Due persone possono avere lo stesso sogno?

wavebreakmedia/Shutterstock
Fonte: wavebreakmedia / Shutterstock

Due o più persone possono condividere lo stesso sogno? Per quanto ne so, non ci sono state indagini scientifiche su questa domanda. Ma ci sono letteralmente migliaia di account ben documentati.

I casi meglio documentati riguardano sogni condivisi da terapeuta-cliente. In questi, c'è un terapeuta professionalmente addestrato che verifica l'affermazione che il sogno sia accaduto sia al terapeuta che al paziente nello stesso periodo. I casi meglio documentati che seguono riguardano persone in relazioni strette come genitori / figli, coniugi o amanti. Coerentemente con l'effetto della vicinanza emotiva nei sogni condivisi, abbiamo anche un sacco di casi ben documentati di gemelli che condividono lo stesso sogno. I casi meno documentati coinvolgono estranei completi che condividono lo stesso sogno. (Abbiamo solo resoconti aneddotici di estranei che hanno vissuto lo stesso sogno perché gli estranei si sono incontrati e si sono riconosciuti l'un l'altro dal sogno!)

Ho scritto dei sogni condivisi dei gemelli in questo blog e ho citato le fonti sui gemelli in quel post. Per le fonti sui sogni condivisi tra terapeuti e clienti, vedere il libro di Anthony Shafton del 1995, Dream Reader . Per le fonti su perfetti estranei che condividono sogni, vedi Curiosità del sogno di Frank Seafield. Puoi anche trovare forum su sogni condivisi in tutto il web. Dobbiamo concludere che le persone ovunque provano occasionalmente lo stesso sogno di un altro individuo.

Cosa dobbiamo fare di questo fatto? Primo, tutto ciò che abbiamo sono resoconti aneddotici. Le persone credono di aver vissuto lo stesso sogno, ma dobbiamo rimanere scettici fino a quando non verranno condotte indagini scientifiche controllate. Inoltre, le due persone coinvolte non sono mai d'accordo su ogni dettaglio del sogno condiviso. Tuttavia, ho imparato a rispettare i resoconti aneddotici nel mondo della ricerca onirica perché questi rapporti sono solitamente affidabili. Non c'è alcun incentivo per le persone a mentire sull'esperienza.

Ci sono alcuni punti in comune tra le relazioni che aumentano la fiducia nella loro affidabilità. Ad esempio, più spesso le due persone coinvolte si conoscono e sono emotivamente vicine. Ovviamente, è più probabile che tu senta parlare di esperienze insolite che coinvolgono due persone se si vedono regolarmente. Inoltre, il modo in cui le due persone in genere scoprono di aver condiviso un sogno è che una persona inizia a condividere il sogno senza sapere che l'altra persona ha avuto la stessa persona finché l'altra persona non salta dentro e finisce.

Le persone spesso riferiscono che non è successo nulla di insolito prima del sogno condiviso. Riferiscono che non hanno parlato dei sogni con l'altra persona prima dell'evento, quindi non vi è alcuna indicazione di effetti di biasing o di innesco. Il fatto che le due persone coinvolte spesso non siano d'accordo su ogni dettaglio del sogno aumenta effettivamente la mia fiducia nel fatto che i rapporti siano conti onesti. Sembra inevitabile che le differenze individuali, che vanno dall'umore al QI alle differenze di memoria, impediscano alle persone di ricordare ogni dettaglio di un sogno, quindi le segnalazioni di un sogno condiviso dovrebbero variare di conseguenza. La piccola quantità di varianza riguardante i dettagli nelle relazioni di sogni condivisi ha quindi senso. È interessante notare che anche i tempi dell'evento possono variare. A volte il sogno condiviso si verifica allo stesso tempo per entrambe le persone. In altri casi, non è così. Ciò che è straordinario è che gran parte del sogno condiviso, a volte includendo piccoli dettagli, è ricordato come sorprendentemente simile o addirittura identico dalle due persone coinvolte, indipendentemente dai tempi delle loro esperienze.

Quindi accettiamo provvisoriamente il fatto di sogni condivisi: due persone possono avere lo stesso sogno. Cosa implica questo per la scienza dei sogni? Se supponiamo che i cervelli producano sogni, dobbiamo supporre che i due cervelli coinvolti fossero negli stati cerebrali appropriati per produrre contenuti identici in due persone. Ciò potrebbe significare che le due persone dovevano essere in stati cerebrali identici e che questi stati identici producevano lo stesso contenuto cognitivo.

Eppure questa opzione mi sembra quasi impossibile data l'enorme plasticità e variabilità delle fisiologie cerebrali tra gli individui. Anche il cervello dei gemelli è molto dissimile. Quindi attribuire sogni condivisi a stati cerebrali identici coincidenti sembra un tratto. Ma altre spiegazioni alternative sono ugualmente poco attraenti: per esempio, due persone che hanno lo stesso sogno sembrano suggerire che i sogni non sono semplici prodotti del cervello addormentato. Invece, si alzano al di fuori di noi e poi "accadono" a noi. Sono in un certo senso indipendenti dalle menti che li registrano e li esprimono. I sogni sono forse prodotti del mondo culturale interpersonale e galleggiano nel morfospazio culturale in attesa di accendere una coscienza individuale.

Ma se fosse così, perché i meme culturali si manifestano come sogni condivisi e non un identico contenuto cognitivo nella vita di veglia? Forse i sogni condivisi sono come forme platoniche astratte che sono più grandi dei singoli cervelli, quindi sono in grado di manifestarsi in diversi cervelli in sintonia con la forma.

Nessuna di queste possibilità mi sembra attraente o plausibile.

In breve, non abbiamo buone spiegazioni per i sogni condivisi. Forse è per questo che la scienza non ha ancora indagato su questi eventi. La scienza non ha spazio per metterli nella sua attuale visione del mondo, ma questa è una ragione in più per investigarli. I fenomeni che sfidano il paradigma sono i dati più importanti per la scienza perché impongono cambiamenti rivoluzionari.

Solutions Collecting From Web of "Due persone possono avere lo stesso sogno?"