Due metà del cervello formano un bellissimo insieme

L'eccellente libro di Iain McGilchrist

Il cervello umano non è molto da guardare; solo una massa grigio-rosata con la consistenza della gelatina solida; ma è la sede della coscienza umana e contiene fino a 100 miliardi di cellule nervose collegate tra loro, ognuna delle quali riceve, elabora e trasmette informazioni ad altre cellule. Secondo Iain McGilchrist, psichiatra e autore di grande successo del Maestro e del suo Emissario , * ci sono molto probabilmente più connessioni nel cervello umano di particelle nell'universo conosciuto. Ancor più sorprendentemente, i due emisferi del cervello, sebbene simili, sono diversi. Il cervello è asimmetrico e il significato di questo è altamente rivelatore.

Le due metà – sinistra e destra – sono collegate l'una all'altra da una fascia compresa tra 300 milioni e 800 milioni di fibre, il "corpo calloso", ma solo circa il 2% delle cellule nervose nella corteccia cerebrale su ciascun lato sono collegate da queste fibre. Inoltre, molte delle connessioni in questo fascio trasversale sono inibitori. Sono progettati per impedire che l'altro emisfero interferisca. Quindi, in misura considerevole, i due cervelli sono in grado di operare separatamente, in parallelo. Sono strutturalmente simili, ma presentano differenze significative di enfasi e funzione; ed ecco un paradosso: sebbene lavorino in modo indipendente, mantengono continuamente un contatto reciproco. Allo stesso tempo, in altre parole, lavorano sia separatamente che insieme. In effetti, nelle giuste circostanze, funzionano come se si trattasse di un tutto unito.

I centri del discorso del cervello si trovano in un solo emisfero, di solito a sinistra, e questo fa parte di un disegno in cui quel lato del cervello tende a trattare "parti", con informazioni isolate. La parte destra si occupa di tutto ciò che è considerato come un "tutto". In generale, il cervello destro silenzioso è in sintonia con qualsiasi cosa sia nuova, mentre la sinistra capace di parlare si concentra piuttosto su ciò che è familiare.

Like a Forest – una rete di cellule cerebrali

Per apprezzare le cose nel loro insieme e nel loro contesto, l'emisfero destro è stato trovato costantemente per mostrare ampiezza e flessibilità di attenzione (come un proiettore) rispetto all'intensità focalizzata di cui l'emisfero sinistro è più capace (come un riflettore). La metà sinistra discerne le cose rimosse dal contesto e divise in parti – parti che è in grado di nominare. Da questi, poi, ricostruisce un "intero" paradossale: un intero che non è veramente intero. È un "intero" inventato, di natura qualitativamente diversa dall'intero insieme di percezione unitaria o "olistica".

Secondo McGilchrist, il cervello umano deve occuparsi del mondo in due modi diversi contemporaneamente. In uno, "viviamo" come persone il mondo vivo, complesso, incarnato, di esseri individuali, sempre unici, per sempre in flusso, una rete di interdipendenze, formando e riformando interi, un mondo con il quale siamo profondamente connessi. Nell'altro, "viviamo la nostra esperienza" come una versione ripresentata, contenente entità statiche, separabili, limitate, ma essenzialmente frammentate, raggruppate in classi, su cui possono basarsi le previsioni.

Le due metà del cervello umano danno vita a due diversi tipi di mondo. L'emisfero sinistro isola, fissa e rende esplicita ogni cosa, ma rende tutto inerte, senza vita e meccanico. D'altra parte, ci dà anche ciò che chiamiamo conoscenza, permettendoci di imparare e fare cose. Il cervello sinistro, associato alla dominanza della mano destra, oltre ad essere la sede della parola e del linguaggio, si occupa di creare e utilizzare strumenti e macchine.

Il cervello destro, che non vede nulla in astratto, solo le cose nel contesto, si interessa a ciò che è vivo e personale. Permette autocoscienza, umorismo, poesia e metafora, e aiuta così a far sentire la nostra vita ricca. Apprezzando tutto, è responsabile riconoscere che i volti sono volti, non solo giustapposizioni di occhi separati, naso, bocca eccetera, come il cervello sinistro li vedrebbe. Riconosce quindi le persone come individui e apprezza anche i cambiamenti estremamente rapidi dell'espressione facciale. È centrale, quindi, per una soddisfacente interazione sociale e per quelle funzioni e abilità che consentono a noi esseri umani di creare legami emotivi. Il cervello destro è coinvolto nelle nostre capacità umane di empatia e compassione. Per estensione, è anche la sede della moralità e il nostro senso della giustizia; queste cose sono strettamente legate alla nostra sensibilità emotiva verso gli altri

Il Logical Left Brain e il Creative Right Brian

Riguardo ai due modi di pensare o conoscere. L'emisfero destro medita in gran parte il pensiero "unitario" o "olistico", poetico, sia / che tipo, che implica il sapere come esperienza. Qui abbiamo il senso di incontrare qualcosa (specialmente qualcuno – una persona vivente unica) nel suo insieme, con tutto il nostro essere, in un contesto particolare. Questo tipo di conoscenza è difficile da tradurre in parole in modo da trasmettere pienamente l'esperienza. L'emisfero sinistro, al contrario, media razionale, dualistico, o / che pensa, che implica "conoscere" qualcosa o qualcuno, di seconda mano, per così dire, da una lista di fatti e osservazioni impersonali su di loro; come la loro data di nascita, altezza, peso, colore degli occhi, colore della pelle e così via.

Entrambi i tipi di conoscenza – unica (cervello destro) e generale (cervello sinistro) – possono, naturalmente, essere applicati allo stesso oggetto o persona. Tutti conoscono "l'argilla", ad esempio, ma solo un esperto ceramista o scultore "conosce" l'argilla abbastanza intimamente da divenire un tutt'uno con essa e usarla, quasi come materia vivente, per creare un oggetto distintivo – forse una semplice ciotola – che è sia utile che bello allo stesso tempo.

Considera questa persistente metafora: "Allora il Signore Dio plasmò l'uomo dalla polvere della terra e respirò nelle sue narici l'alito della vita." (Genesi 2: 7) Dice che noi esseri umani siamo fatti dal suolo della terra, da argilla, da un grande vasaio cosmico che molti chiamano Dio, attraverso un respiro cosmico divinamente creativo ed energia che può essere giustamente chiamata lo Spirito Santo, poiché lo "spiritus" in latino può significare anche "respiro" o "vento". Considera anche questo: "A sua immagine Dio ha creato l'umanità" (Genesi 9: 6), il che aggiunge che, mentre l'universo sacro si espande e si dispiega, siamo capaci di essere anche vasai, sia artigiani che artisti creativi.

Il compito è quello di plasmarci e aiutarci a modellarci a vicenda, in esseri umani più saggi, più amorevoli e compassionevoli. Evolvendo come specie, avremo bisogno di esercitare entrambe le metà del nostro cervello, e imparare meglio – più simpaticamente – a cooperare l'uno con l'altro, per farlo.

Copyright Larry Culliford

* Iain McGilchrist (2009) The Master and his Emissary: ​​The Divided Brain e Making of the Western World , New Haven e Londra; Yale University Press.

I libri di Larry includono "The Psychology of Spirituality", " Love, Healing & Happiness" e (come Patrick Whiteside) "The Little Book of Happiness" e "Happiness: The 30 Day Guide" (personalmente approvato da HH The Dalai Lama).

Tieni d'occhio il prossimo libro di Larry, "Molto rumore per qualcosa: una visione della maturità cristiana" , che sarà pubblicato da SPCK London nel 2015.

Ascolta l'indirizzo di Keynote di Larry alla sezione transpersonale della British Psychological Society tramite You Tube (1 ora e 12 minuti).

Vedi Larry che intervista JC Mac su "Emergenza spirituale" su You Tube (5 min).

Solutions Collecting From Web of "Due metà del cervello formano un bellissimo insieme"