Duplicazione del DNA, autismo e schizofrenia: cosa abbiamo previsto!

In passato, le persone pensavano alla malattia mentale in termini di ciò che si potrebbe chiamare il modello del pregiudizio: essere malati di mente era come essere feriti da una caduta, infettati da una malattia, o mangiati da un cancro: era un danno che gli toglieva il normale funzioni. Infatti, la demenza senile sembrava sottolineare il punto: come altre funzioni corporee, quelle mentali potrebbero semplicemente deteriorarsi con l'età.

La visione diametrica della malattia mentale, d'altra parte, presenta un modello molto diverso e molto più umano. Secondo questo modo di vedere le cose, la malattia mentale non è tanto un infortunio quanto un disturbo in un delicato equilibrio: un po 'come camminare una multa a corda stretta se si mantiene l'equilibrio, ma disastroso se cadi.

E un altro grande vantaggio del modello diametrico è che si riferisce all'esperienza di tutti noi, e non solo dei malati di mente. Tutti sperimentano periodi di stress o di conflitto che possono seriamente minacciare il loro equilibrio mentale e indurre sintomi temporanei, subclinici paragonabili a quelli di disturbi più gravi: astinenza, depressione, ansia, ambivalenza, confusione, compulsioni, pensiero ossessivo, ecc.

Ma proprio come si può staccare una corda stretta da una parte o dall'altra, così il modello diametrico propone che gli squilibri mentali possano essere nella direzione dei disturbi dello spettro psicotico (PSD), come la schizofrenia o quelli autistici (ASD). come la sindrome di Asperger. E alquanto diverso dal modello di lesione della malattia mentale, il modello diametrico suggerisce una possibilità sbalorditiva. Questo è che, proprio come un camminatore a corda stretta potrebbe essere salvato dal cadere da un lato con una spinta nella direzione opposta, così gli psicotici potrebbero trarre beneficio da una dose di autismo e l'autistica una dose compensativa di psicosi.

Come ho sottolineato in questi post precedenti, vi è ora una buona prova che questo meccanismo di compensazione è una realtà. Ma ora una nuova conferma colpisce il più grande studio finora della variazione del numero di copie (CNV) nella schizofrenia (portato alla mia attenzione dal mio collega e coautore della teoria del cervello impresso, Bernard Crespi). Come ho sottolineato in un post precedente, i CNV assomigliano all'imprinting genomico nell'aumentare o diminuire l'effetto di particolari geni per duplicarli o eliminarli. Secondo la nostra teoria, i geni materni e femminili spingono il neurosviluppo verso il PSD e geni paterni e maschili lo spingono verso l'ASD.

Crespi, Summers e Dorus (2009) hanno notato che i casi di sindrome di Williams (in alto a sinistra) con delezioni sul cromosoma 7 hanno deficit visuo-spaziali ma sono iper-sociali e altamente verbali al punto da essere descritti come in possesso di capacità di "cocktail party", e mostrano anche livelli elevati di ansia e fobie. Al contrario, la duplicazione della stessa regione è associata ad abilità visuo-spaziali risparmiate ma a gravi disturbi del linguaggio, ASD e convulsioni (che sono comunemente associate all'ASD). Allo stesso modo, la sindrome di Smith-Magenis (centro sinistra), che presenta delezioni sul cromosoma 17, mostra evidenza di buone abilità verbali, alta socievolezza e una tendenza alla PSD; mentre la duplicazione della stessa regione nella sindrome di Potocki-Lupski è associata ad alto rischio di ASD e convulsioni (in basso a sinistra).

Il singolo fattore di rischio noto più alto per la PSD è una variante della sindrome di Prader-Willi in cui, piuttosto che ereditare una copia del cromosoma 15 da ciascun genitore come accade normalmente, un bambino eredita entrambe le copie dalla madre. Questo raddoppia l'espressione dei geni materni in una regione critica impressa su quel cromosoma, e il progetto Cambridge Prader-Willi – il più grande al mondo – riporta che ognuno di questi casi registrati che raggiunge l'età adulta è stato diagnosticato con un PSD, proprio come predice la nostra teoria (Boer, H., et al. Lancet 359: 135-136).

Crespi, Summers e Dorus osservano anche che la sindrome di Velocardiofacial con delezioni sul cromosoma 22 porta il secondo più alto rischio noto di PSD dopo la sindrome di Prader-Willi (sinistra). Notano anche che la duplicazione della stessa regione è stata collegata all'ASD. Gli autori del nuovo studio concordano con quest'ultima osservazione e aggiungono che il nuovo studio "fornisce una chiara dissociazione opposta tra il rischio di schizofrenia e sia l'ID [disabilità intellettiva] che il disordine dello spettro autistico." Si nota che il fatto "che schizofrenia il rischio può essere potenzialmente ridotto da una lesione che aumenta le avversità dello sviluppo neurologico (indicizzate dal disturbo dello spettro autistico e dal rischio di identificazione), suggerisce che il gene o i geni sensibili al dosaggio potrebbero non solo indicare la via al trattamento, ma potrebbe anche contenere indizi per migliorare la resilienza tra quelli che in genere dovrebbero essere considerati ad alto rischio di disturbo ".

In altre parole, la malattia mentale non si adatta allo stereotipo della ferita. Al contrario, queste scoperte straordinarie e contro-intuitive suggeriscono che sia PSD che ASD si adattano invece al modello diametrico: con tendenze ad un essere protettivo del rischio verso l'altro e viceversa. Inoltre, il fatto che un simile effetto diametrico possa essere dimostrato sia al livello genetico più fondamentale che al più alto livello di sintomi elaborati è un potente argomento per la sua verità – per non parlare della sua bellezza!

(Con ringraziamento e ringraziamento a Bernard Crespi che pubblica il suo commento su questo risultato qui.)

Solutions Collecting From Web of "Duplicazione del DNA, autismo e schizofrenia: cosa abbiamo previsto!"