“Dr. Google, "amico o nemico?

Pixabay
Fonte: Pixabay

In un pezzo di qualche anno fa, ho raccontato la storia di essere stato riferito a due dermatologi. Avevo due irritanti condizioni della pelle, e ciascuno dei dermatologi era un esperto di uno di loro, quindi mi hanno dato due rinvii. (So ​​quanto sono fortunato ad avere questo livello di assistenza sanitaria attraverso il mio HMO.)

Qualcosa di divertente è successo ad ogni visita.

Dopo aver esaminato me e aver preso una decisione su un corso di trattamento, il primo dermatologo ha detto: "Quando torni a casa, non cercare questa condizione su Internet perché otterrai troppe informazioni e diventerai confuso e spaventato".

Dopo aver esaminato me e aver preso una decisione su un corso di trattamento, il secondo dermatologo ha detto: "Quando torni a casa, guarda questa condizione su Internet perché vorrai imparare tutto ciò che puoi su di esso."

Cosa deve fare un paziente? Consultare il Dr. Google o no?

Come risultato di oltre sedici anni di malattie croniche, Google mi ha trasformato in un esperto nel trovare informazioni mediche su Internet. Mio marito si meraviglia di quello che posso inventare per curare disturbi minori e ferite che, alcuni anni fa, ci avrebbero fatto fare un appuntamento con un dottore.

Per me, la risposta a se Google è amico o nemico è che è entrambe le cose. Google (o qualsiasi motore di ricerca) è una borsa mista. La gamma di informazioni è sorprendente. A volte può essere tremendamente utile. Altre volte, tuttavia, può portarmi sulla strada sbagliata, dandomi informazioni inaccurate e persino spaventandomi inutilmente per un problema di salute. Amo Google, ma le probabilità che si tratti di "nemico" anziché di "amico" aumentano di molto a meno che non eserciti il ​​mio buon senso e il mio buon senso quando la utilizzo.

Ecco alcune delle esperienze che ho avuto con il Dr. Google, prima come amico , poi come nemico . Spero che servano da guida per usare saggiamente Google. Non è facile da fare, questo è sicuro.

Amico!

Un dito del piede bisognoso

L'anno scorso ero sicuro al 90 percento di aver infranto la mia punta destra, quella che si trova vicino al mio alluce. Dall'esperienza precedente, sapevo che, anche se avessi portato il dito del piede dal dottore, il trattamento se si fosse rivelato non funzionante sarebbe stato incollarlo al dito del piede accanto ad esso. Il mio alluce era su un lato di esso. Il mio dito medio era dall'altra. Sembrava logico per me registrarlo al dito che somigliava di più e quello era il dito medio. Quindi è quello che ho registrato.

Il dolore è peggiorato. Supponendo che fosse dovuto alla mia mancanza di capacità di registrazione, ho continuato a riprenderla, ma non ha fatto alcuna differenza. Ho provato anche su scarpe diverse per vedere se si fornirebbe una protezione sufficiente per darmi un po 'di sollievo. Senza fortuna. Per due giorni, provavo un dolore terribile ogni volta che facevo un passo.

Poi una lampadina si accese nella mia testa: chiedi al dottor Google! Mi ci è voluto meno di un minuto per scoprire che avrei dovuto annodare il dito del piede rotto al mio alluce, non al mio medio. La ragione sembrava così ovvia una volta che l'ho letta: quando una persona cammina, il dito medio si sposta automaticamente verso l'esterno (verso il loro piccolo dito del piede). Quindi, per me, ogni volta che ho fatto un passo, il dito rotto veniva tirato verso l'esterno insieme al dito medio a cui era attaccato. Non c'è da stupirsi che facesse tanto male! Non appena l'ho attaccato al mio alluce, il palpito si è fermato. Quel giorno, il dottor Google mi è venuto in aiuto.

Sollievo da "il ladro del sonno:" Sindrome delle gambe senza riposo

Prima di diventare cronicamente malato, ho sviluppato un disturbo neurologico chiamato sindrome delle gambe senza riposo. Quando ricevo un attacco di RLS, le mie gambe non sono irrequiete. Sono presi da ondate di sensazioni spiacevoli che sono così insopportabili, sono costretto a muovere le gambe per cercare di ottenere sollievo. Dopo ogni ondata, le sensazioni si abbassano, solo per tornare entro un minuto. Questo può andare avanti per ore. Quando un attacco arriva di notte (cioè quando RLS si verifica più spesso), è impossibile dormire. Il risultato può essere una notte insonne, ovvero una giornata molto lunga e spiacevole.

Quando ho sviluppato per la prima volta la sindrome delle gambe senza riposo, ho trascorso ore su Google, cercando siti con informazioni sulla condizione. Ho trovato varie idee per il sollievo, ma niente ha funzionato. Poi mi sono imbattuto in un'organizzazione RLS nel sud della California che aveva un neurologo a bordo che era disposto a consultare gratuitamente i pazienti. Gli ho mandato un messaggio. Mi suggerì di chiedere al mio dottore su Mirapex o Requip, due farmaci di Parkinson che, a dosi molto basse, aiutavano con RLS. Ho preso le informazioni dal mio medico. Sulla base di ciò che gli ho portato, ha accettato di prescrivere una dose bassa di Mirapex, anche se si trattava di un uso off-label del farmaco.

Ha letteralmente cambiato la mia vita. Ancora una volta, ho potuto dormire tutta la notte. Circa dieci anni dopo, la FDA ha approvato sia Mirapex che Requip per il trattamento della sindrome delle gambe senza riposo. Dipendo ancora da Mirapex per RLS. Dieci anni prima, il mio dottore non sapeva che questi farmaci potevano essere d'aiuto ma, fortunatamente, il Dr. Google mi ha condotto da un neurologo che l'ha fatto.

Dr. Google, DVM

Di recente ho appreso che il dott. Google ha diversi diplomi avanzati di cui non ero a conoscenza, incluso il dottore in medicina veterinaria. Quando ho accidentalmente tagliato un unghie del mio cane Scout un po 'troppo corto, ha iniziato a sanguinare così tanto che ovunque camminava ha lasciato una impronta di zampa rossa. Non la preoccupava minimamente, ma ero convinto di aver fatto qualcosa di terribilmente sbagliato e sarebbe stato meglio che il sanguinamento si fosse fermato rapidamente.

Ho provato a metterlo sotto pressione per dieci minuti. Quando ciò non ha funzionato, ho consultato il Dr. Google, DVM. La prima cosa che ho scoperto è che questo profuso sanguinamento era una reazione comune a un chiodo tagliato un po 'troppo corto, e non era qualcosa di cui dovevo preoccuparmi. Ho anche trovato una grande quantità di suggerimenti per fermare l'emorragia. Ho usato quello che avevo a disposizione – amido di mais – e ha funzionato immediatamente. Questo rimedio non mi sarebbe mai venuto in mente. (Sfortunatamente, Google Doc non pulisce anche il sangue dai pavimenti o dai tappeti: mi è toccato questo compito).

Nemico

Google come DVM di nuovo: il caso della condizione di suono spaventoso che non è mai stato

Quando Scout era ancora un cucciolo, un giorno, mentre stava mangiando, la sua gamba posteriore sinistra sembrava andare in uno spasmo. Non urlò di dolore, ma non sembrò calpestare la gamba e cominciò a saltellare per la stanza su tre arti. Immaginavo che ci fosse qualcosa nella sua zampa, ma non riuscivo a trovare nulla. Preoccupato, a dir poco, ho consultato il Dr. Google, DVM.

Ho trovato diversi siti che dicono che Labrador Retrievers (Scout è uno) sono inclini a una condizione con il nome minaccioso, Ipertermia maligna canina. È una malattia ereditaria caratterizzata da improvvisi tremori muscolari, rigidità muscolare, convulsioni e, in casi gravi, da coma.

L'informazione ha spaventato le luci viventi di me. Abbiamo avuto un appuntamento con il nostro veterinario in pochi giorni per l'ultimo set di tiri da cucciolo di Scout, così ho deciso di aspettare fino ad allora e discuterne con lei a meno che non succedesse di nuovo, nel qual caso mi metterei in contatto con lei immediatamente. Anche se avevo un piano con cui mi sentivo a mio agio, mi sono preoccupato fino all'appuntamento con il veterinario. All'appuntamento, il nostro veterinario è sembrato divertito da quello che mi è venuto in mente in seguito alla mia consultazione con il Dr. Google.

Cosa si è rivelato essere? Un crampo muscolare. Tutta quell'energia sprecata per preoccuparsi. Oh beh, sono sicuro che lo farò di nuovo.

Valutare gli effetti collaterali di farmaci e trattamenti leggendo forum in cui le persone discutono le loro esperienze personali

Non mi aspetto che tutti siano d'accordo con me qui – e va bene – ma sono diventato diffidente nei confronti dei siti basati su persone che pubblicano le loro esperienze personali con farmaci e trattamenti. Non è che le loro intenzioni non siano buone; stanno solo cercando di essere utili. Ma penso che sia probabile che non otterrai un quadro preciso delle probabilità di un farmaco o di un trattamento che causa questo o quell'effetto collaterale. Questo perché la maggior parte delle persone che inseriscono in quei forum sono, purtroppo, in difficoltà con un farmaco o un trattamento. (Google ti condurrà in un sito dove qualcuno ha mai menzionato la terapia o il trattamento).

Anche se imparare un po 'sulle esperienze delle persone può essere utile, dall'altra parte del utile è il problema che, quando trovi qualcuno che segnala un effetto collaterale negativo ("Sono scoppiato in alveari in tutto il corpo" o "Ho avuto il mal di testa peggiore della mia vita "), non si sa se si tratta di una reazione che si verifica in un caso su dieci, uno su 100.000 casi o uno su un milione. Sì, ci sono alcuni siti che compilano il numero di persone che segnalano vari effetti collaterali, ma ho scoperto che l'uso di Google in questo modo mi porta a preoccuparmi e ad aspettarmi il peggio da un farmaco o un trattamento.

Da anni di utilizzo di Google per la ricerca di problemi medici, la mia conclusione è questa: per ogni dato farmaco o trattamento, puoi trovare persone che dicono che non ha fatto alcuna differenza; puoi trovare persone che hanno detto che ha aiutato; e puoi trovare persone che hanno detto che le ha peggiorate. Forum e simili possono fornire informazioni preziose e alcuni di voi potrebbero aver avuto esperienze più positive utilizzando Google in questo modo rispetto a me. Se è così, spero che condividerai la tua esperienza nella sezione commenti qui sotto.

Google come cospiratore per farmi una seconda ipotesi delle mie decisioni sulla salute

Nel 2015, ho scritto di essere stato diagnosticato un cancro al seno. Se vuoi, puoi leggere quel pezzo qui . Che si tratti di un tumore o di un'altra malattia cronica (purtroppo ne soffro parecchio), una volta stabilito un piano di trattamento, ti raccomando di non usare Google per indovinare te stesso.

L'ho imparato nel modo più duro. Dopo aver avuto una lumpectomia, ho deciso di sottopormi a terapia con radiazioni e ormoni (ora chiamata terapia endocrina). Quando ho iniziato questi trattamenti, oltre a consultare tre oncologi, avevo fatto molte ricerche online su tutte le opzioni a mia disposizione, dato il rapporto sulla patologia e altre informazioni "profilo" che mi erano state fornite dopo l'intervento. Avevo preso la mia decisione: radioterapia e terapia endocrina. Eppure, anche dopo aver iniziato questi trattamenti, mi sono ritrovato alla deriva su siti web che erano dedicati a convincermi che tali trattamenti non sono altro che una cospirazione da parte delle compagnie farmaceutiche e l'assistenza sanitaria per diventare ricchi.

Mi ci sono volute un paio di settimane per rendermi conto che usare Google in questo modo non era utile; in effetti, mi rendeva solo ansioso. Dopotutto, avevo già studiato le varie opzioni di trattamento; Mi ero già consultato con tre oncologi; Ne avevo già parlato con il mio medico di base e con mio marito. Considerando tutto questo, a mio avviso, la cosa auto-compassionevole che ho fatto a questo punto sarebbe stata di stare lontano da fonti che mi stavano facendo ritenere la mia decisione.

Ciò non significa che sia sbagliato cambiare idea, ma raccomando di fare attenzione a quali informazioni si basano prima di farlo.

***

Queste sono alcune delle esperienze che ho avuto con Google, MD e Google, DVM. Oh, e ho avuto alcune esperienze con Google, DDS, ma ti risparmierò una descrizione dei miei problemi dentali.

In conclusione: usa il buon senso e il tuo miglior giudizio quando fai ricerche mediche su internet. Google può essere un valore inestimabile, ma ci sono momenti in cui sarebbe saggio, nelle parole del mio amico Alida, allontanarsi dal computer!

Se ti vengono in mente troppe informazioni contrastanti o se inizi a sentirti confuso o spaventato, ti consiglio di mettere il computer a terra e di consultarti con coloro che conosci e di cui ti fidi (compreso te stesso).

© 2017 Toni Bernhard. Grazie per aver letto il mio lavoro. Sono l'autore di tre libri:

Come vivere bene con Chronic Pain and Illness: A Mindful Guide (2015)

Come svegliarsi: una guida ispirata dal buddismo per navigare tra la gioia e il dolore (2013)

Come essere malati: una guida ispirata dal buddista per i malati cronici e i loro caregivers (2010)

Tutti i miei libri sono disponibili in formato audio da Amazon, audible.com e iTunes.

Visita www.tonibernhard.com per ulteriori informazioni.

Usando l'icona della busta, puoi inviare questo pezzo via email ad altri. Sono attivo su Facebook, Pinterest e Twitter.

Potrebbe piacerti anche "Trovare le informazioni sulla salute di cui hai bisogno su Internet".

Solutions Collecting From Web of "“Dr. Google, "amico o nemico?"