DSM 5 rifiuta "Hebephilia" Tranne la stampa fine

Il premio per il gruppo di lavoro più avanzato di tutti i gruppi di lavoro del DSM 5 deve sicuramente andare al gruppo dei disordini sessuali, creatori di tre proposte straordinariamente off-beat. Fortunatamente, sono stati gradualmente costretti ad abbandonare la loro intera lista dei desideri perché ciascuna delle proposte ha suscitato un'opposizione quasi universale da parte di esperti forensi e ricercatori sui disturbi sessuali. Il primo ad andare era Hypersexuality (dipendenza dal sesso AKA); prossimo stupro (parafilia coercitiva di AKA); e questa settimana il gruppo di lavoro ha finalmente ammesso in tutto, ma la stampa fine che lo stupro statutario (AKA 'hebephilia') non è anche un disturbo mentale. Ma prima di rallegrarci, dobbiamo ottenere fino a tre errori nella stampa fine che devono essere rettificati prima che la sezione sia sicura dall'uso improprio della medicina legale.

1) Definire la pedofilia: un serio malinteso giudiziario si cela ancora nella formulazione recentemente proposta. Ecco il criterio problematico del DSM 5:

"UN. Per un periodo di almeno 6 mesi, un eccitamento sessuale uguale o superiore da bambini puberosi in età prepuberale o precoce rispetto a persone fisicamente mature, come manifestato da fantasie, impulsi o comportamenti ".

La frase "uguale o maggiore" colpisce solo la nota sbagliata. L'interpretazione (o l'interpretazione errata) di queste tre piccole parole può avere enormi conseguenze sulla costituzionalità dell'impegno psichiatrico involontario, come viene applicata nei casi di Predator sessualmente violenti (SVP). Gli statuti SVP richiedono esplicitamente che il disturbo mentale si distingua dalla semplice criminalità. L'autore del reato sessuale deve essere mentalmente disordinato per qualificarsi per gli impegni SVP. Nel nostro paese, non è mai costituzionale forzare semplici criminali in ospedali psichiatrici per tenerli lontani dalle strade come forma di detenzione preventiva.

Questa fondamentale distinzione (resa esplicita dalla Corte Suprema) sembra essere completamente persa nel gruppo di lavoro sui disturbi sessuali del DSM 5. Un'accurata definizione di "pedofilia" deve separare il "pedofilo", raramente incontrato e mentalmente disordinato, dal criminale sessuale molto più comune. La "pedofilia" richiede che l'autore del reato sia intensamente e ripetutamente sessuale provocato da bambini in età prepuberale e che sia la sua fonte preferita o obbligatoria di eccitazione sessuale. Il contrasto è con il semplice criminale che prede ai bambini in modo opportunistico perché sono vulnerabili o disponibili o forse perché è disinibito dalle droghe.

Questo ci riporta alla mancanza di precisione nella dicitura DSM 5. Un criminale drogato può essere attratto "in ugual misura" praticamente da tutto ciò che cammina – che non lo rende un "pedofilo" mentalmente disordinato. Prima di diagnosticare la pedofilia, deve esserci una fissazione consolidata sui bambini in età prepuberale.

La soluzione è piuttosto semplice. La formulazione del DSM 5 dovrebbe sostituire "preferito o obbligatorio" con "uguale o maggiore". L'espressione "preferita o obbligatoria" è fondamentale per il concetto di parafilia, già compare nella sezione sulla diagnosi differenziale nel DSM IV e merita maggiore risalto nel set di criteri del DSM 5. "Uguale o maggiore" perpetuerà la grande confusione sulla Parafilia che ha afflitto la corretta applicazione degli statuti SVP. E ci si chiede come mai "uguale o maggiore" sarebbe mai misurato in modo affidabile – lascia sperare che questo non sia inteso come una scusa per espandere i test fallometrici oltre la propria competenza.

2) Limitare la pedofilia ai bambini in età prepuberale: l'aggiunta di giovani "pubescenti" è un cambiamento ingiustificato e radicale rispetto alla definizione standard di pedofilia. Riflette sul fatto che il gruppo di lavoro del DSM 5 è dominato in modo preponderante da ricercatori collegati a un centro. Hanno mostrato la loro caparbia ambizione di trovare un posto nel DSM 5 per la loro diagnosi di animali domestici: "hebephilia" supportata dal suggerimento non dimostrato che gli uomini attratti da bambini pubescenti hanno un disturbo mentale. A parte i suoi profondi difetti concettuali e la base di ricerca estremamente sottile, la proposta ignora il fatto che lo stupro statutario è commesso per tutta una serie di altri motivi molto più comuni (ad esempio crimine opportunistico, una vittima vulnerabile, indisponibilità di altri partner, immaturità, disinibizione della sostanza , data di stupro, ecc.). La parafilia spiegherebbe solo una proporzione apparentemente piccola dei crimini sessuali commessi con vittime pubescenti che sono sotto l'età del consenso. E sappiamo già che "hebephilia" è stato molto abusato nelle audizioni SVP da valutatori che incolonnano casualmente l'etichetta del disturbo mentale su semplici criminali per porre fine alle protezioni costituzionali contro la detenzione preventiva.

Di fronte all'opposizione universale dal resto del campo, il gruppo DSM 5 è stato costretto a indebolire progressivamente il proprio animale domestico, ma fino ad ora si sono rifiutati di abbandonarlo del tutto. "Hebephilia" perse per la prima volta la sua indipendenza e fu ammantato come Pedohebephilia. Quando questo non è volato, il termine è stato completamente abbandonato nel titolo, ma il concetto è stato inserito nella definizione di Pedofilia, che è stata ampliata per il riconoscimento di un limite di età della vittima di 14 anni. Nessuno ha accettato questo suggerimento stravagante e ora finalmente il gruppo di lavoro torna con "bambini in preda alla pubertà" e cerca di mantenere "hebephilia" come termine nel sottotipo. L'instabilità dei set di criteri associati a questo concetto è un'ulteriore prova del fatto che il fervore per la sua adozione deriva dalla lealtà emotiva piuttosto che dalla revisione ragionata della sua debole base concettuale e di ricerca. Come può il gruppo garantire l'affidabilità della diagnosi quando il concetto ei criteri cambiano ogni mese? Questo non è un modo per sviluppare un sistema diagnostico.

Il gruppo di lavoro può cercare di giustificare l'inserimento di "bambini in età puberale precoce" sulla base del fatto che è menzionato nell'ICD-10. Ciò è fuorviante in tre modi: primo, l'ICD-10 è incoerente: i suoi criteri di ricerca comprendono solo i bambini in età prepuberale; solo la sua descrizione clinica menziona i "primi bambini puberali"; in secondo luogo, l'obiettivo del DSM-5 è di raggiungere la compatibilità con ICD-11 (non ICD-10) e la mia comprensione è che il gruppo di lavoro ICD-11 ha già identificato la frase "bambini primitivi puberali" come un errore che verrà corretto; e in terzo luogo, l'ICD è molto più libero di essere libero nella sua lingua perché non è molto usato per scopi forensi (per non parlare delle audizioni di impegno SVP che portano così conseguentemente alla corretta applicazione della nostra costituzione e degli usi appropriati della psichiatria nella nostra società.

3) Eliminare il sottotipo: "Tipo Hebephillic – sessualmente attratto dai primi bambini pubescenti (Tanner Stage 2-3)".

Forza ragazzi. Questo è assolutamente assurdo proprio di fronte ad esso. I medici sanno davvero quali sono le fasi di Tanner? Anche se lo facessi, come potresti mai determinare la fase di Tanner della vittima. E quanto è affidabile la diagnosi dei diversi stadi di Tanner? Un critico accanito disprezzava le fasi di Tanner come un futile esercizio di "spaccare peli pubici". Mettere le fasi di Tanner in DSM 5 è davvero così stupido. Quindi, tornando al tavolo da disegno, il gruppo di lavoro sui disturbi sessuali del DSM 5. Il grande sogno è perduto – ora almeno assicurati di non rovinare la stampa fine.

E un'altra cosa. Riconoscendo che il jig è in fase di progettazione, i membri del gruppo di lavoro sui disordini sessuali del DSM 5 sono stati ascoltati dicendo che potrebbero dover accontentarsi di un posizionamento di appendice per le loro 3 creazioni di serra. Ciò creerebbe pericoli forensi. Abbiamo appreso dall'abuso di "Paraphilia Not Diversamente Specificato" nei casi SVP che qualsiasi legittimizzazione (anche remota) da parte del DSM 5 è certa di essere fraintesa e mal utilizzata in aula.

Vi lodo per un'eccellente discussione su questo e su molti altri aspetti relativi alla sezione Parafilia di DSM 5 in una lettera aperta di Richard Wollert e Thomas Zander. I professionisti della salute mentale che si occupano di questi problemi possono aderire nel tentativo di migliorare la parafilia del DSM 5 in modo che non continui o peggiori ulteriormente la confusione causata dalla sezione mal scritta del DSM IV. .

Vedi: http://bit.ly/LetterDSM

Solutions Collecting From Web of "DSM 5 rifiuta "Hebephilia" Tranne la stampa fine"