Dovresti gestire le tue aspettative?

Di Jan-Emmanuel De Neve e Tali Sharot

Il comitato organizzatore delle Olimpiadi di Londra 2012 avrà stabilito che le prime partite della storia siano in linea con il premier David Cameron affermando con orgoglio: "Abbiamo consegnato questo incredibile Parco Olimpico in tempo, con un budget e con uno stile reale".

Questa impresa è in gran parte dovuta al fatto che il governo britannico ha adeguato il budget olimpico originario per la tendenza sistematica a sottovalutare il costo e la durata dei progetti. Questa propensione fa parte di ciò che è noto come "pregiudizio dell'ottimismo", che tende a insinuarsi nelle nostre previsioni sul futuro. Le organizzazioni possono giustificare l'ottimismo nella loro pianificazione e sarebbe mal consigliato di non farlo. Gli individui sono anche in grado di anticipare il proprio ottimismo e di adeguare le aspettative quando si pianifica un rinnovo o si pianifica un matrimonio. Ci chiedevamo, tuttavia, se un individuo potesse anche aggiustare le proprie aspettative dalla vita e se si dovrebbe?

La ricerca suggerisce che "gestire" le proprie aspettative personali è più facile a dirsi che a farsi e potrebbe persino essere controproducente. Considera la saggezza convenzionale secondo cui "il segreto della felicità è una bassa aspettativa". La logica è questa: se non ci aspettiamo di avere successo o essere felici, non saremo delusi quando le cose non andranno a buon fine e piacevolmente sorprese quando le cose vanno bene?

C'è un problema con l'idea che le persone dovrebbero abbassare le aspettative per aumentare il benessere. Può funzionare in teoria, ma non regge se testato empiricamente. Si scopre che le persone con grandi aspettative sono generalmente più felici, che abbiano successo o meno. Questa scoperta sorprendente sembra essere il risultato di tre processi cognitivi.

Innanzitutto, ciò che conta per il nostro benessere è il modo in cui interpretiamo gli eventi che incontriamo. Due psicologi, Margaret Marshall e Jonathon Brown, hanno chiesto agli studenti di indovinare il voto che avrebbero ottenuto durante un esame di medio termine. Sì, le persone che si aspettavano un A, ma avevano una C, erano sorprese. Ma si sentivano peggio di quelli che si aspettavano una C tutto il tempo? No, perché gli studenti che credevano che non avrebbero fatto bene lo considerarono una conferma della loro minore abilità. Al contrario, gli studenti che si aspettavano un A, ma hanno ottenuto un C, hanno concluso che la prossima volta avrebbero fatto più sforzi ed erano fiduciosi che alla fine avrebbero ottenuto quello A. I pochi studenti con basse aspettative hanno ottenuto un A attribuito questo alla fortuna, mentre quando le persone con grandi aspettative riescono a credere che sia per via dei loro tratti personali, ho ottenuto un A perché sono intelligente.

Clicca qui per leggere il documento di Marshal & Brown.

Secondo, quando correggono le aspettative della gente verso l'alto, in realtà fanno meglio. La neuroscienziata cognitiva Sara Bengtsson ha recentemente dimostrato che era sufficiente innescare le persone con la parola "intelligente" per farle ottenere punteggi più alti in un compito di apprendimento delle regole. Perché? Le persone che sono state costrette a pensare che faranno bene sono più inclini a imparare dai propri errori e, successivamente, a fare meglio. D'altra parte, se qualcuno è costretto a credere che è improbabile che abbia successo, è meno incline a imparare dagli errori e così è più probabile che falliscano. Stabilire aspettative soggettive alte o basse ha conseguenze oggettive.

Clicca qui per leggere il documento di Bengtsson.

Infine, avere grandi aspettative sul futuro ci rende più felici al momento. In effetti, ci piace anticipare le cose buone così tanto che siamo persino disposti a pagare per questo. L'economista comportamentale George Loewenstein ha chiesto agli studenti della sua università di immaginare di poter ottenere un bacio dalla loro celebrità preferita. Ha poi chiesto quanto sarebbero disposti a pagare per ottenere un bacio da quella celebrità ora o in qualche momento successivo. Gli studenti erano disposti a pagare di più, non per ottenere il bacio immediatamente, ma per riceverlo in tre giorni. Erano disposti a pagare un extra per l'opportunità di aspettare. L'intuizione qui è che aspettarsi che qualcosa di bello accada ha come risultato un piacere anticipatorio. Gli ottimisti si aspettano più baci nel loro futuro e quelle aspettative aumentano il loro benessere oggi.

Clicca qui per leggere il documento di Loewenstein.

La chiave del nostro benessere non è delle aspettative basse. È la capacità di interpretare risultati negativi inattesi in modo positivo. Dovremmo considerare il fallimento come un'opportunità per imparare e fare meglio e crogiolarsi nelle nostre aspettative elevate.

Clicca qui per vedere il TED talk di Sharot sull'argomento.

Il dott. Jan-Emmanuel De Neve è professore associato di economia politica e scienze comportamentali all'University College di Londra. Dr Tali Sharot è un Wellcome Trust Fellow presso il Dipartimento di Scienze Cognitive, Percettive e del Cervello presso l'University College di Londra e autore di The Optimism Bias.

Solutions Collecting From Web of "Dovresti gestire le tue aspettative?"