Doze erano i giorni

La somnofilia è una parafilia sessuale in cui l'eccitazione sessuale deriva dall'intrusione, dall'accarezzare e / o dall'accarezzare qualcuno (di solito un estraneo) mentre dormono senza violenza o violenza. Tuttavia, alcune definizioni di somnofilia – mentre tutte connesse al sonno – a volte differiscono leggermente. Per esempio, alcune definizioni di somnofilia dicono che si riferisce effettivamente ad avere rapporti sessuali con un partner che dorme (piuttosto che semplicemente toccare qualcuno sessualmente mentre sono addormentati). Un'altra definizione che ho trovato dice che la somnofilia include anche fare sesso con qualcuno mentre sono incoscienti. Quest'ultima variazione può essere dovuta al maggiore uso di farmaci come rohypnol ("roofies") che sono stati implicati in reati sessuali come "data di stupro". Non esiste un termine tecnico per la condizione reciproca di essere il destinatario dei progressi sessuali mentre dorme. Questo è pensato per accadere più spesso nella fantasia che nella realtà.

Alcuni segni o sintomi che possono indicare la somnofilia includono pensieri ricorrenti riguardanti individui incoscienti o addormentati e sentimenti di stimoli sessuali quando sono in contatto o in prossimità di queste persone. Mentre c'è una speculazione sul trattamento (ad es. Ipnosi, terapia comportamentale e programmi in 12 fasi), non è necessaria a meno che il comportamento non diventi distruttivo, problematico e / o implichi attività sessuali criminali e diventi un problema legale.

Empiricamente, si sa molto poco sulla somnofilia e per quanto ne so non ci sono dati riguardanti la sua prevalenza, l'eziologia o il trattamento (nemmeno un singolo caso studio). Vari sessuologi e autori hanno fatto riferimento ad esso (come John Money, Nancy Butcher e Rudy Flora). Lo storico Richard Burg pubblicò un articolo del 1982 sul Journal of the History of the Behavioural Sciences, e suggerì la possibilità di un continuum di focus erotico dalla fantasia del somnofilia agli atti che coinvolgono la necrofilia. In effetti, a volte la somnofilia è stata descritta come "pseudo-necrofilia" in quanto entrambe le parafilie implicano il fatto di avere rapporti sessuali con un essere umano che non è consapevole e / o cosciente e non hanno dato il consenso.

In un numero del 1972 dell'International Journal of Psychoanalysis, gli psicologi Dr. Victor Calef e il Dr. Edward Weinshel decifrarono la somnophila come "sindrome della bella addormentata" e asserirono che la somnofilia era l'equivalente nevrotico della necrofilia. Come hanno affermato:

"Il tema della" Bella addormentata "che è riportato in vita, per così dire, dall'amore di un principe azzurro è quello che ha affascinato sia i narratori che gli ascoltatori per centinaia di anni. È nostra impressione che non di rado ascoltiamo, dai nostri pazienti analitici – principalmente attraverso varie negazioni – questo stesso tema e i suoi desideri mascherati. Ci riferiamo a quei pazienti che si lamentano che i loro coniugi vanno a dormire prima di loro e prima che l'attività sessuale possa essere iniziata. È la nostra esperienza che, almeno in molte di queste persone, questa denuncia è un tentativo di nascondere il fascino e l'attrazione per l'oggetto sessuale addormentato e il desiderio di fare l'amore con quell'oggetto ".

Tuttavia, alla fine hanno concluso che sebbene la somnofilia abbia alcune caratteristiche in comune con la necrofilia, le due sindromi non riflettono necessariamente la stessa patologia sottostante. Usando la teoria freudiana, Calef e Weinshel ipotizzarono che la somnofilia soggiacente fosse il desiderio di ritornare all'utero materno, e che i somnofili avessero problemi complessi edipici irrisolti, fissazioni su stadi pre-genitali dello sviluppo psicosessuale e ansia da castrazione. Tuttavia, come per quasi tutte le teorie psicoanalitiche, è difficile progettare qualsiasi ricerca per confermare o negare tali speculazioni.

Autore James Joyce

Nella ricerca sul tema della somnofilia, mi sono imbattuto in un articolo del 2006 di Mark Knowles (New School for Social Research, New York) che ha esaminato il contenuto sessuale delle lettere scritte dal romanziere irlandese James Joyce (1882-1941). Lo scopo principale del lavoro di Knowles era di esaminare i modi in cui le fantasie sessuali parafiliche di Joyce erano espresse nel suo rapporto con sua moglie (Nora Barnacle) tramite lettere scritte alla fine del 1909. La maggior parte degli scritti parafilici riguardava la coprofilia (sessuale interesse per le feci), ma in una lettera (dell'8 dicembre), Knowles notò che c'era anche un esempio di fantasia somnofila. Qui, Joyce scrive di come si esibirà il cunnilingus su sua moglie nel tentativo di "sorprenderla addormentata". Questo la farà "gemere e grugnire e sospirare e scoreggiare con lussuria in [lei] sonno".

Knowles ha affermato che gli investigatori hanno suggerito che l'eziologia della somnofilia è simile a quella del feticismo e della coprofilia (sebbene questi "investigatori" non siano stati referenziati – sebbene abbia citato il lavoro di Calef e Weinshel). Knowles ha notato:

"Il grado in cui gli impulsi libidici aberranti di Joyce sono stati influenzati da fattori come questi è incerto; tuttavia, il fatto che l'angoscia di castrazione sia stata postulata come meccanismo causale nei confronti della somnofilia nonché del feticismo e della coprofilia, i secondi due dei quali hanno svolto ruoli salienti nelle sue fantasie sessuali, conferisce credibilità alla nozione che la minaccia di castrazione abbia effettivamente costituiscono il "complesso nucleare" di Joyce. "

Christina Eugene (Bowling Green State University, USA) ha anche fatto alcune osservazioni interessanti nella sua tesi del 2006 "Potent Sleep: The Cultural Politics of Sleep". Ha affermato:

"Il sonno è l'oggettivo essenziale di tutta la vita. La passività del sonno trasforma i soggetti in oggetti inanimati, e in tal modo rimuove il privilegio del soggetto di essere in grado di agire sul mondo degli oggetti … Questo rendering di persone in oggetti inanimati permette loro di essere trattati fondamentalmente come oggetti – consumati, feticizzati e controllata. In accordo con la totalità del capitalismo e del fallocentrismo, è emerso un feticcio erotico per le belle addormentate ".

Eugene fa anche un riferimento pesante alla tesi di Carolyn Fay del 2002 (University of Virginia, USA) "Storie del corpo addormentato: narrativa letteraria, scientifica e filosofica del sonno nella Francia dell'Ottocento". Sebbene non utilizzi effettivamente la parola "somnofilia", Fay afferma che:

"La cultura del sonno contemporaneo è guidata dall'idea che la persona addormentata sia una persona assente … Per il feticista, il sonno è quel momento perfetto in cui la coscienza viene evacuata, lasciando un frammento vivente e respirante, degno di amore." [Uomini che cercano di attualizzare il loro desiderio di avere rapporti sessuali con una donna addormentata può usare droghe per mantenere lo stato di incoscienza] "perché se la persona si sveglia, la fantasia e l'oggetto fetish si perdono".

In risposta a ciò, Eugenio sostiene quindi che la somnofilia enfatizza:

"La fusione di assenza e passività perché piuttosto che essere passiva, il feticcio è mantenuto dalla sua assenza. Quali sono le dinamiche che hanno creato queste perplessità? Cosa può spiegare sia il feticcio della bella addormentata che la sonnifobia di una cultura in cui le persone sono disposte a autoinfliggere la tortura della privazione del sonno? Nonostante l'assoluta oscurità di questa cultura fetish, entrambi sono, tuttavia, un'esemplificazione di particolari messaggi culturali che sono scritti sul corpo addormentato. "

Dato che preferisco i dati empirici, non sono sicuro che questi dibattiti nella letteratura sulle arti e le scienze umane aggiungano ciò che sappiamo scientificamente della somnofilia, ma per lo meno fanno una lettura interessante sulla condizione umana. In assenza di qualsiasi cosa nella letteratura empirica, ho trascorso secoli cercando di trovare una sorta di case study e questo era il meglio che potevo inventare:

"Ho un feticcio che ho scoperto è chiamato somnofilia. L'ho detto alla mia ragazza e lei non ha alcun problema con esso, o con il permesso di realizzare la mia fantasia con lei, dal momento che è molto sottomessa. L'unico problema è che lei ha il sonno leggero. Come in, si sveglia alla goccia di un cappello. Per questo motivo, non c'è davvero alcun modo per me di farlo in modo naturale. Ho provato metodi artificiali come i sonniferi [da banco]. Tuttavia, questi la rendono solo sonnolenta, ma non influenzano la sua profondità di sonno (cioè, lei si sveglia ancora immediatamente). Sto cercando sia un metodo che un farmaco che la metteranno in un sonno molto profondo, o addirittura la lasceranno incosciente, come se tu fossi sotto l'influenza di un anestetico generale durante l'intervento chirurgico. Credo che avrei bisogno di un sedativo / ipnotico molto potente. Ho sentito parlare di droghe come Rohypnol, ma so che queste sono illegali negli Stati Uniti, e non sto cercando di metterci nei guai qui. Ho pensato di chiedere a un farmacista, ma temo che pensino che sto cercando una "droga per stupro con gli appuntamenti" per scopi illegali e che mi chiamano i poliziotti. Sto cercando qualcosa che la butterà fuori e resisterà ad una attività vigorosa come il sesso ".

Sebbene qui ci siano pochi dettagli, e non c'è modo di verificare la veridicità, questo motivo suggerisce almeno che la somnofilia sia più di una parafilia teorica.

Riferimenti e ulteriori letture

Burg, BR (1982). Gli ammalati e i morti: lo sviluppo della teoria psicologica sulla necrofilia da Krafft-Ebing al presente. Journal of the History of Behavioral Sciences, 18, 242-254.

Macellaio, N. (2003). Lo strano caso del cadavere ambulante: una cronaca di misteri medici, rimedi curiosi e folklore bizzarro ma autentico. New York: Avery.

Calef, V., & Weinshel, EM (1972). Su certi equivalenti nevrotici della necrofilia. International Journal of Psychoanalysis , 53, 67-75.

Eugene, NC (2006). Potent Sleep: The Cultural Politics of Sleep. Tesi di laurea, Bowling Green State University, Studi di cultura americana / Inglese.

Fay, CM (2002). Storie del corpo addormentato: narrativa letteraria, scientifica e filosofica del sonno nella Francia dell'Ottocento. Diss. U Virginia, 2002. Ann Arbor: UMI.

Flora, R. (2001). Come lavorare con i trasgressori sessuali: un manuale per i professionisti della giustizia penale, del servizio umano e della salute mentale . New York: Haworth Clinical Practice Press.

Joyce, J. (1975). Lettere selezionate di James Joyce. R. Ellmann (Ed.) . New York: Viking Press.

Knowles, JM (2006). Le parole sporche di Nora: Scatology nelle lettere di James Joyce. The New School Psychology Bulletin, 4, 91-101.

Love, B. (1992). Enciclopedia delle pratiche sessuali insolite. Fort Lee, NJ: Barricade Books

Money, J. (1986). Lovemaps: concetti clinici di salute / patologia sessuale / erotica, parafilia e trasposizione di genere nell'infanzia, nell'adolescenza e nella maturità . New York: Irvington.

Solutions Collecting From Web of "Doze erano i giorni"