Due principi rapidi per trattare con gli studenti

Alla mia università, siamo appena passati a metà del semestre – il punto in cui non ricordo l'inizio del semestre e non riesco a immaginare la fine. I miei studenti sono sconvolti dalla scrittura di un flusso costante di documenti POT e altri incarichi, e sono dispiaciuto di classificarli. Ora è il momento di rafforzare la mia motivazione ricordandomi alcune virtù importanti (vedi, per esempio, un recente articolo di Hawking, Curlin, & Yoon, 2017).

Mentre interagisco con gli studenti in questa faticosa congiuntura, ho bisogno di una dose di compassione, diligenza e rispetto più che un colpo di adrenalina. Ecco due modi per ottenere quello scatto:

Il principio delle interazioni inspiratorie involontarie (la storia della migliore risposta di valutazione a medio termine di sempre)

La scorsa settimana ho somministrato valutazioni dei corsi a medio termine ai miei studenti. Quando ho parlato con loro dei risultati (che erano abbastanza buoni, solo alcune piccole modifiche!), Dico loro questa storia:

Molti anni fa, in una vasta sezione di Intro Psych, uno studente ha scritto questo nella sua valutazione intermedia: "Non capisco come si possa essere così entusiasti in classe ogni giorno." Ho amato quella risposta, ovviamente , ma ho fatto di più che festeggiare. Ho letto il commento alla classe il giorno successivo e gli ho risposto dicendo qualcosa del genere:

Quando andavo al college e alla scuola di specializzazione, ho vissuto interazioni con i professori che mi hanno cambiato la vita. Alcune di queste interazioni erano in classe; alcuni erano fuori classe. Inoltre, né i miei professori né io potevamo prevedere quando sarebbero avvenute tali interazioni. Uno o entrambi non abbiamo riconosciuto l'importanza dell'interazione in quel momento.

Uno di voi potrebbe avere un'interazione con me che cambierà la tua vita, per il meglio, spero! Ma ecco il problema: non so chi sarà lo studente o quando si verificherà l'interazione. Quindi, devo trattare ogni interazione con gli studenti con l'idea che questo potrebbe essere uno di quei momenti .

Mi "vaccino" con questa idea all'inizio di ogni semestre, e ogni volta che ho bisogno di un richiamo. Condividere la storia con i miei studenti attuali mi ricorda il principio e ci fa notare che il college non è solo un esercizio vuoto.

Il principio delle risposte riflessive (la storia del segno di vendita di garage modificato)

Un sabato pomeriggio, molti anni fa, ho visto un poster in una vendita di garage che diceva qualcosa come: "Un giorno spero di essere la persona che il mio cane pensa che io sia!". Sapevo immediatamente cosa dovevo fare. Ma invece di prendere un cane, o addirittura di comprare il poster, sono andato nel mio ufficio lunedì mattina e ho fatto il mio stesso cartello: "COSA FARE SE FOSSE IL TIPO DI PROFESSORE CHE VORREI I MIEI STUDENTI A PENSARE IO SONO?"

Mitch Handelsman
Fonte: Mitch Handelsman

Da allora è sulla mia bacheca dell'ufficio, proprio sotto il mio cartello "Do not Panic" (che aiuta anche!). Visualizzo il segno in vista pubblica come promemoria e mi ritengo responsabile.

Questi principi e le loro applicazioni funzionano nella pratica? Aiuta davvero a pubblicizzarli ai miei studenti? Non lo so. Dovrai chiedere ai miei studenti. Ma io credo questo: una delle ragioni per cui amo andare a lavorare è riprovare per renderle attuali un po 'meglio di ieri.

© 2017 di Mitchell M. Handelsman. Tutti i diritti riservati

Solutions Collecting From Web of "Due principi rapidi per trattare con gli studenti"