Dreams and the Many Worlds Interpretation of Quantum Physics

Tanta spazzatura è stata scritta sulla coscienza e la fisica quantistica che ho esitato a guadare nella palude. Credo tuttavia che qualcosa di interessante e sostanziale possa essere ottenuto conducendo esperimenti di pensiero riguardo alla relazione della fisica e della coscienza quantistica se usiamo l'interpretazione dei molti mondi (MWI) dei fenomeni quantistici, così come l'esperienza del sogno come in per coscienza. Dato che questo è un esperimento mentale, ritengo anche che valga la pena introdurre alcuni dei "mondi possibili", la filosofia sviluppata da molti filosofi moderni per risolvere enigmi in logica modale, in particolare la versione sviluppata da David Lewis.

Ma prima MWI: Secondo la versione Everett di MWI, ogni volta che viene eseguito un esperimento quantistico con diversi risultati possibili (questo si ottiene probabilmente per tutti i fenomeni che esibiscono dinamiche caotiche), tutti i risultati sono ottenuti, ma vediamo solo un risultato; quello misurato / osservato in questo mondo. Gli altri risultati si verificano in realtà, ma ciascuno in un mondo diverso! Questi altri mondi invisibili sono considerati assolutamente reali. Obbediscono alle leggi della fisica proprio come fa il nostro mondo. Quando viene eseguito l'esperimento e si verifica una misurazione, il mondo corrente viene scisso o si dirama in una nuova cronologia. Il nuovo mondo è un duplicato del mondo genitore fino all'ultimo atomo ma avrà una nuova storia leggermente diversa e controfattuale rispetto al mondo genitore e a partire dall'evento di ramificazione stesso. Affinché si verifichi un evento di ramificazione, deve essere soppressa la coerenza della sovrapposizione di 2 pacchetti di particelle d'onda localizzate (decoerenza) rispetto all'interazione in evoluzione di un sistema quantico con i suoi ambienti interni ed esterni. Una volta che si verifica la decoerenza si verifica un evento di ramificazione e nasce un nuovo mondo.

Una domanda molto ampia è che qualcuno di questi mondi (sia in MWI che in un framework Lewisiano) interagisce tra loro? I segnali possono essere scambiati tra mondi? Nel possibile quadro dei mondi sviluppato da David Lewis e altri filosofi, i mondi non possono interagire. Né è chiaro se MWI consenta l'interazione tra i mondi. Alcuni teorici di Everettian sembrano sostenere che i mondi alternativi sono così lontani dalla Terra che i segnali di informazione non possono essere scambiati tra i due mondi. Se non è possibile alcuna interazione, gli individui sono vincolati dal mondo e anche se abbiamo copie di noi stessi in altri mondi, essi sono semplici controparti degli individui nel mondo dei genitori. Ho una controparte in ogni mondo figlia che inizio, ma anche se la mia controparte è identica a me sotto ogni aspetto, queste controparti non sono io, ma semplici controparti.

Ci sono alcune ragioni per credere comunque che i mondi possano interagire. Come è stato sottolineato da altri se una controparte ha un cervello identico al mio e memorie identiche ecc. Allora dalla legge dell'identità di indiscernibili la controparte sono io. Poiché la controparte sviluppa una storia che diverge dal mondo genitore tutto è possibile ma al momento del suo inizio deve essere me stesso. Se lui è me, allora l'interazione deve essere possibile in quanto posso infallibilmente sapere cosa sta pensando l'altro (almeno all'inizio dell'evento ramificato) e questa è un'autentica conoscenza dell'altro mondo.

Un altro motivo per credere che lo scambio di segnali tra i mondi potrebbe essere possibile è il seguente: Secondo il possibile quadro dei mondi per dire che le cose potrebbero essere diversamente per me è dire che c'è letteralmente un mondo in cui sono in realtà diversi nel modo rilevante per me. Ma se nessuna interazione con quell'altro mondo è possibile per me allora il fatto che il mondo alternativo esista realmente nel modo rilevante non è disponibile per me e, a tutti gli effetti, la libertà è un'illusione e vivo in un mondo di necessità metafisica .

Ma la mia esperienza contraddice direttamente questa supposizione. Posso formulare controfattuali sulla mia esperienza e farlo ogni giorno (indipendentemente dal fatto che la libertà sia un'illusione). Sembra proprio che le cose potrebbero essere andate diversamente per me in una miriade di modi praticamente in ogni istante della mia vita. Quindi se accetto la mia esperienza di azione libera e contingenza nella mia vita come vera e se l'idea dei molti mondi è corretta, allora deve essere permessa un'interazione tra mondi.

Ora supponiamo che la limitatezza del mondo sia errata o almeno possa essere allentata come un vincolo sia per MWI che per la possibile struttura dei mondi; cosa segue per la natura e le funzioni del sogno? Innanzi tutto, il sogno consiste in gran parte in simulazioni controfattuali di ciò che avrebbe potuto essere e ciò che potrebbe essere per il sognatore. Una prima ipotesi predefinita e facile sarebbe allora che il sogno effettivamente descrive realmente eventi che si verificano in un mondo alternativo reale che si sviluppa dall'evento di ramificazione iniziale. Dato che le simulazioni controfattuali sono costruzioni di storie e futuri alternativi per il sognatore, chiediamo dove avvengono queste storie alternative. Il senso comune e la risposta più ragionevole è, naturalmente, che si verificano nella mente del sognatore.

Ma questo è un esperimento mentale per cui possiamo chiederci: se la struttura dei molti mondi è corretta e sognare consiste in simulazioni controfattuali di ciò che potrebbe essere stato e ciò che potrebbe essere per il sognatore in un mondo che si dirama dal mondo dei genitori del sognatore, allora è Possibile che i sogni rappresentino effettivamente ciò che accade nella vita della mia controparte nel mondo alternativo in cui vive? Se questo è il caso, i miei sogni sono portali nella vita di uno di questi mondi ramificati previsti dal MWI.

Se questo è il caso, allora possiamo chiedere ulteriormente a cosa sogna la controparte del sognatore nel mondo della figlia? Se hai una controparte in un mondo alternativo, ha dei sogni. Cosa sogna? Probabilmente sta sognando di te (la sua controparte) e degli eventi della tua vita. Quindi, le simulazioni controfattuali della controparte sono rappresentazioni reali e accurate della tua vita reale? In questo caso ora abbiamo una risposta a tutti quei molti filosofi che hanno chiesto è la vita ma un sogno? La risposta è letteralmente sì; il sogno di una controparte per te che vive in un universo ramificato che è un mondo figlia per il tuo mondo.

Sotto questo scenario il contenuto dei sogni sarebbe una semplice percezione delle vite delle vostre controparti che vivono nei mondi delle figlie del vostro mondo e l'interpretazione dei sogni sarebbe una semplice questione di verificare ciò che sta accadendo nella vita delle vostre controparti in quanto vengono creati ogni volta che si verifica un evento di ramificazione. Sogni lucidi sarebbero tentativi di alterare le storie di un mondo alternativo e così via …

Questo semplice esperimento di pensiero ci insegna qualcosa di interessante sui sogni? Sì, se l'esperimento mentale ha alcuna veridicità suggerisce che sognare è un processo percettivo più che un processo di memoria. Anche se IWM e mondi possibili non sono realtà e non hanno rilevanza per i sogni, l'esperimento mentale suggerisce che la misura in cui le simulazioni controfattuali si verificano nei sogni suggerisce che viviamo tanto nel regno immaginativo, controfattuale dei sogni, quanto nel mondo reale. . Questo perché la nostra sensazione che le nostre vite potrebbero essere andate diversamente dipende sostanzialmente da simulazioni controfattuali che si verificano ogni notte nei nostri sogni. Ma l'esperimento mentale è costruito su così tanti tentativi che può essere considerato solo a questo punto semplice speculazione se non completa spazzatura.

Solutions Collecting From Web of "Dreams and the Many Worlds Interpretation of Quantum Physics"