Dovresti scrivere con un partner?

Ogni tanto uno schermo o un mio scrittore televisivo combatte con l'idea di assumere un compagno di scrittura. Avendo fatto dozzine di sessioni di terapia con i team di scrittura nel corso degli anni, oltre a aver iniziato la mia precedente carriera a Hollywood come metà di una partnership di scrittura di sitcom, ho più di qualche idea sui potenziali benefici, sulle responsabilità e sui tumulti di ciò. Chiamiamo questi (con scuse a Sergio Leone) il Bene, il Cattivo e il Cattivo.

The Good: Gli ovvi benefici di un partner di scrittura possono essere ridotti al noto adagio, "Due teste sono meglio di una." Con un partner hai il vantaggio di una cassa armonica per le tue idee, un uomo etero (o donna) per le tue battute e una zattera di salvataggio quando la tua ispirazione sta affondando.

Un partner porta anche vantaggi meno evidenti. Se sei incline a procrastinare, solo sapere che il tuo partner ti sta aspettando con impazienza ti aiuterà a motivarti. Un compagno di scrittura può tirarti su quando ti senti giù. Inoltre, quando lanci una storia a un produttore o a un exec in studio, la tua memoria potrebbe improvvisamente flaggare, o otterrai gli elementi narrativi fuori ordine e il panico si insinuerà. In tal caso, un buon partner di scrittura può intensificare e pizzicare colpito per te. (Aiuta anche quando un tono va male per avere qualcuno con cui commiserare le birre all'inevitabile post-mortem.)

Infine, un partner di scrittura può essere la soluzione ovvia per un noto svantaggio della professione: può essere solitario. Per molti sceneggiatori di TV e di film, so che assumere un partner li ha salvati da un'esperienza di solitudine che, dopo un certo numero di anni, era diventata letteralmente intollerabile.

Il prossimo: i cattivi: per tutti gli scrittori che conosco, il pensiero di dover compromettere la loro visione, negoziare scene e dialoghi e dividere il credito (e le tasse) è altrettanto intollerabile. L'inverso della solitudine a cui gli scrittori spesso soccombono è la privacy sublime e la libertà dalle interferenze di cui gode uno scrittore solista. "È già abbastanza brutto", mi disse uno dei miei pazienti, "dover prendere appunti da agenti, produttori, registi e attori. Ma doverli prendere da un compagno di scrittura è esasperante. "Questo paziente, come avrai intuito, aveva lavorato con un partner per anni prima di andare per la sua strada.

Il che fa emergere un altro dilemma che affligge la scrittura di partnership: come ognuno di voi è percepito nel mercato. Uno di voi è considerato il più talentuoso, più divertente, più facile andare d'accordo? All'interno della partnership stessa, la divisione del lavoro è giusta, efficace, logica? E chi decide queste preoccupazioni? Quale di voi due assume il ruolo di portavoce del team, agente di collegamento, colui che ha l'orecchio della stella sul set?

E, infine, cosa succede quando i due scrittori crescono in direzioni diverse? Quando, ad esempio, uno ha l'ambizione di scrivere sceneggiature drammatiche di film o TV, mentre l'altro preferisce rimanere nella commedia? Quando uno scrittore vuole provare la sua mano a un romanzo o giocare? O decide di andare in un ritiro spirituale di tre mesi? Cosa fa il partner, si sieda e aspetta? O iniziare a cercare un nuovo partner?

Il che mi porta, purtroppo, all'aspetto di scrivere partnership che ho soprannominato il brutto: come ho già detto, vedo gruppi di scrittura nella mia pratica di terapia, e di solito per lo stesso motivo per cui vedo coppie romantiche: problemi che riguardano il denaro , comunicazione, potere, gelosia e paura dell'abbandono.

Come in ogni relazione a lungo termine, una collaborazione scritta crea un ambiente in cui emergono vecchi problemi interpersonali e di intimità. Problemi che esistevano molto prima che ti unissi come una squadra. Pensaci. Se gli strumenti di comunicazione sono scarsi in altre aree della tua vita, cosa ti fa pensare che ti occuperai di un partner di scrittura in modi più efficaci? Se sei incline all'invidia, diciamo, questo si rivelerà vero anche nella partnership. Se, per evitare conflitti, ti arrendi ai tuoi bisogni e alle tue convinzioni nelle altre tue relazioni, è probabile che tu faccia lo stesso nel tuo rapporto di scrittura.

Come ho visto nel mio ufficio, questi problemi possono diventare particolarmente dolorosi se il team di scrittura ha successo. Come la coppia infelice che sta insieme "per il bene dei bambini", ci sono partner di scrittura che stanno insieme per mantenere il loro livello di successo professionale. "Non posso permettermi di ottenere il divorzio", ho sentito molti marito o moglie dire privatamente a me. Ho sentito molti membri di un gruppo di sceneggiatori che mi dicono la stessa cosa.

Ora ecco la buona notizia: come con la maggior parte delle coppie, i problemi che interrompono un partenariato scritto di solito possono essere affrontati e elaborati se ognuno degli scrittori è disposto a farlo. Tuttavia, come attesta qualsiasi terapeuta che faccia consulenza di coppia, non esiste un piano per raggiungere una comunicazione efficace e favorire l'intimità; ogni relazione, in definitiva, è un mistero. Lo stesso vale per la scrittura di partnership. Persino produttivi, di successo. Alcuni giorni sono buoni, alcuni sono cattivi e alcuni sono semplicemente brutti.

Come con la maggior parte delle cose nella vita, i piaceri e le pene della scrittura con un partner sono particolari per ogni scrittore e una funzione del temperamento di quello scrittore. In altre parole, più conosci te stesso, meglio sarai in grado di decidere se scrivere con un partner è giusto per te.

In bocca al lupo.

——————

Un ex sceneggiatore di Hollywood, Dennis Palumbo è ora uno psicoterapeuta autorizzato in uno studio privato, così come l'autore della serie di misteri di Daniel Rinaldi. Per maggiori informazioni, visitare www.dennispalumbo.com

Solutions Collecting From Web of "Dovresti scrivere con un partner?"