che sei pronto ad affrontare.

Se salti a destra, potresti imparare che le paurose immaginazioni create dal tuo cervello iperattivo non si realizzano mai. A volte abbiamo davvero bisogno di sentire la paura e farlo comunque.

  • La lotta di Alexander Owens contro la neurofibromatosi
  • La geometria è la chiave del successo futuro? Scommetti il ​​tuo rombo non lo è!
  • Amo un narcisista. Ora cosa?
  • Stop, Drop e Panic
  • Il narcisista
  • Dopo la perdita, il coraggio
  • Il mio dilemma medico
  • Ridi i cani?
  • Google Memo: Race and Gender Gaps e relative soluzioni
  • 12 motivi per utilizzare un piano di pasto in recupero da anoressia
  • Gioco d'azione per il reale
  • MTHFR, metilazione e istamina in condizioni psichiatriche
  • Divorzio: riprendendo il tuo potere
  • I cani vogliono e hanno bisogno di molto più di quello che di solito ottengono da noi
  • Avere una fusione!
  • Resilienza emotiva: 9 modi per essere resilienti nei tempi difficili
  • Sofferenza e trascendenza
  • Opinioni diverse su come rendere gli animali domestici più amichevoli
  • A sostegno di psicoterapeuti flessibili
  • Paradise Lost: una storia dei prossimi 200 anni
  • Follia indotta dal panico
  • Confrontando i genitori disfunzionali: far sballare i Sib
  • Il tuo cane è potenzialmente aggressivo?
  • Come snobbare un troll
  • Debole evidenza per le radiazioni a microonde nell'ambasciata degli Stati Uniti
  • Fare amicizia: quando devo rivelare il mio bagaglio emotivo?
  • Diminuisci il tuo stress da viaggio in questa stagione festiva
  • 5 Cose auto-sabotanti fanno le persone incerte
  • Viaggiare da solo può essere buono per il tuo rapporto
  • Il tuo partner è un fannullone matrimoniale?
  • The People Hurt by Sex Addiction
  • 9 cose che le persone orientate al successo fanno
  • Mia altra madre: essere cresciuto da "The Maid"
  • Overdose e altri miti di droga e dipendenza
  • Collegamenti falsi tra il tempo dello schermo e lo sviluppo cognitivo
  • Smettere di combattere! Riparazione delle relazioni senza parlare