Drugs di gateway per le masse

Come tutti possiamo attestare dalla nostra esperienza personale, pensare al futuro può essere stressante. Quando ci impegniamo in un'attività di fuga – diciamo, sistemandoci con un romanzo storico leggero o andando al cinema a guardare il film campione d'incassi di quest'estate – è questo tipo di stress che cerchiamo di sfuggire. È interessante notare che il mondo delle fughe non deve essere fittizio: le elucubrazioni sul futuro potenziale o, in effetti, sul passato su cui preferiremmo non soffermarsi, possono essere efficacemente evitate evadendo nel presente reale. Come ha detto Omar Khayyam,

Ah, riempi la Coppa: -gli stivali lo fa ripetere

Come il tempo sta scivolando sotto i nostri piedi:

TOMORROW non nato e morto IERI,

Perché preoccuparsi di loro se OGGI sia dolce!

Anche se probabilmente non è ciò che la persona edonista del rubayiat di Khayyam avrebbe approvato, la fuga nel momento presente non ha bisogno di coinvolgere un'attività piacevole e continua per essere efficace: concentrare semplicemente la mente sul presente può fare il lavoro. Questa osservazione è, naturalmente, la base della meditazione di consapevolezza, una pratica tradizionale la cui efficacia è ora confermata da studi scientifici.

Per comprendere in termini cognitivo-psicologici cosa significa focalizzare l'attenzione sul presente, dobbiamo renderci conto che il sé umano – come ci si sente ad essere me – non è unitario, né è inanalizzabile. Una delle distinzioni che si possono trarre qui è tra sé narrativo ed esperienziale. L'auto narrativo nasce dalle storie che giriamo continuamente su noi stessi (principalmente per il nostro consumo) e che possono essere trovate, in una forma ridotta di serie di ricordi episodici, anche in specie animali che non hanno linguaggio. Poiché le storie in genere si estendono nel tempo non solo nel passato ma anche nel futuro (e così anche nei ricordi episodici, che sono uno dei principali strumenti di previsione, come ho spiegato altrove), la componente narrativa del sé è ciò che possiamo i tempi vogliono fuggire.

Il sé esperienziale, in confronto, è tutto dentro e intorno al presente: questo schermo del computer, questa nuvola d'aria profumata dall'erba e un pizzico di pioggia che entra dalla mia finestra aperta, questo crampo alla gamba che ho bisogno di muovere – ora . Studi come quello di Norman Farb e colleghi ( Frequentando il presente: la meditazione di consapevolezza rivela distinti modi neurali di autoreferenzialità , SCAN 2: 313-322, 2007), che ha analizzato il cervello dei soggetti in due condizioni, Narrativa Focus ed Esperienziale Focus, suggeriscono che queste due modalità di auto-bias consapevole sono in effetti caratterizzate da distinti modelli di attivazione relativa di diverse regioni del cervello. Questa distinzione, a sua volta, ha ramificazioni per la ricerca della felicità:

"[…] La capacità di disimpegnare la narrativa estesa temporalmente e di impegnarsi in più modalità neurali momentanee di autofocus ha importanti implicazioni per i disturbi dell'umore e dell'ansia, con l'obiettivo narrativo di aumentare la vulnerabilità della malattia (Segal et al., 2006). Viceversa, un crescente numero di prove suggerisce che l'avvicinamento all'autoesperienza attraverso un focus più centrato sul presente può rappresentare un aspetto critico del benessere umano (Davidson, 2004). "

Trovo molto gratificante che le antiche intuizioni sulla natura umana offerte da uno dei miei sistemi filosofici e spirituali preferiti (il Buddismo, in molte delle sue varietà) siano corroborate dalla scienza del cervello. Come scienziato, devo tuttavia notare che per la stessa ragione per cui la meditazione di consapevolezza e simili pratiche spirituali sono efficaci nel promuovere il benessere personale momento per momento, è probabile che abbiano effetti collaterali sia personali che sociali negativi in la lunga corsa.

A livello personale, vivendo nel presente – un'impresa difficile, per la quale si deve superare una spinta evolutiva profondamente radicata a continuare a riflettere sul passato ea dare una occhiata al futuro – per definizione si toglie l'idea dall'esperienza passata e forse dal miglioramento il proprio destino A livello sociale, una ritirata di massa nel presente porterebbe a un collasso catastrofico. (Si noti che un ordine monastico carico di nient'altro che la contemplazione avvantaggia la società in generale solo sotto l'assunzione di un'agenzia soprannaturale che equilibra il "karma" collettivo, un'ipotesi per la quale esistono poche prove scientifiche, visto che "il tempo e il caso accadono a tutti quanti. "Ci sono prove che fare del bene, come riempire la ciotola di un monaco con il riso, contribuisce al benessere del donatore, ma con la stessa logica dovrebbe pagare le tasse, se queste vengono spese per il benessere sociale piuttosto che per combattere guerre inutili.)

Molto più preoccupante delle prospettive di una società del collasso finale dei meditatori è il modo in cui un'eccessiva attenzione da parte dei membri della società al loro benessere individuale momento per momento erode le basi del contratto sociale umano (esso stesso un evolutivo retaggio – contrariamente alle fantasie di Ayn Rand, non siamo una specie individualistica). Questa erosione è mediata da un intero gruppo di meme, su ognuno dei quali si potrebbe chiedere "Cui bono?" ("Chi beneficia?", Vedi il mio post precedente) e la risposta sarebbe sempre la stessa: i ricchi, a spese dei non abbienti. Questo è sicuramente vero per il meme focus-on-the-present: i meditatori della mindfulness hanno meno probabilità di assaltare il palazzo e di dividere il grano immagazzinato nel suo seminterrato. Ecco alcuni esempi aggiuntivi, da altre tradizioni spirituali:

Chi è ricco? Lui che è felice con il suo destino.

Talmud (Mishna Avot 4: 1)

E questo:

E ancora vi dico: per un cammello è più facile passare per la cruna di un ago che per un uomo ricco entrare nel regno di Dio.

Matteo (19:24)

E questo:

E alzò gli occhi sui suoi discepoli, e disse: Sii benedetto, povero, perché il tuo è il regno di Dio.

Luca (6:20)

Tanto per il meme, purtroppo purtroppo popolare nei social media liberali, che Gesù era un socialista. Ascolta, per un cambiamento, se sei curioso di sapere quale potrebbe essere il vero cambiamento, a Cisco Houston o Woody Guthrie:

Mangia, ciao e ciao

In quella terra gloriosa sopra il cielo

Lavora e prega, vivi con il fieno

Otterrai una torta nel cielo quando morirai.

È una bugia.

E se cerchi una scienza che parli di queste idee, leggi Solt et al. ( Disuguaglianza economica, potere relativo e religiosità , Social Science Quarterly, 92: 447-465, 2011):

" Obiettivo . Che effetto ha l'estensione della disuguaglianza economica all'interno di un paese sulla religiosità delle persone che vivono lì? Con l'aumentare della disuguaglianza, la religione serve principalmente come fonte di conforto per i poveri e gli impoveriti o come uno strumento di controllo sociale per i ricchi e i potenti? Metodi Questo articolo esamina queste domande con due analisi complementari di disuguaglianza e religiosità: un'analisi multilivello dei paesi di tutto il mondo per oltre due decenni e un'analisi delle serie storiche degli Stati Uniti per mezzo secolo. Risultati La disuguaglianza economica ha un forte effetto positivo sulla religiosità di tutti i membri di una società indipendentemente dal reddito. Conclusioni . Questi risultati supportano la teoria del potere relativo, che sostiene che una maggiore disuguaglianza produce più religiosità aumentando il grado in cui le persone benestanti sono attratte dalla religione e hanno il potere di modellare gli atteggiamenti e le convinzioni di coloro che hanno meno mezzi ".

Riassumendo: la pratica di vivere il momento può impedire lo sviluppo individuale e il progresso sociale. Pensaci. Adesso.

Solutions Collecting From Web of "Drugs di gateway per le masse"