Duncan Jones on the Moon

Il film di fantascienza Moon è stato presentato venerdì in alcuni teatri selezionati in tutto il paese. Mi sono seduto con il regista del film, Duncan Jones, a marzo per parlare di cinema, intelligenza artificiale, filosofia, teoria della mente, fantascienza e infanzia. Una versione sintetica dell'intervista appare nell'attuale numero di Psychology Today . Ecco una versione più completa. Allarme spoiler.

Matthew Hutson: Cosa succederebbe se fossi bloccato su una base lunare con te stesso?

Duncan Jones: Praticamente [quello che è successo nel film], perché c'era molto di me in esso. Molti di me e Sam [Rockwell, l'attore principale]. Sono cresciuto come figlio unico, come Sam. Questa è una delle cose che abbiamo condiviso e che ci ha dato un buon punto di partenza per discutere di come avremmo fatto il film. Ma penso che il tipo di film faccia la domanda, come sarebbe se ti incontrassi? E nel tempo, penso, sono diventato piuttosto d'accordo con me stesso. Ma ci è voluto molto tempo. Ora ho 38 anni, quindi quando ero più giovane avevo molte preoccupazioni e non conoscevo il mio posto nel mondo e mi ci è voluto molto tempo per sentirmi a mio agio nella mia pelle.

MH: Pensi che il risultato sarebbe stato molto diverso se avessi incontrato una versione più giovane di te stesso nel film?

DJ: Sì, sicuramente. Penso che sia così. Potrebbe essere stato più simile a Sam 2 quando si presenta per la prima volta sulla scena. Era un po 'più aggressivo e un po' più impaziente. Se ce ne fossero due, penso che sarebbe stata una storia molto diversa. Al contrario di avere un ragazzo che ha avuto tre anni per addolcirsi un po 'e sentirsi un po' più a suo agio con se stesso.

MH: hai scritto il film appositamente per Sam.

DJ: l'ho fatto, sì Ci siamo incontrati a New York un paio di anni fa per discutere di una sceneggiatura diversa e lui adorava quella sceneggiatura ma voleva interpretare un ruolo diverso da quello a cui ero interessato a suonare, così ci siamo incontrati a New York e abbiamo provato a convincere l'un l'altro e questo non è successo. Ma siamo andati molto d'accordo e entrambi amavamo la fantascienza e volevo davvero lavorare con lui sul mio primo lungometraggio. Quindi gli dissi che avrei scritto qualcosa per lui ed era quello che era Moon .

MT: Di cosa parla la sua personalità, o la personalità di qualcuno, che ti incuriosisce su cosa succederebbe se mettessi insieme due di quella persona in una stanza?

DJ: Beh, come performer, ogni volta che ho visto Sam, si occupa solo della scena. C'è una vera passione e un'autenticità in tutto ciò che fa. Credi sempre a quello che sta facendo e quello che sta cercando di comunicare. Ma c'è anche una vera empatia e senti davvero sul lato emotivo qual è lo stato di quel personaggio, se ti piace o non ti piace in un dato momento. Non dirò che qualcuno si sentirà male per il personaggio che interpreta in Green Mile , ma allo stesso tempo puoi davvero capire chi è quel personaggio e perché sta facendo le cose che sta facendo. Penso che sia solo perché è così onesto e credibile e volevo solo dargli l'opportunità di affrontare una vera sfida, che credo fosse questo, di interpretare più parti. Ero abbastanza eccitato di vedere cosa avrebbe fatto con quello. E ho cercato di dargli la differenziazione tra i due personaggi e vedere come si verifica il conflitto e come si risolve.

MH: Qual era il nucleo originale di un'idea per il film?

DJ: Era strano, perché, come ho detto, era scritto per lui. C'era già questa lista crescente di cose che sapevo che dovevamo fare. È stato un po 'arrogante in qualche modo perché sapevamo quale sarebbe stato il budget prima di sapere quale sarebbe stato il film. Perché sarebbe stata la nostra prima caratteristica. Avevo uno sfondo per fare pubblicità nel Regno Unito e il tipo di pubblicità che tendevo a fare era una sorta di live action, spot pubblicitari ibridi di computer grafica, quindi erano abbastanza pesanti per gli effetti e avevo una buona comprensione di quali sarebbero stati gli effetti il più conveniente da a. Quindi era essenzialmente questa lista [di criteri]: Sapevamo che avremmo avuto circa cinque milioni di dollari che dovremmo essere in grado di raccogliere per il film. Sapevamo che avrebbe recitato in Sam Rockwell. Sapevamo che volevamo mantenere il cast il più piccolo possibile, e poi sapevamo anche che volevamo anche un ambiente di ripresa controllato, quindi se avessimo potuto, avremmo voluto girare tutto in studio. Quindi quel tipo di mi ha dato un punto di partenza iniziale di ciò che dovrebbe essere la storia. E poi anche la mia vita. Stavo attraversando una relazione a distanza, al momento, che in realtà continuava ad andare dritto attraverso le riprese. E questo ha avuto un impatto piuttosto profondo su di me emotivamente e mi ha dato un sacco di munizioni, come per i sentimenti reali che volevo comunicare nel film. Quindi tutte queste cose si sono unite. E poi l'idea della clonazione e di essere basata sulla luna era quasi secondaria in qualche modo.

MH: L'idea della clonazione è emersa in altri film di fantascienza in passato, ma tu la porti ad un livello più alto ed esplori di più. Ci sono altre idee che hai visto in altri film che altri registi non hanno portato abbastanza lontano e che vorresti esplorare?

DJ: Cloning Non ne sono così sicuro, ma avendo un attore che suona parti multiple, ovviamente era qualcosa che ci interessava molto nel ricercare e vedere quello che altri attori avevano fatto. C'era Dead Ringers di Cronenberg con Jeremy Irons. Avevamo il Criterion Editon del DVD di questo e c'era un'intera sezione di creazione su ciò che era incredibilmente educativo solo sul lato tecnico di come farlo, ma penso anche che per Sam fosse davvero utile vedere cosa Jeremy Irons stava facendo come attore per distinguere tra i due personaggi. Quindi questa è stata una buona educazione a 360 gradi. C'era anche il film di Spike Jonze Adaptation in cui Nicolas Cage suona due gemelli, che per me è stato davvero interessante solo a livello tecnico perché hanno fatto alcune cose in quel film che erano visivamente grandi e in realtà ho avuto la fortuna di avere l'opportunità di parlare con Spike a riguardo e come l'ha fatto. Mi ha dato dei buoni consigli su come si lavora su quale Sam sta guidando la scena e prima lo si riprende. Per quanto riguarda la clonazione. Ci sono film particolari a cui staresti pensando?

MH: hai visto la molteplicità ?

DJ: Multiplicity è un film che abbiamo consapevolmente evitato.

MH: Era leggermente diverso in quanto le caratteristiche in Multiplicity hanno personalità leggermente diverse.

DJ: Era quasi come una fotocopia e ogni volta il personaggio diventava sempre più stupido, da quello che ricordo. Ma nell'accumulo di rendere Moon siamo rimasti lontani da Multiplicity principalmente perché era una commedia ed era una commedia abbastanza ampia e Sam e io volevamo entrambi essere sicuri che i nostri cloni fossero personaggi umani completamente arrotondati.

MH: Perché la domanda "ti piacerebbe te stesso" è importante?

DJ: Penso che dovrebbe essere importante per tutti. Penso che per me quello che lo rende un ottimo punto di partenza per un film di fantascienza, è che si tratta di una domanda molto umana e di una questione molto importante. Tutti noi abbiamo relazioni nel mondo, ma non esiste una relazione più importante del dover trattare con te stesso e di essere consapevole di come sei una persona con cui affrontare e penso che sia qualcosa che non tutti fanno davvero, non tutti prendono il tempo per pensare, cosa mi piace davvero e mi piacerebbe se stessi se dovessi avere a che fare con me. Quindi penso che sia una domanda importante, quindi se in qualche modo il film mette le persone in pausa per avere quella piccola conversazione o indagine con se stessi, sarebbe davvero eccitante.

MH: Non è una cosa così lontana. Le persone hanno dialoghi interni sempre, quindi in qualche modo è un'esperienza sociale solo per essere da soli.

DJ: Penso che tu abbia assolutamente ragione. Non penso che il nostro film sia così lontano. Non penso che sia stato nemmeno un film di fantascienza in molti modi. La posizione sul lato più lontano della luna ti dà isolamento, e la scienza della clonazione ti dà questa situazione insolita, ma in realtà potrebbe essere un gioco teatrale. È una domanda psicologica e filosofica davvero.

MH: hai studiato filosofia al college?

DJ: L'ho fatto, ero al college in Ohio, facevo filosofia e poi ho frequentato la scuola di specializzazione in Vanderbilt a Nashville. Era una filosofia morale generale, ma stavo anche cercando di formulare alcune argomentazioni su come potresti applicare l'etica alle macchine senzienti quando arriviamo a quel punto. E 'stato un po' prematuro.

MH: Il titolo della tua tesi di laurea era "Come uccidere il tuo amico di computer: un'indagine sul problema mente / corpo e come si rapporta alla creazione ipotetica di una macchina pensante".

DJ: Quelle erano cazzate pretestuose, davvero. La carta stessa era abbastanza buona. Aveva delle buone idee ma aveva un titolo stupido, mi dispiace. Quando sei al college, tutto sembra molto più importante di quanto sia in realtà.

MH: Quando mescoli il problema mente / corpo con le macchine pensanti, qualcosa deve venire da quello.

DJ: assolutamente. Stavo esaminando il lavoro di Daniel Dennett con il progetto Cog al MIT, cercando di creare macchine che fossero auto-consapevoli e semplicemente espandendoci dal punto di vista della filosofia morale, dove saremmo stati in piedi se e quando Cog fosse arrivato al punto in cui era consapevole di sé e quali sono i nostri doveri? Possiamo spegnerlo? Solo cose del genere. Daniel Dennett descrive "equivalenza funzionale:" Se qualcosa, per quanto tu sia in grado di percepirlo, sta facendo ciò che ti aspetti da un essere senziente, anche se è completamente artificiale, è tuo dovere trattarlo come una cosa senziente . Questo è tutto sommato. Non avevo bisogno di scrivere un foglio, potrei averti detto in un paio di frasi.

MH: Sembra che anche questo abbia avuto un ruolo nella trama del film.

DJ: In un modo. Gerty [il computer in Moon , doppiato da Kevin Spacey] era la mia antitesi a Cog. L'idea era, Gerty non è senziente. Gerty è in realtà molto, molto semplice in qualche modo. Ha una linea che garantisce che Sam sia al sicuro e si occupi e torni a casa alla fine di tre anni. Questo è il suo lavoro, e inizia quando Sam si sveglia e finisce quando Sam è nel veicolo di ritorno che va a casa. Dopo aver avuto tre anni di non aver nessuno in giro. per quanto riguarda Sam, Gerty è il suo migliore amico, qualcuno su cui poter contare e trattare come un essere umano. Per Sam 2, è solo una macchina e per il pubblico è probabilmente Hal 9000. Ognuno porta il proprio bagaglio a Gerty. Ma Gerty è in realtà molto semplice. Quindi penso che sia abbastanza interessante dal punto di vista psicologico, che Gerty sia la somma di ciò che la gente gli porta.

MH: Penso che vada con la tendenza generale delle cose antropomorfizzate. Le persone lo fanno con i loro iPod.

DJ: assolutamente. Questo è assolutamente il caso. Lo faccio con il mio portatile. Mi odi, mi odi!

MH: Per me le limitazioni di Gerty sono venute alla ribalta quando ho realizzato quanto facilmente potesse essere ingannato. Sam disse: "Sto solo andando fuori a controllare la cosa, lo giuro." E Gerty è tipo, "Okay, ti credo." In qualsiasi essere umano, il rilevatore di cazzate sarebbe esploso.

DJ: Penso con Gerty, in quanto infinitesimale come le probabilità che Sam dicesse la verità, che doveva dargli il beneficio del dubbio. Perché Sam è il ragazzo che è lì per prendersi cura di lui. E se c'erano micrometeoriti o se ci fosse qualche tipo di danno alla base, Sam doveva andare fuori a controllarlo. Quindi, anche se è incredibilmente improbabile, deve lasciarglielo fare.

MH: Pensi molto su quali aspetti dell'interazione sociale sono importanti per simulare nell'intelligenza artificiale?

DJ: È importante che un sistema informatico che sarà in grado di interagire con gli esseri umani sia più che semplicemente come Eliza, tu conosci quel vecchio programma per computer in cui digiti le cose e ti darebbe delle risposte schifose. Non avrebbe superato il test di Turing. Fondamentalmente se si vuole avere un sistema di computer che possa superare il test di Turing, come macchina dovrà essere in grado di auto-referenziarsi e usare la propria esperienza e i dati sensoriali che sta acquisendo per creare fondamentalmente la propria comprensione del mondo e usarlo come punto di riferimento per tutti i nuovi dati sensoriali che ci stanno arrivando. Questo per me è davvero interessante. La mia vecchia fidanzata molto tempo fa con la quale andai a Vanderbilt, finì su una pista di psicologia alla scuola di specializzazione e una delle cose che le chiedevo sempre è quante prove ci sono che un essere umano è un sistema puramente fisico e che ciò che consideriamo la mente è in realtà solo una manifestazione di un sistema fisico, di un sistema autoreferenziale in cui i dati sensoriali arrivano e un qualche tipo di sistema nel cervello che fa riferimento a ciò e confrontandolo con l'esperienza e un piccolo feedback ciclo continuo. Sembrava che ci fosse almeno qualche prova che quello potesse essere il modo in cui le cose funzionano. Non sono certamente un dualista, credo che tutto sia un sistema fisico, quindi per me ha senso e l'unico modo in cui si replicherà un essere senziente in una macchina è creare lo stesso sistema. Sono andato su una tangente davvero grande lì. Per rispondere alla tua domanda, sì.

MH: La fantascienza sembra un ottimo modo per esplorare molte questioni filosofiche.

DJ: La bellezza della fantascienza è che abbassa la guardia del pubblico ;   sono molto più disposti ad aprirsi e si lasciano interrogare e mettono in discussione i propri valori quando pensano che non stiamo parlando del loro mondo o di loro e di cosa sono abituati. Mettilo in un contesto di fantascienza e all'improvviso è un altro, è qualcosa di completamente estraneo a loro, ma puoi effettivamente parlare di qualcosa che è incredibilmente vicino e incredibilmente umano e molto personale, ma perché la loro guardia è giù sono più disposto ad accettarlo. Questo è il motivo per cui ritengo che molte delle migliori pubblicazioni di fantascienza siano storie e idee che approfondiscono la natura umana piuttosto che il flash e il materiale sci-fi sexy che è forse uno dei motivi per cui i film in questi giorni potrebbero fare un passo lontano da quello. Sembra che la ragione per cui mi manca la fantascienza della fine degli anni '70 e '80 è che in quel periodo stavano davvero facendo storie umane interessanti e introspettive che si erano appena verificate in ambientazioni di fantascienza. Ora non lo stiamo facendo così tanto e questo ha spinto i miei tentativi di realizzare un film che avesse quel tipo di appeal.

MH: Pensi che le persone fossero più interessate agli aspetti dello psicodramma negli anni '70 a causa delle limitazioni degli effetti speciali o pensi ci sia qualche altro fattore?

DJ: non la penso così Stiamo parlando di film come Alien e Outland e Silent Running . E 2001 . Non erano persone che erano spaventate da come creare il visual, sapevano come farlo, Ridley Scott e Stanly Kubrick, potevano fare tutto ciò che volevano, se potevano immaginarlo. Penso che la fantascienza non sia stata considerata una ricerca adolescenziale in quel momento. È cresciuto. Era un modo accettabile per sfidare il tuo pubblico. E penso che ora sia considerato un po 'più adolescente, nel cinema, non nella letteratura ma nel cinema. E non so perché sia ​​successo onestamente. Forse ha a che fare con i film d'incassi d'estate e la fantascienza che hanno una sorta di richiamo immediato quando guardi un trailer, che si presta ad esagerare nel weekend. Ma per qualche ragione, le persone hanno evitato di entrare troppo in profondità nella fantascienza in un film. Penso che trovino un po 'imbarazzante prendere sul serio la fantascienza. Sono della mente opposta. Penso che non ci sia migliore [genere] da prendere sul serio rispetto alla fantascienza.

MH: Hai in programma più esperimenti di pensiero che speri di eseguire nella fantascienza?

DJ: Sì, il prossimo film che spero di fare è anche fantascienza. Non ho intenzione di fare fantascienza per sempre, ma è successo che questi primi due progetti siano fantascienza. Di nuovo, non è intenzionale ma questo senso di isolamento e alienazione è interessante per me perché sono cresciuto da solo un sacco di volte . Ho avuto mio padre [David Bowie], ma viaggiava molto e ho trascorso molto tempo da solo. Puoi imparare molto su di te e anche sulle persone in generale mettendole da sole. Quindi il mio prossimo film parla dell'alienazione di essere davvero circondato dalle persone. Quindi in realtà è l'opposto di Moon . È una storia futura della città e parla di un personaggio chiamato Leo che è muto e non è in grado di parlare e di come trova i modi di comunicare e di cosa il mondo si aspetta da lui e di ciò che pensa di essere. E ancora, è un'idea che ognuno porta il proprio bagaglio. E il modo in cui interagiscono con lui è più di ciò che pensano di essere di ciò che è in realtà. Sono molto emozionato. Penso che sarà davvero buono.

MH: questa volta ottieni un budget maggiore?

DJ: Sì, un po 'di budget più grande. È un buon passo avanti. Moon era di circa $ 5 milioni e questo sarà circa $ 20, $ 25 milioni. Sono ancora nei regni di indie-land, ma abbastanza per me da sapere che posso fare qualcosa di veramente impressionante, penso.

MH: Anche con Sam Rockwell?

DJ: Sam sta per fare un cameo. Ne abbiamo parlato quando eravamo a Austin. Lo voglio ancora per il ruolo, ma lui non si sente a suo agio nel farlo perché è un cattivo e in qualche modo vuole andarsene, specialmente ora che sta facendo Ironman 2 , che è un grande film di Hollywood. Penso che voglia tornare alle sue radici un po 'di più. Ma lavoreremo sicuramente di nuovo perché siamo andati molto d'accordo. Ma nel prossimo film, fondamentalmente faremo un piccolo epilogo su ciò che accade alla fine di Moon perché i due film funzionano nella stessa linea temporale; fanno parte dello stesso universo. Quindi, in pratica, c'è una scena in cui il nostro protagonista è in un bar e la TV è accesa e c'è Sam Rockwell che dà le sue prove a un grande panel su quello che gli è successo sulla luna. In realtà c'è un sacco di Sam Rockwell. Quindi sarà molto divertente.

MH: Quindi una cosa interessante che è nata nel film è se puoi illuderti. Sembra che tu ti conosca dentro e fuori in modo da poter vedere attraverso tutti i tuoi schemi. Come due specchi l'uno di fronte all'altro, quanti livelli in profondità hai bisogno di guardare? Ok, pensa che penso che pensi che penso che pensi che lo farò, quindi lo farò.

DJ: [ride] Beh, questa è una domanda davvero interessante, voglio dire, pensi che potresti ingannare te stesso. Non sono sicuro che sarei in grado di ingannare me stesso. Forse sono ingenuo, ma a meno che non abbia ragione di credere che qualcuno stia cercando di tirarmi la lana sugli occhi, molto spesso potrei prenderli al valore nominale. Se dicono qualcosa su di loro e non ho motivo di dubitarne, lo accetterò.

MH: Stavo cercando di capire se Sam 2 stesse cercando di imbrogliare Sam 1 e se Sam 1 stesse volentieri comprandolo, credendo che sarebbe sopravvissuto al viaggio di ritorno a casa. Non sapevo se sapeva che stava per morire ma sarebbe comunque entrato nel container perché una parte di lui voleva crederci.

DJ: Capisco, quando Sam 1 sta provando il piccolo scomodo contenitore di ritorno dell'elio. Sì, penso che in realtà lui stia cercando di andare d'accordo con il piano di Sam 2 perché non ci sono davvero molte opzioni a quel punto. Non so se Sam 2 stia cercando di ingannare qualcuno a quel punto.

MH: L'intera idea della teoria della mente all'estremo.

DJ: Sì. Pensi che qualcuno ne uscirà, ponendo la domanda su come si sentiranno ad incontrarsi? Hai fatto?

MH: Nel film che stavo chiedendo, cosa avrei fatto in questa situazione? Penso che sia difficile da evitare.

DJ: Beh, va bene. Lavoro fatto.

MH: Hai chiesto a molte persone come andrebbero d'accordo?

DJ: Beh, conosco il mio produttore, quando stavamo lavorando insieme a questo, ha un tipo di personalità molto diverso da me e lui era tipo, non potevo trattare con me stesso tutto il tempo. Non penso che avrei un problema così grande. C'erano alcune persone coinvolte nel processo decisionale che commentavano come si sarebbero sentiti se avessero avuto a che fare con esso. Molti di loro sembravano pensare che non sarebbero stati contenti di stare nella propria compagnia , cosa di cui sono rimasto un po 'sorpreso.

MH: Pensi che sia un segno che non sono emotivamente sani o che è una reazione normale per molte persone?

DJ: Penso che siano loro a fare loro stessi un disservizio e presumendo che siano più difficili da sopportare di quanto non siano in realtà. E se fossero dalla mia parte di una conversazione e hanno visto con cosa dovevano fare i conti, non sono difficili da gestire. Penso che le persone nel complesso siano piuttosto socievoli e brave. Forse sono un ottimista, non lo so. Penso che ci sia una bontà innata nelle persone.

MH: Penso che ci siano relazioni, sia in coppia che in madre e figlia, dove due persone sono troppo simili per andare d'accordo, come se fossero entrambe troppo testarde.

DJ: Sì, certo.

MH: Se potessi incontrare un altro di voi da qualsiasi età …

DJ: da qualsiasi età, wow! Quale? Ooh, questo è davvero difficile. Sarebbe quattordici perché ero appena stato mandato in collegio a 13 anni e non mi piaceva davvero e non ne ho approfittato per fare il miglior uso di quella potenziale educazione che avrei avuto. Quindi sarei stato io a dire a me stesso che sarebbe andato tutto bene, basta affrontarlo. Oppure sarei stato io, probabilmente quando ero tra la metà e la fine degli anni '20, quando stavo appena terminando l'università e andavo a scuola e non ero completamente sicuro di cosa fare della mia vita e mi sentivo davvero giù, sentendomi davvero Ho lasciato giù tutti perché non avevo una vera passione per quello che volevo fare. Mi darei una pacca sulla spalla e dire che sarebbe andato tutto bene.

MH: Qual è stata la reazione della NASA al tuo film.

DJ: Ci siamo divertiti. Avevamo un tizio di nome Tom Jones che lavora come un astronauta nel pubblico. Circa l'80% delle persone nel pubblico erano dipendenti della NASA o pensionati. Ero davvero terrorizzato e intimidito dalla folla, ma loro hanno adorato il film e abbiamo avuto un Q & A in seguito ed è andata davvero bene. E al contrario di tutte le altre domande e risposte in cui le persone hanno appena parlato di come lavorare con Sam, e tecnicamente quanto fosse difficile fare gli effetti, era tutto su "Pensiamo che la base lunare potrebbe assomigliare a questo e noi" Ti dirò perché, stiamo lavorando a questo tipo di cemento usando elementi della luna e acqua ghiacciata "ed è stato grandioso. È stata una vera discussione tecnica sugli elementi del film, quindi è stato molto eccitante. Buona reazione, quindi ero sollevato.

Se vuoi saperne di più sulla luna, soprattutto se sei alle scuole medie, dai un'occhiata al mio libro The Inside Story of the Moon .

Solutions Collecting From Web of "Duncan Jones on the Moon"